Del Grande: "Non è accettabile essere incriminati per il lavoro che si svolge"

All'indomani della liberazione dopo due settimane di detenzione, Gabriele Del Grande denuncia: "Ci sono 175 giornalisti nelle carceri in Turchia. Non è accettabile essere incriminati per il lavoro che si svolge"

Gabriele Del Grande ha tenuto una conferenza stampa per raccontare il suo arresto e le due settimane di detenzione nelle carceri in Turchia.

"Non sono un eroe, non mi piace l'idea che un arresto cambi il valore di un lavoro e chiedo di essere giudicato per il mio lavoro, quello che ho fatto e che farò", ha esordito il giornalista nella sede della Stampa estera a Roma.

Il fermo

"Non ho ancora avuto accesso al mio fascicolo né i miei avvocati, quindi non so perché sono stato fermato, quello che posso dire è che sono entrato con un passaporto regolare e un timbro regolare, non volevo andare in Siria e non sono stato fermato al confine - ha spiegato il 35enne lucchese - È stata una situazione grave, di violazione delle libertà fondamentali come individuo e come giornalista".

"Ero in un ristorante in una città Rihanli, vicino al confine con la Siria quando sono stato fermato. Non stavo entrando ad Idlib o in teatri di guerra. Si sono presentati otto agenti in borghese che ci hanno mostrato un distintivo, e poi portato in commissariato", ha aggiunto Del Grande.

La detenzione

"Non c'era un traduttore e io non parlo turco, perché lì io incontro siriani e parlo arabo. Sono stato interrogato in una lingua con un arabo e sono stato costretto a firmare un verbale in turco di cui non ho nessuna copia, e su cui mi hanno fatto domande mentre ero in isolamento", ha detto il reporter.

"Ringrazio tutte le persone che si sono mobilitate e che mi hanno fatto forza, soprattutto negli ultimi 12 giorni di isolamento. Solo il fatto di sapere che fuori c'era una certa solidarietà non solo istituzionale dava motivo di coraggio e forza", ha raccontato Del Grande all'indomani della sua liberazione.

Giornalisti incarcerati

"Non sono un corrispondente di una tv o di grande gruppo editoriale, sono una figura ibrida e ho sempre fatto il mestiere così. Stavo facendo un lavoro di ricerca e non ho mai avuto bisogno della tessera stampa internazonale. Il mio obiettivo è portare a casa delle storie e un pezzo di mondo", ha precisato.

"Io sono stato il numero 175 tra i giornalisti presenti nelle carceri turche, secondo i dati ufficiali. Faccio quindi appello (alla Turchia, ndr) perché liberi tutti i giornalisti. A me è andata bene, perché le forze diplomatiche si sono mobilitate, ma ci sono tanti colleghi ancora presenti in carcere" - ha concluso il giornalista - Non è accettabile essere incriminati per il lavoro che si svolge. La gente deve sapere".

Commenti

ilProfugo

Mar, 25/04/2017 - 16:19

ancora nessun commento dalla serie "NessunoGliHaChiestoDiAndareInTurchia" ? è un puro divertimento leggere ilGiornalaccio e i suoi commentatori...

rudyger

Mar, 25/04/2017 - 17:12

Il sig. Del grande, si sta sfogando facendo il resoconto della situazione turca. E' certissimo che quello stato lo potrà in futuro rivedere soltanto sulla carta geografica. E tenga presente che il PD-PCI lo scaricherà a momento opportuno.

Ritratto di makko55

Anonimo (non verificato)

lavieenrose

Mar, 25/04/2017 - 17:28

non si preoccupi: vedremo fra qualche giorno come il giornalista capitalizzerà l'avventura e poi diremo se il giornale è un giornalaccio o meno assieme ai suoi commentatori. Le faccio però notare che i maleducati si trovano anche altrove...

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Mar, 25/04/2017 - 18:10

TI HANNO FATTO FARE UN PO DI PUBBLICITA X VENDERE I TUOI ARTICOLI E LE TUE CxxxxxE. NON MI SEMBRI DEPERITO E SOFFERENTE SALUTAMI SOROS

cir

Mar, 25/04/2017 - 18:19

sparati buffone!!

giza48

Mar, 25/04/2017 - 18:29

ilProfugo ha idee chiare e divertenti sul Giornale e sui commenti, ma non si vergogna razza di iena, e come lui tutti i sui amici PD-PCI con l'indignazione tanto al chilo. Ben 175 giornalisti in galera, giornali chiusi, un sacco di altra gente non del partito di Erdogan sempre in prigione, ma nessuno protesta si indigna in Italia e in Europa, fa le manifestazioni arcobaleno o viola!!! E poi, pazzesco, il ministro Alfano che ringrazia il suo omonimo turco per la liberazione, dopo ben 15gg di Del Grande. Capite dopo averci offesi tutti con questo fermo immotivato andiamo anche a ringraziarli!!! Siamo un Paese veramente tappetino senza dignità.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 25/04/2017 - 18:41

Scusate la mia ignoranza, ma di che cosa campa un "blogger"?

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 25/04/2017 - 19:11

giornalista..? Questi(simil Regeni..) di professione fanno i Cercatori di guai. non sono in pace con se stessi fin quando non li trovano cosi da poter dire quanto malvagio è il Potere in terra straniera. poi tornano in Italia..su una aereo dello stato...col Ministro accanto vivi o morti non importa, la loro FAVOLETTA l'hanno scritta l'ideale è raggiunto e l'applauso non gli sarà negato.- che se andassero a LAVORARE a produrre qualche cosa sarebbe meglio un pò per tutti.-

Ritratto di thunder

thunder

Mar, 25/04/2017 - 20:15

ilprofugo,come mai non e'andato in Venezuela il suo giornalista illuminato,ha...e'andato a nelle carceri turche a fare la conta.

ESILIATO

Mar, 25/04/2017 - 20:36

Cosa ci fanno in Turchia questi cosiddetti giornalisti come te. Chi li paga e a chi riportano le loro scoperte; che testate rappresentano????

ESILIATO

Mar, 25/04/2017 - 20:37

Quando arriva il libro..........

fert64

Mar, 25/04/2017 - 22:31

Si nota un certo disappunto quando si afferma che non ci sono state violenze fisiche. Si è alimentato il fuoco sacro della ingiusta detenzione con un supposto sciopero della fame...ma come lo sappiamo se l'individuo è stato tenuto in assoluto isolamento? Cosa si farebbe per reclamizzare un libercolo, il titolo ben in vista quando si intervista la compagna? Quanto abbiamo pagato per questa liberazione? e poi sti turchi, MA LO VOGLIAMO TORTURARE??????

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 26/04/2017 - 06:47

Eroe? Chi? Questo sinistrato a libro paga Open Society (Soros) ? ? Questo ennesimo avventuriero propagandista che grava sul bilancio del paese ? Questo Vanesso vanesio ? Ma per favore....

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Mer, 26/04/2017 - 07:06

toh, abbiamo un altro messìa.

guerrinofe

Mer, 26/04/2017 - 07:56

Con questa faccia da furbetto pensava di coglionare tutti, e risolvere magari con un riscatto milionario. Ma attenti che i turchi potevano buttare la chiave!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 26/04/2017 - 10:37

quest'ennesima nullità (come fa a pagarsi da vivere ? chiedetevelo). Uno come Sgrena, le due Vanesse ecc.. FECCIA DI SINISTRA a libro paga dei mondialisti. Davvero gentaglia