Immigrati, ecco le carte: una toga allertava Lucano

Scandalo accoglienza, un giudice dava suggerimenti all'ex sindaco di Riace eroe della sinistra: "Non parlare al telefono"

M immo Lucano ha avuto molti amici al suo fianco, da quando è stato investito dall'indagine che l'ha portato prima agli arresti domiciliari e poi al divieto di risedere a Riace, nel Comune che ha trasformato in un simbolo planetario dell'accoglienza. Ma uno di questi amici è stato più amico di altri, fornendogli sottobanco preziosi consigli su come togliersi dai guai. Erano consigli assai autorevoli, perché questo amico è un magistrato in servizio alla Corte d'appello di Catanzaro, ripetutamente intercettato dalla Guardia di finanza mentre parla con l'ex sindaco o gli manda messaggi e mail. Il tema è sempre quello: l'indagine in corso da parte della Procura di Locri, quella terminata l'11 aprile scorso con il rinvio a giudizio di Lucano e di altre ventisei persone per associazione a delinquere, truffa, corruzione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il giudice dà i suoi consigli, insulta gli avversari di Lucano, e soprattutto dà all'amico un avvertimento prezioso: «Non parlare al telefono». In pratica, lo avvisa che può essere intercettato.

Il giudice si chiama Emilio Sirianni, e ha rischiato di pagare caro l'aiuto a Lucano. La Procura di Locri, dopo essersi imbattuta nelle sue intercettazioni, ha deciso di aprire un'inchiesta. Prima un fascicolo esplorativo, poi, di fronte alla mole di elementi che emergevano, iscrivendo Sirianni nel registro degli indagati per favoreggiamento. Al termine delle indagini preliminari, la Procura ha chiesto di archiviare l'indagine. Ma nel medesimo provvedimento gli inquirenti hanno parole pesanti per il collega: «Il contegno mantenuto - scrivono - è stato poco consono a una persona appartenente all'ordinamento giudiziario, la quale peraltro era consapevole di parlare con persona indagata»; e ricordano che «in svariate occasioni il dottor Sirianni ha allertato il Lucano a parlare di persona con lui evitando comunicazioni telefoniche».

«Permanente consiliori»: così il procuratore della Repubblica di Locri, Luigi D'Alessio, etichetta Sirianni nell'atto conclusivo dell'inchiesta. «Nel corso dell'indagine - scrive il procuratore - sono emersi costanti rapporti tra il principale indagato, Lucano Domenico, e Sirianni Emilio, magistrato in servizio presso la Corte d'appello di Catanzaro». Dopo la prima informativa della Gdf sui rapporti tra i due, sono stati «delegati approfondimenti finalizzati a verificare se nel materiale in sequestro, in particolare negli strumenti informatici in uso al Lucano, vi fossero tracce ulteriori degli stretti rapporti con Sirianni». Era lo stesso magistrato, d'altronde, a sollecitare Lucano a cancellare le mail che si scambiava con lui.

È Sirianni a indicare a Lucano come rispondere alla Prefettura di Reggio, che ha sollevato una serie di dubbi sulla gestione dei progetti di accoglienza. Il sindaco manda al giudice le carte che riceve, lui gli spiega come difendersi, prepara per lui le risposte da inviare al Prefetto, si occupa persino delle sue conferenze stampa «organizzando in favore dello stesso una base di consenso popolare per sostenere la sua azione nell'ambito dell'accoglienza.

