Illegalità a Foggia: posti di blocco e controlli della polizia

La Polizia ha setacciato tutti i quartieri più a rischio

In ottemperanza a specifiche ordinanze del Questore, nel corso degli ultimi giorni a Foggia sono stati svolti diversi servizi tutti finalizzati alla lotta contro l'illegalità, piaga questa che affligge diversi quartieri del capoluogo dauno. Il 21 febbraio gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura - in collaborazione con il personale della Polizia Municipale - dopo aver controllato numerose bancarelle presso il mercato di via Luigi Pinto, hanno proceduto al sequestro di 35 chili di carne in confezioni prive di etichettatura e di circa 30 chili di prodotti ittici posti in vendita senza l'autorizzazione. Il 24 febbraio un team composto da agenti della Polizia di Stato della Questura di Foggia e dell'ufficio PASI, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale ha effettuato un controllo a tappeto del territorio nel quartiere Ferrovia. Oltre a numerose contravvenzioni al Codice della Strada, è stata elevata una contestazione amministrativa nei confronti di una donna per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale e si è proceduto al sequestro di un'autovettura con targa straniera.

Il giorno seguente gli accertamenti degli agenti della Divisione Anticrimine si sono estesi alla zona Candelaro-Croci. Dagli stessi è emerso che un cittadino romeno aveva a suo carico un rintraccio per notifica di un provvedimento emesso dal Prefetto. Un altro individuo è stato trovato in possesso a bordo di un'auto di 1,64 grammi di marijuana. Inoltre cinque persone sono state accompagnate in ufficio per l'identificazione, in quanto sprovviste del documento di riconoscimento. Operazioni di contrasto all'illegalità anche in data 27 febbraio, durante la cosiddetta 'Giornata della sicurezza'. Mediante l'ausilio di un elicottero della Polizia di Stato del Reparto volo di Bari sono stati effettuati cinque posti di controllo con l'identificazione di 71 soggetti e la verifica di 24 veicoli.

Durante i riscontri svolti da via Bari fino a viale Fortore si è tenuto il collegamento diretto con la Control Room-Sala Regia situata presso la Direzione Centrale Anticrimine di Roma. All'interno di questa 'Plancia di comando' è possibile condividere in maniera sistematica tutte le risorse tecnologiche, i sistemi informativi e le banche dati del settore anticrimine della Polizia di Stato. Tutto ciò consentirà di seguire in diretta le operazioni più importanti dei militari, ma non solo. L'attività di repertazione delle tracce potrà essere supportata da genetisti, periti balistici, ingegneri, chimici e informatici che dalla Sala avranno l'opportunità di collegarsi con tutto il Paese.