Grillina multata da vigile: "Lei non sa chi sono io"

Prima il diverbio poi la multa con tanto di sequestro, ma la grillina negà tutto, anche di aver detto al vigile "lei non sa chi sono io"

I vigili fermano una consigliere grillina, nemmeno il tempo di colpilare la multa che scatta il diverbio.

L'animato scambio di opinioni è sfociato nella classifica affermarzione del "potente" turno che ha subito estratto il "Lei non sa chi sono io". Protagonisti del diverbio sono una vigilessa e la consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Stefania Batzella. Quest'ultima nega di aver pronunciato quelle parole e afferma: "Non mi sono assolutamente qualificata come consigliera". E chiarisce: "Ho solo fatto notare all’agente che avevo sul parabrezza il tagliando del Consiglio regionale che permette di entrare nel parcheggio riservato ai consiglieri".

L'auto però è stata portata in un garage custodito del Consiglio regionale, anziché in deposito Nonostante l'intervento del collega del Pd Elvio Rostagno, che dice di essere giunto al termine della lite e commenta: "Del resto chi non si arrabbierebbe per una multa? Perfino un grillino anticasta". La Batzella, come riporta La Repubblica, nega l'accaduto: "Non ho preso nessuna multa, sono una persona onesta e non devo rispondere a nessuno di quello che faccio". E sostiene di "aver subito un’ingiustizia", ma senza spiegare quale sia: "Non devo spiegare ai giornali". Non contenta si erge a paladina della giustizia dichiarando che è "cittadina prestata alla politica, che combatte ogni giorno contro le ingiustizie".

Dichiarazione fine a stessa, di cui nessuno dubita. Ma se due indizi fanno una prova la Batzella non è poi così anticasta come dice. Nonostante abbia dichiarato: "Tutti i giorni combatto i privilegi della casta, figuriamoci se ne adotto i vizi". Qualche tempo fa era già balzata all'onore delle cronache dopo aver sottoscritto la polizza vita UnipolSai riservata ai membri di Palazzo Lascaris. Il suo nome uscì proprio dall’elenco pubblicato dai 5Stelle per denunciare il privilegio. Anche in quell'occasione, non si scusò anzi, ripiego su un altro classico: "Non ho capito cosa stessi firmando".

Commenti

Mechwarrior

Mer, 13/01/2016 - 17:06

State sereni gli italiani sono tutti fatti della stessa paste del magna magna

19gig50

Mer, 13/01/2016 - 17:21

Il guaio è che lo sappiamo chi sei!!!

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 13/01/2016 - 17:27

Il morbo di Cetto La Qualunque colpisce anchi i grillini ahhhhh

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 13/01/2016 - 17:28

In quella frase, lei non sa chi sono io, che suona come una minaccia, è incappato tempo fa anche un altro esponente politico in pieno centro a Roma,e fu ripreso da smartphone e mandato in rete. Vedo che il vizio rimane.Ma la cosa insolita e comica,stavolta, è che a pronunciarla sia stata una donna,tra l'altro dichiaratamente antica sta. Strano, perché di solito non appena le donne hanno in mano un po' di potere.....in più stavolta si son trovate faccia a faccia due donne con determinati poteri...ne sarà scaturito un bel duello,all'ultimo sangue, per prevalere l'una sull'altra......ahahahahahahah

joecivitanova

Mer, 13/01/2016 - 17:32

...be', adesso lo sappiamo chi è Lei!..

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 13/01/2016 - 17:37

oooohhhh.... ma pooooooveriiiiiinaaaaaa :-)

INGVDI

Mer, 13/01/2016 - 17:40

Piccoli episodi ma significativi nel confermare la stupidità del mondo grillino, e purtroppo anche di chi li vota.

montenotte

Mer, 13/01/2016 - 18:10

Polizza Vita UnipolSai:"Non ho capito cosa stessi firmando". Allora è stata veramente cretina. Forse ha firmato a sua insaputa. Se questi sono gli esempi del palazzo di vetro M5S e nella correttezza dei suoi amministrati, nulla di nuovo sotto il sole: si sono subito adeguati al vecchio.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 13/01/2016 - 18:19

Giorgio Gaber diceva dal 1945, dopo il famoso ventennio, il popolo italiano ha acquistato finalmente il diritto al voto. E' nata così la famosa democrazia rappresentativa, che dopo alcune geniali modifiche, fa si che tu deleghi un partito, che sceglie una coalizione, che sceglie un candidato, che tu non sai chi è, e che tu deleghi a rappresentarti per cinque anni. E che se lo incontri, ti dice giustamente: "Lei non sa chi sono io".

Cheyenne

Mer, 13/01/2016 - 18:29

sono tutti KASTA TUTTI UGUALI LADRONI E FARABUTTI BATTUTI SOLO DAI MAGISTRATI

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 13/01/2016 - 18:41

Non si é capito bene perché é stata multata. Se fosse stata multata per essere entrata nel parcheggio riservato ai consiglieri nonostate esibisse l'autorizzazione sulparabrezza, beh! ...... se cosí fosse, chi ha commesso una castroneria é stato il vigile. E lei aveva tutto il diritto a protestare.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mer, 13/01/2016 - 18:42

Certamente è pura e vergine come il sindaco di Quarto.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 13/01/2016 - 19:12

HAHAHAHA Sei FORTEEE piccardi!!!! Saludos dal Nicaragua

Miraldo

Mer, 13/01/2016 - 19:13

Quelli del M5S sono come i loro compagni del Pd, incapaci e ladri.