Nelle carte della Procura di Locri, il giudice Sirianni appare come una figura a metà tra il consulente di immagine e l'avvocato difensore. La stessa Procura appare assai dubbiosa che queste funzioni siano compatibili con quella di magistrato, ma non ritiene di essere davanti a un reato. «Dagli atti di indagine è emerso come anche nei casi in cui il Sirianni ha redatto controdeduzioni o note difensive in favore di Lucano, egli in alcun modo ha indicato o suggerito modalità che potessero ritenersi estranee alla versione difensiva o atte a inquinare lo scenario probatorio». Quanto agli epiteti «sicuramente sconvenienti» rivolti a personaggi pubblici, come il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri o l'ex ministro dell'Interno Marco Minniti, il giudice li ha rivolti in privato: quindi non c'è diffamazione. Di Gratteri, in particolare, il giudice Sirianni e Lucano si occupano nell'ottobre dello scorso anno, quando il procuratore di Catanzaro va in televisione e osa invitare a «leggere bene» le carte delle accuse all'ex sindaco: basta questo a scatenare i due. «Esemplificativo del ruolo di "consiliori" assunto eql Sirianni l'episodio in cui questi suggerisce a Lucano il tenore delle dichiarazioni da rendere alla stampa in occasione del commento esternato dal procuratore capo di Catanzaro in merito alla vicenda Riace. Sirianni dopo aver suggerito le risposte da dare alla stampa, raccomanda a Lucano di non far leggere a nessuno il contenuto della mail e di cancellarla».

I guai di Lucano, com'è noto, non sono finiti: è stata chiusa un'altra indagine per falso e truffa, altre sono in corso. Continuerà ad avere al suo fianco, come «consiliori», un giudice? E il Csm non ha nulla da dire in proposito?

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 29/04/2019 - 08:13

toh... se succede questo, allora perchè insistere con le accuse a berlusconi , sempre basate sul nulla?? perchè mai insistere a votare per la sinistra? perchè non si può dare retta a berlusconi quando dice che bisogna riformare la giustizia? perchè gli italiani sono cosi davvero dei fessi? :-)

Trinky

Lun, 29/04/2019 - 08:15

E questo magistrato è ancora al suo posto?

baronemanfredri...

Lun, 29/04/2019 - 08:17

BENE STANNO SALTANDO COPERCHI A NON FINIRE. QUESTO BRAVO E ONESTO MAGISTRATO DI SINISTRA, NON PUO' CHE ESSERE DI SINISTRA, HA INFANGATO IL GIURAMENTO COME DIPENDENTE DELLO STATO E ANCOR PIU' GRAVE COME MAGISTRATO. VIOLAZIONE DI SEGRETI D'UFFICIO, COMPLICITA' IN REATI GRAVI QUALI INTRODUZIONE DI CLANDESTINI E FAVOREGGIAMENTO IN DI COMMERCIO DI ESSERE UMANI, INTRALCIO AD INDAGINI, E ASSOCIAZIONE A DELINQUERE CON COMPLICITA' INTERNAZIONALE. SBATTETELO IN GALERA E BUTTATE LA CHIAVE, TOGLIETEGLI LA TOGA INDEGNAMENTE PORTATA. ULTIMA CONSIDERAZIONE ECCO PERCHE' SALVINI VIENE ATTACCATO DALLA MAGISTRATURA, SEI STATO INFORMATO DA REPUBBLICA CON CICCIO L'ARGENTINO? ANCHE PER QUESTO BISOGNA VOTARE SALVINI.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 29/04/2019 - 08:18

qualcuno mi puo' spiegare come un osi puo' candidare ad amministratore ,se è indagato?

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Lun, 29/04/2019 - 08:19

Se le accuse al magistrato Sirianni fossero provate, egli dovrebbe essere subito espulso dalla magistratura. E secondo me i reati ci sono, eccome! Altro che archiviare il "caso". E comunque, al di là di ogni ragionamento, resta lo schifo del comportamento di un giudice: ma come possono gli Italiani onesti e per bene avere ancora fiducia in uno Stato come questo?!

lappola

Lun, 29/04/2019 - 08:23

E ora? Come la mettiamo con il rapporto tra Salvini e la Magistratura? Il momento è delicato, c'è il rischio di un'altra invasione, i porti saranno chiusi, i barconi fuori, cosa faranno i signori togati ora che si sono scoperti gli altarini con Emilio Sirianni giudice indagato? Anche la Magistratura se continua a prendersela con Salvini la mandiamo a processo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

marinaio

Lun, 29/04/2019 - 08:25

" La stessa Procura appare assai dubbiosa che queste funzioni siano compatibili con quella di magistrato, ma non ritiene di essere davanti a un reato" .Ah no? Che vergogna questa magistratura. Si difendono l ' un l ' altro senza alcun ritegno.

zadina

Lun, 29/04/2019 - 08:31

Il cane non mangia la carne di un altro cane, se fosse successo ad un cittadino qualunque avrebbero creato un finimondo non esiste nessuno autorizzato a indagare su questo comportamento di un giudice tanto libertino?....forse fanno parte di un Dio in terra da proteggere?....non nominare il nome del Dio. Avanti popolo alla riscossa con la bandiera ROSSA.

