Grecia, sciopero traghetti: bloccati migliaia di turisti

Sciopero dei traghetti in Grecia. I marittimi chiedono un aumento salariale del 5%, ma l'offerta delle compagnie si ferma all'1%

Guai per chi ha scelto la Grecia come meta per le vacanze e ora deve tornare a casa. Uno sciopero di 24 ore proclamato dal sindacato dei marittimi Pno blocca i collegamenti tra il continente e le isole dell'Egeo e dello Ionio che non sono dotate di aeroporti. Fallite le trattative per scongiurare l'astensione dal lavoro, dopo che la richiesta di aumento salariale del 5 per cento, avanzata dai marittimi è stata respinta dalle compagnie di navigazione, disposte ad offrire solamente un ritocco dell'1 per cento.

Lo sciopero causerà numerosi disagi ai tanti turisti che ancora accorrono in Grecia a settembre e ai tanti greci che trascorrono le loro vacanze sulle isole e in questo periodo dell'anno fanno ritorno sul continente.

Le compagnie di navigazione, prevedendo lo sciopero, hanno avvertito i passeggeri già dalla scorsa settimana e per la giornata di oggi non hanno messo in vendita biglietti. Lo sciopero, però, potrebbe durare giorni. In ansia 180mila persone.