Via gli pneumatici invernali. Ma occhio alle multe

Da oggi cade l'obbligo di dotazioni invernali in auto. Ma per chi viaggia con gomme con codice di velocità troppo basso possono scattare le sanzioni

Da oggi anche per le auto arriva la primavera. È scaduto ieri seral'obbligo di dotazioni invernali come pneumatici termici o catene da neve che vige in gran parte dei Comuni italiani dal 15 novembre al 15 aprile (salvo ordinanze specifiche con limiti temporali diversi).

Attenzione però a non rimandare troppo il cambio gomme. Oltre che consumare inutilmente un treno di pneumatici mediamente più costoso, si rischiano anche pesanti multe se non ci si adegua a quello che viene riportato sul libretto. Come ricorda Assogomma, infatti, la circolare numero 1049 rilasciata il 17 gennaio 2014 dal Ministero dei Trasporti prevede che bisogna controllare il "codice di velocità" delle gomme di tipo M+S riportato sulla carta di circolazione. Codice che può essere inferiore solo dal 15 ottobre al 15 maggio. L’eventuale infrazione può comportare non solo significative sanzioni pecuniarie (da 419 a 1.682 euro), ma anche il ritiro della carta di circolazione e l’invio in revisione del veicolo, oltre a non vedersi pagati i danni dall'assicurazione in caso di incidente. "È sempre bene circolare con pneumatici idonei e specifici per il periodo stagionale di riferimento - afferma Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma - Così facendo si circola più sicuri e si ottimizzano i consumi di carburante e degli pneumatici stessi".