Totonno58

Lun, 29/04/2019 - 08:31

Malissimo...però se è da attaccare lui non vedo perchè bisogna difendere Siri...non ci sono intercettazioni più intercettazioni di altre.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Lun, 29/04/2019 - 08:32

È una vergogna ! Hanno archiviato il caso ! Se fosse stato un politico inviso sarebbe stato messo alla fogna. La giustizia è in mano a una casta autoreferenziale che decide e condiziona le sorti d'Italia con sguardo continuo e univoco a sinistra.

baronemanfredri...

Lun, 29/04/2019 - 08:34

DIMENTICAVO OLTRE LA COMPLICITA' IN TRAFFICO DI ESSERE UMANI, VI E' IL REATO GRAVISSIMO PER UN MAGISTRATO DI RIVELAZIONI DI SEGRETO D'UFFICIO INDAGINI. MI PARE CHE TANTO PER SBATTERLO IN GALERA, LA REDAZIONE DEVE PUBBLICARE, SE E' IN POSSESSO DI NOTIZIE, SE E' DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA, OVVERO DI SINISTRA. CHE DIRANNO I COMPAGNI TOGATI? E CHE DIRA' IL VECE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA? CHE DIRA' MATTARELLA CHE E' IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI MAGISTRATURA? NON NASCONDO CHE HO PROVATO GIOIA E FELICITA' NEL LEGGERE QUESTA NOTIZIA FINALMENTE SAPPIAMO CHE DIETRO L'INVASIONE C'E' ANCHE LA MAGISTRATURA CON PROVE DOCUMENTATE.

Ritratto di asimon

asimon

Lun, 29/04/2019 - 08:51

provate ad immaginare la stessa situazione ma a parti invertite, cioè un magistrato che "suggerisce" a un indagato di destra cosa fare, cosa dire e offendere altri magistrati o politici: telegiornali, talk show e giornaloni (sarebbe meglio dire giornaletti) a sparare a fuoco incrociato 24/24 per giorni e giorni su tutti e tutto purchè di destra

alfonso cucitro

Lun, 29/04/2019 - 08:57

A quando una vera riforma della giustizia e quindi della magistratura? Se si incominciasse a far pagare a giudici e similari i danni da essi arrecati per quanto concerne il loro operato forse le cose in Italia migliorerebbero.

il sorpasso

Lun, 29/04/2019 - 08:59

Se è tutto vero qualcuno dovrà essere condannato o no?

Alessio2012

Lun, 29/04/2019 - 08:59

QUAL E' LA NOVITA'? E' RISAPUTO CHE LE TOGHE DIFENDONO I COMUNISTI...

Duka

Lun, 29/04/2019 - 09:02

Il sistema è MARCIO e lo sanno anche i sassi. Molta gente quando vota lo fa senza alcuna cognizione di causa. Non comprende l'importanza di gestire con attenzione il proprio voto senza farsi influenzare dall'ideologia o dell'appartenenza. L'Italia si trova in un pericoloso "casino" proprio a causa di voti assegnati ad una banda di truffatori.Ora l'imbroglio è visibile a tutti i livelli ma i danno sono oramai irreparabili.

giolio

Lun, 29/04/2019 - 09:15

SINISTRATI DISONESTI ......TUTTI !!!!!!!

vasopieno

Lun, 29/04/2019 - 09:16

che dire......CHE SCHIFOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!

MOSTARDELLIS

Lun, 29/04/2019 - 09:27

"..La stessa Procura appare assai dubbiosa che queste funzioni siano compatibili con quella di magistrato, ma non ritiene di essere davanti a un reato..." E' pazzesco. Siamo alla follia pura. Se questo non è reato allora tutte le fandonie su Berlulsconi che ha intralciato le indagini Ruby che cosa sono? Qui si usano due pesi e due misure. Non è possibile che un magistrato la faccia sempre franca. E' una casta con poteri illimitati e il Presidente della Repubblica e il CSM non dicono mai nulla.

