Il giudice condanna il pm ​al posto dell'imputato

È successo al tribunale di Milano

Una storia di giustizia distratta. Il giudice che condanna il pm al posto dell'imputato è un caso unico nel panorama italiano. La vicenda, raccontata da Repubblica, ha avuto luogo al tribunale di Milano. Il giudice Maria Pia Bianchi della V sezione penale del tribunale, per un errore di trascrizione, ha condannato il pubblico ministero Angelo Renna per guida in stato di ebrezza. Accortosi dell'errore, la toga ha dovuto fissare una camera di consiglio straordinaria per ovviare all'errore.

"Con ogni evidenza si è trattato di un piccolo errore materiale, come ne possono capitare nei procedimenti penali - ha detto il giudice Maria Pia Bianchi - il processo si è svolto in modo del tutto regolare, sempre alla presenza dell'imputato e dei suoi legali. E una volta realizzato di avere sbagliato, abbiamo subito posto rimedio".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 19/02/2016 - 09:32

altro che piccolo sbaglio ! è tutta la giustizia italiana un GROSSO errore!!!!

redy_t

Ven, 19/02/2016 - 09:35

Velocissimi a correggere un errore che colpisce uno della loro "casta" molto meno veloci a riparare gli errori verso un normale cittadino.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 19/02/2016 - 09:53

E poi le toghe si lamentano se vengono sbeffeggiate ed insultate!VA bé che la VERITA' offende oltre che a far male

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 19/02/2016 - 09:53

cosi' possiamo supporre che molti innocenti , persone comuni, siano condannati per ''errori di trascrizione'' ma, non essendo essi membri della casta, per loro ristabilire la verita' diventa un perorso simile alla via crucis.

giolio

Ven, 19/02/2016 - 09:55

Aveva le mestruazioni poverina!!!!!!!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 19/02/2016 - 10:39

Dr. Armando Spataro della Procura di Torino anche questi sono suoi colleghi. E se Salvini avesse ragione?

unosolo

Ven, 19/02/2016 - 11:11

davvero è accaduto e subito riparato al volo l'errore ? quanti poveri disgraziati sono ancora in galera per errori superficiali e nessuno corre ai ripari , certo poi se si dice di una certa giustizia che non sia nella norma in parole diverse si rischia la condanna o il pagamento di una penale , ma se sbaglia il giudice ? non criticate altrimenti venite messi dietro la lavagna in punizione.

il nazionalista

Ven, 19/02/2016 - 11:16

L'INFALLIBILE giustizia italiana!! Se al posto del collega c' era un povero Cristo, erano mesi di ansia e giramento di ... scatole. Oltre che di spese salate e senza alcun risarcimento. E il giudice, per la sua c.zz.t., sarebbe stato non responsabile ed impunibile. Come sempre!!!

fer 44

Ven, 19/02/2016 - 11:20

A me anni fa al valico Italo-Svizzero di Ponte Tresa, al rientro da un viaggio all'estero, hanno bloccato la macchina perchè malgrado la corte di Assise d'appello del tribunale di Milano mi avesse assolto e scritto sulla sentenza di "NOTIFICARE A CHI DI DOVERE",qualcuno si era dimenticato di NOTIFICARE e pertanto io risultavo ancora imputato. Per mia fortuna ho trovato un Ufficiale di P.S. molto comprensivo, che si è fidato della mia promessa di tornare la mattina successiva al valico, con la documentazione dell'assoluzione, e mi ha lasciato l'auto e proseguire per casa.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Ven, 19/02/2016 - 11:25

Che sia un caso, più unico che raro, di giudice illuminato?

giosafat

Ven, 19/02/2016 - 11:54

Meglio delle comiche....e gratis.

cecco61

Ven, 19/02/2016 - 12:00

Come evidenziato da altri fa specie come, quando è uno di loro vittima di un errore, la giustizia italiana riesce a battere in velocità pure Superman.

heidiforking

Ven, 19/02/2016 - 12:02

E'piccolo sbaglio ragazzi!! Non esageriamo con la polemica, i giudici hanno altre cose a cui pensare e poi quando i piccoli sbagli li fate voi loro mica si accaniscono e capiscono la situazione che diamine !!!!! Daltronde sono oberati di lavoro ahahah

erminio

Ven, 19/02/2016 - 12:38

Giusto sistemare subito la cosa. E' un magistrato. Triste se non lo era.

erminio

Ven, 19/02/2016 - 12:47

E poi dicono che ..... Invece hanno immediatamente sistemata la cosa. Era un magistrato. Gia per sistemare una svista, Quanti anni se non lo era.

cgf

Ven, 19/02/2016 - 13:07

Ovvio che l'iter del processo si è svolto, come sempre, in maniera regolare ed ineccepibile, nei fatti il giudice non è stato attento

elpaso21

Ven, 19/02/2016 - 13:31

Quindi immmagino che se qualcuno viene condannato per un errore di trascrizione dovrà procurarsi anche un avvocato.

Malacappa

Ven, 19/02/2016 - 13:48

Qui mi chiedo chi era in stato di ebrezza,

killkoms

Ven, 19/02/2016 - 14:02

piccolo errore?andrebbe cacciata dalla magistratura!se un poliziotto arresta in uomo al posto di un altro,ci ha lui in galera!

Ritratto di navigatore

navigatore

Ven, 19/02/2016 - 14:05

questa e´la vera e classica dimostrazione a tutti gli ITALIANI onesti che la MAGISTRATURA e´una casta/un ClAN/ una mafia ,una loggia segreta , dove a loro tutto e´permesso anche sbagliare contro gli innocenti e mai pagare,ricordo che sono dei servitori dello STATO e come tali soggetti a tutte le leggi dello Stato e non il contario ,come e´attualmente

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 19/02/2016 - 14:06

Per una volta la sfiga tocca anche ai Pm e non solo ai cittadini.....

Ritratto di vadis

vadis

Ven, 19/02/2016 - 14:24

Ha! Adesso capisco perchè i ladri son tranquilli in Italia!

gianrico45

Ven, 19/02/2016 - 15:05

Lo sbaglio è stato rimediato in fretta perché il condannato per sbaglio è uno di loro,altrimenti non ci sarebbero bastati un paio di anni.

gneo58

Ven, 19/02/2016 - 15:18

Al sottoscritto, in una causa civile, tantissimo anni fa per una virgola (virgola nel vero senso della parola) tralasciata e' toccato sborsare all'epoca 900.000 lire per sistemare la cosa. Il tutto per una distrazione dell'impiegato del tribunale. Questo la dice lunga.

seccatissimo

Sab, 20/02/2016 - 00:52

Chi sa se nel così spesso citato far west ci sono stati casi di errata trascrizione ?