I lauti compensi della Regione Toscana, terra del premier Renzi

Il mandato del presidente Enrico Rossi e della sua giunta costerà 8 milioni e mezzo di euro. Tra figli e nipoti d'arte, ex assessori e dirigenti di Provincia, tutto fa brodo

La nuova giunta regionale capitanata dal Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, targata Pd, avrà costi e compensi da record. Proprio nel cuore della centralissima Firenze dove ha sede la Regione, le porte si aprono a figli e nipoti d'arte, amici di amici e parenti, persone viste e riviste.

C'è Tommaso Braccesi, sindaco di Cutigliano per dinastia: prima di lui, anche il padre (già consigliere regionale) e il nonno, anche senatore, hanno retto il piccolo Comune sulla montagna pistoiese. A capo segreteria organizzativa degli assessori della giunta regionale, ci sono anche funzionari pubblici: è il caso di Luca Lischi, già capo di gabinetto in Provincia a Livorno. Nella nomenclatura regionale, per il Rossi bis sono pochi i volti nuovi. E quelli in ascesa, nelle segreterie degli assessori o fra i consulenti del governatore, arrivano dalle campagne elettorali. Con compensi - di legge - che oscillano fra i 60mila e i 110mila euro l’anno. Lordi, però. “Oneri riflessi” compresi.

L’ufficio di gabinetto del governatore Enrico Rossi - fra consiglieri, consulenti, personale assegnato e responsabile storico - in un anno costa circa 750mila euro lordi, oneri compresi. In un mandato, sono tre milioni e mezzo. Con i compensi dei capi segreteria degli assessori, sono altri cinque milioni nel quinquennio. Alla fine del mandato, il dato complessivo è di otto milioni e mezzo di incarichi.

Una cifra che di sicuro non lascia i differenti.

Rossi, ad esempio, non ha nascosto, dall’inizio della legislatura, di voler nominare 6 consiglieri per l’ufficio di presidenza. Cinque li ha già scelti. Due sono esperti, tre giovani della campagna elettorale. Per tutti, lo stesso compenso: 59mila euro lordi. Tra questi, le new entry sono: Antonio Cannata, Federico Bogazzi e Isa Garosi. Cannetta, con Susanna Cressati (ex responsabile della comunicazione regionale) ha curato l’ufficio stampa del governatore in campagna elettorale. È stato anche direttore di Novaradio e ha esperienza di comunicazione sociale. Bogazzi è un giornalista radiofonico di Carrara con una lunga esperienza a Radio Popolare a Roma e Milano; infine Isa Garosi è stata anche assessore alle pari opportunità e sociale a Buti, in provincia di Pisa. Per tutti e tre, l’impegno nello staff di Rossi «sarà nell’elaborazione di strategie di comunicazione politica legate al ruolo crescente che la Toscana dovrà assumere in ambito europeo. Le strategie dovranno riguardare progetti comunitari specifici di ampio respiro, che attengono al mandato del presidente e che nulla hanno a che vedere con la comunicazione dell’attività amministrativa della Regione, già svolta con grande efficienza dall’ufficio stampa esistente».

I sei consiglieri, insieme a dipendenti a tempo determinato e a dipendenti della regione, oltre a Ledo Gori, storico braccio destro di Rossi, fanno parte dell’ufficio di gabinetto del governatore: si tratta di uno staff di 13 persone.

Anche gli assessori, in base alla legge 1 del 2009, hanno diritto a collaboratori di fiducia. Le prime nomine - i capi segreteria - sono già state deliberate dalla giunta. E per non fare torto a nessuno, uguale compenso: 111.195 euro lordi, compresa tredicesima. Lo stipendio lordo è sotto i 90mila euro l’anno, ma poi con gli oneri sale. Unica eccezione vale per Marco Brintazzoli, confermato capo della segreteria della vice presidente Stefania Saccardi, che ha le deleghe a sanità e sociale: per lui il compenso è quello che percepisce nell’azienda di cui è dipendente, la Asl 10 di Firenze. Per gli altri vale la regola dei 111mila euro.

Insomma, un gran lavoro per far crescere il ruolo della Regione Toscana in Europa, che richiede la presenza di molti e con lauti stipendi vista la mission che si vuole raggiungere. E mentre molti italiani tirano a campare, la Regione del Premier Matteo Renzi tenta di dare il "buon esempio" con costi e compensi da capogiro.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 20/07/2015 - 19:06

E che importa, tanto pagano i Toscaniii!!!lol lol A no che stupido dimenticavo che il FEDERALISMO ce lo hanno TOLTO con un referendum BURLA!!!! Pagate Italiani pagate. Io almeno avendo deciso di andarmene contribuisco un po di meno a questo SCEMPIO di soldi, perche NON consumo benzina,NON pago IVA, NON pago TARSU-IMU-ICI-TARES, CANONE RAI,BOLLO AUTO,ecc ecc. Piu dell'IRPEF sul reddito non possono RUBARMI. Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di frank60

frank60

Lun, 20/07/2015 - 19:20

Con quello che prendano... si possano permettere di accogliere in casa loro, tante preziose,utili,indispensabili risorse.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 20/07/2015 - 19:33

ma non era il PD a realizzare una legge che impedisca appunto le assunzioni di parenti e la gestione di enti pubblici come se fosse una famiglia....ah si, il conflitto di interessi.... idioti di sinistra... ma andatevene a fanc.u.lo !! :-)

silvano45

Lun, 20/07/2015 - 22:01

questo politico ieri ci dava lezioni di morale che schifo di politico che schifo di uomo che schifo di uomo di sinistra una sola speranza che un giorno la gente stufa faccia tutto ma proprio tutto quello che fecero i parigini il 14 luglio certo di Bastiglie ne dovremo prendere molte e una di queste è il palazzo in cui vive nel lusso questo signore

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 20/07/2015 - 22:01

finche pagano i toscani non me ne frega una mazza, anzi giusto cosi' dovrebbero pagare di piu visto l'ottusaggine che hanno. hahahah come godo!!

Pelican 49

Lun, 20/07/2015 - 22:20

I comunisti continuano a divorare il Paese.

acam

Mar, 21/07/2015 - 00:27

60000 euro l'anno sono una bazzecola se fanno il loro lavoro buttati via se continuano coì

incavolatobianco

Mar, 21/07/2015 - 07:21

ho già sentito parlare di questa eriditarietà delle cariche pubbliche che passano da padre a figlio.Ma era a proposito della comunista Corea del nord; e da noi il comunismo,dicono loro,è morto e sepolto;però continuano a portare fiori sulla sua tomba e ad osservarne gli insegnamenti

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Mar, 21/07/2015 - 08:10

Di fronte al valore di cotanti illuminati amministratori cosa volete che siano alcuni milioni di euro di incarichi...

Accademico

Mar, 21/07/2015 - 08:15

Disonesto!

Accademico

Mar, 21/07/2015 - 08:21

Questi si stanno mangiando il Paese. Quello che indispone, oltre al loro sguardo serafico... è quel frasario d'occasione che essi leggiadramente sciORINANO nei pochi casi in cui vengono fermati per qualche giorno...."sono sereno".... "credo nella magistratura... Che vergogna!