Guardia di Finanza e i controlli sulle coppie separate

La Gdf procederà con gli accertamenti anche sulle coppie separate. L'intervento delle fiamme gialle riguarderà tutte le contestazioni che sono emerse nelle cause di divorzio, separazione e per gli assegni mantenimento

La Gdf procederà con gli accertamenti anche sulle coppie separate. L'intervento delle fiamme gialle riguarderà tutte le contestazioni che sono emerse nelle cause di divorzio, separazione e per gli assegni mantenimento. Di fatto nel caso in cui dovessero emergere delle controversie, il giudice potrà delegare alla Guardia di Finanza le indagini. E così la Gdf si è dotata di un database che monitora in tempo reale le situazioni patrimoniali delle coppie separate. Come ricorda Italia Oggi, il nuovo sistema emerge da una circolare della Gdf che autorizza i militari ad appurare la situazione di colui che, richiedendo la difesa a spese dello stato, si dichiara non abbiente. Una metodologia che lo scorso anno ha dato esiti positivi, tanto da indurre il comando generale della Gdf a scegliere di rafforzare le attività tarate sul singolo territorio (30 piani operativi su 45), riducendo a dieci i piani operativi predeterminati.

La nuova circolare, sempre secondo quanto riporta Italia Oggi, illustra le modifi che apportate ai sistemi informativi per migliorare il monitoraggio in tempo reale delle operazioni. Ciò passa anche dall’introduzione di nuovi codici di rilevazione, per tutta una serie di attività di servizio che «impegnano in maniera signifi cativa i reparti.