Giornata mondiale controGreen Hill e la vivisezioneProteste in 70 città

A Milano un presidio contro la vivisezione e la multinazionale Green Hill promosso dall’ex ministro del Turismo Michela Brambilla. Proteste in 70 città

“Liberateci! Non siamo prodotti dal laboratorio ma dolci cagnolini che hanno il diritto di godere dell'amore di una famiglia. Proprio come tutti i cani. Non abbandonateci!". 

E' questo il particolare videoappello lanciato nei giardini di via Palestro a Milano, in nome e per conto dei 2500 "fratelli" detenuti nel lager di Montichiari, da cinque cuccioli di beagle.

In occasione della giornata mondiale di protesta contro l’allevamento Green Hill e contro la vivisezione, l'ex ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha "tradotto" il messaggio dei cuccioli. 

E ha aggiunto: "Non sono prodotti, come li chiamano i dirigenti di Green Hill e non sono cavie da laboratorio, come li definiscono certi ricercatori. Sono solo dolcissimi cuccioli che hanno diritto alla vita e non devono terminare la propria esistenza tra atroci sofferenze, sui tavoli dei laboratori di vivisezione di mezza Europa".

Il blitz del 28 aprile ha trasformato la vicenda Green Hill in un caso planetario. Oggi sono previste manifestazioni, sit-in e varie forme di protesta in almeno 35 città italiane e 40 straniere, da Praga a Katmandu, generalmente di fronte alle ambasciate o alle rappresentanze consolari italiane.

"Confido che i colleghi del Senato vorranno ascoltare la voce che oggi si leva da ogni parte del mondo e vogliano dare corso alla rapida approvazione della legge comunitaria che all'art 14 contiene la norma che ho scritto e che comporterà la chiusura di Green Hill, "il divieto di allevamento di cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione su tutto il territorio nazionale", ha concluso la Brambilla.

La Camera dei deputati ha già licenziato il testo votando a larga maggioranza e, in quella sede, la norma Brambilla aveva ottenuto anche il parere favorevole dei ministeri della Salute e delle Politiche comunitarie oltre che di tutte le commissioni di merito.

Commenti

Il_Presidente

Gio, 10/05/2012 - 13:25

ma non rompete sempre con 'sti cani. Va bene a non maltrattare gli animali gratuitamente. Ma ci sono ben altre priorità di cui occuparsi. Questa insensata adorazione dell'animale domestico sta trasformando i quartieri in canili... e vai di rumore a tutte le ore,degrado,sporcizia,cattivi odori, pericolo di aggressioni. E guai a toccare il povero randagio o cane domestico! Ha il DIRITTO ESISTENZIALE di abbaiare tutta la notte, chissenefrega dei lavoratori che non dormono? Avete rotto!

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 10/05/2012 - 16:14

1 il presidente; A proposito di rompimenti vari, gli umani hanno la laurea in scassamento di zebedei, gli animali la licenza superiore.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 10/05/2012 - 21:40

Nulla vieta che la sperimentazione farmacologica possa avvenire direttamente sui soggetti contrari all'impiego del modello animale.