I genitori del bambino abbandonato: "Siamo imperdonabili"

Parlano i genitori di Yamato, abbandonato per punizione: "Speriamo solo sia il sicuro". Le ricerche continuano senza sosta

Sono quattro giorni che di Yamato Tanooka, il bambino abbandonato nel bosco, non si hanno più notizie.

Durante una gita il piccolo ha "inspiegabilmente" cominciato a lanciare sassi contro delle auto. Così i genitori hanno deciso di punire il bimbo di 7 anni abbandonandolo alle pendici del monte Komagatake, sull'isola di Hokkaido in Giappone. "Ci siamo allontanati da lui non più di 500 metri e solo per pochi minuti" hanno commentato, dopo aver smentito la precedente affermazione secondo cui il bambino si fosse semplicemente perso.

"Volevamo solo spaventarlo", hanno assicurato. Eppure, una volta tornati indietro, il bambino era scomparso.

"Abbiamo fatto una cosa imperdonabile a nostro figlio" ha commentato il padre Takayuki, "Speriamo solo che sia al sicuro". Mentre centinaia di volontari (tra cui i cacciatori di orsi della zona), militari e poliziotti giapponesi sono sulle tracce di Yamato, si teme per le bassissime temperature notturne. E resta la speranza che Yamato abbia trovato un rifugio sicuro.

Commenti

titina

Gio, 02/06/2016 - 13:46

dei genitori che puniscono un bambino lasciandolo nel bosco non possono fare i genitori. Speriamo che il bambino abbia trovato una famiglia e stia bene lì, magari non vuole vedere più i suoi genitori.