Giorgio Colomba

Lun, 29/04/2019 - 09:28

E' (quanto meno) dal congresso Anm del '70 che parte delle toghe si pone come contropotere del Legislatore propugnando che "il significato concreto delle leggi dipende in primo luogo dalla scelta di valore fatta dall’interprete”. Credo si chiami 'eversione'.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 29/04/2019 - 09:29

X mortimermouse: si, gli italiano sono dei fessi, e lo stando dimostrando tuttora.

madboy

Lun, 29/04/2019 - 09:35

Vergognoso.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 29/04/2019 - 09:36

..E SBATTERLI AL GABBIO ENTRAMBI,AVENDO CURA DI BUTTARE LE CHIAVI??

Ritratto di ilmax

ilmax

Lun, 29/04/2019 - 09:42

“Prima un fascicolo esplorativo, poi, di fronte alla mole di elementi che emergevano, iscrivendo Sirianni nel registro degli indagati per favoreggiamento. Al termine delle indagini preliminari, la Procura ha chiesto di archiviare l'indagine. Ma nel medesimo provvedimento gli inquirenti hanno parole pesanti per il collega: «Il contegno mantenuto - scrivono - è stato poco consono a una persona appartenente all'ordinamento giudiziario, la quale peraltro era consapevole di parlare con persona indagata»” Cane non mangia cane

MarcoTor

Lun, 29/04/2019 - 09:42

Non lo avremmo mai detto! Chissà a quale particolare corrente ideologica (che vergogna.. l'ideologia nell'amministrazione della giustizia..) apparterrà questo qui...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 29/04/2019 - 09:45

"E il Csm non ha nulla da dire in proposito?" Caro dott. Fazzo, giusto interrogativo il suo. Ordunque prendendo spunto da internet e da interessanti libri "ad hoc" (fra cui L'ultracasta dei magistrati di Stefano Livadiotti - Gr. Repubblica Espresso), viene da commentare che costoro straparlano sui giornali, in televisione, nelle manifestazioni pubbliche, mettendo sotto tiro chiunque fra colleghi e giustizia, governo e forze dell'ordine. Ma il Csm riesce sempre a trovare un buon motivo per assolverli. Salvo quando il bersaglio delle contumelie diventa proprio Palazzo dei Marescialli.. Chiara l'antifona? Buona giornata a lei.

maxxena

Lun, 29/04/2019 - 09:46

gent.mo Giorgio Colomba Lun, 29/04/2019 - 09:28 concordo pienamente con lei , anche perchè nella nostra democrazia la suddivisione e la non interferenza dei poteri dello Stato dovrebbe servire proprio ad evitare certi "concetti". buona giornata

moichiodi

Lun, 29/04/2019 - 09:52

"organizzando una base di consenso popolare". Senza parole! Cioè questo serianni avrebbe organizzato un consenso popolare?

vince50

Lun, 29/04/2019 - 09:54

Di che colore era ed è la toga?

Ritratto di Walhall

Walhall

Lun, 29/04/2019 - 09:56

Finalmente! Tra i reati metterei pure alto tradimento, attentato alla sovranità nazionale e terrorismo. Credo che non saranno gli unici, ma è già un buon inizio e un forte messaggio chiaro a certi loschi dipendenti dello Stato. Ci vuole carcere duro per queste persone perché con i loro vergognosi traffici, onesti cittadini sono stati derubati o uccisi da questi clandestini coperti dall'appellativo migranti. Porti chiusi, pulizia interna, epuriazione e risarcimento allo Stato con tanto di pignoramento dei beni personali di tutto quel plesso pubblico corrotto cui noi paghiamo profumatamente le tasse.

giovanni951

Lun, 29/04/2019 - 09:59

evidentemente va bene cosí, i rossi possono. Un vero schifo, ma, si sa, tra comoagni...... Peró che la sx sta zitta e pure il PdR.

moichiodi

Lun, 29/04/2019 - 10:00

Vorrò veramente leggere come titolerâ il giornale quando Lucano sarà assolto per non aver commesso i fatti contestati. "le toghe rosse assolvono....." mentre quelle che oggi lo mandano a giudizio sarebbero toghe nere? Sono giudici e basta. E poi il giornale non è per il garantismo? Qui invece condanna un giudice (non indagato) e Lucano dove ancora non c'e nemmeno il primo grado di giudizio.

diegom13

Lun, 29/04/2019 - 10:00

@totonno58: perché lui si e Siri no? "Non ci sono intercettazioni più intercettazioni di altre" : c'è una bella differenza tra beccare una persona al telefono e sentirne alle che parlano di lei. Se chiamo qualcuno per chiedergli soldi è un conto, se questo qualcuno parla con un amico e gli dice di volermi proporre soldi è un po' diverso. È una questione di qualità dell'inizio.

Trefebbraio

Lun, 29/04/2019 - 10:00

Se questo, per la Magistratura Italiana, non profila ipotesi di reato, se ho capito bene, se l'articolo è corretto, se la notizia è vera: la Magistratura Italiana deve essere rifondata da capo a piedi!

oracolodidelfo

Lun, 29/04/2019 - 10:04

Presidente Mattarella, con tutto il rispetto per la carica che ricopre, in qualità di Capo della Magistratura, non crede sia venuto il momento di dare una strigliata a certi suoi sottoposti? Grazie.

manson

Lun, 29/04/2019 - 10:07

E nel frattempo questo giudice resta al suo posto? Pronto a emettere sentenze? Dovrebbe essere immediatamente almeno sospeso.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 29/04/2019 - 10:07

SCIMMIETTA infatti, lo hanno dimostrato negli ultimi 8 anni, dal 2012 fino ad ora... :-)

alex_53

Lun, 29/04/2019 - 10:09

che mestiere fa Lucano? vada a lavorare questo cialtrone parassita.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 29/04/2019 - 10:12

LA SINISTRA e i 5STELLE HANNO ADOTTATO MOLTI GIUDICI DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE E NON STUPISCE PIù DI TANTO CHE ESSENDO DELLA CASTA SONO INTOCCABILI; PERSONE RAGGUARDEVOLI DA PROTEGGERE E SOLLEVARE DAI LORO PESI GRAVOSI. Shalòm.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 29/04/2019 - 10:12

El Sior Spataro cosa dice ?

Ritratto di nordest

nordest

Lun, 29/04/2019 - 10:14

Questa gente sono convinti di essere dei buoni ; euro a parte .

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 29/04/2019 - 10:34

Poi uno dovrebbe aver fiducia nella Legge e in certa magistratura. E il nostro amatissimo Mattarella dov'é?

oracolodidelfo

Lun, 29/04/2019 - 10:44

Alex53 10,09 - che mestiere fa Lucano? "L'amaro"..........

carlottacharlie

Lun, 29/04/2019 - 11:00

Personalmente non mi meraviglio e basterebbe ricordare Mani pulite perchè non si meraviglino tutti gli altri che alle volte sembra cadano dal pero. La magistratura ha dato prova decennale di essere un covo, e dove i giudicanti corretti, giusti ed intelligenti sono una decina di manciate.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Lun, 29/04/2019 - 11:17

Questo è il punto due degli obiettivi di MD, affiliata alla ANM. "L'Associazione" ha come obiettivi: la protezione delle differenze tra gli esseri umani e dei diritti delle minoranze, specialmente dei diritti degli immigrati e dei meno abbienti, in una prospettiva di emancipazione sociale dei più deboli; (Nobile obiettivo..) Vi aspettate forse che un giudice di questa associazione condanni un immigrato? Secondo me, se un meno abbiente immigrato da una bastonata in testa ad un meno abbiente non immigrato un giudice con questi obiettivi non condannerà mai il meno abbiente immigrato. Comunque con questo politically correct applicato alla giustizia, è un po' che vanno avanti, è sufficiente definire una persona meno abbiente o immigrato che di colpo "La Giustizia, non è più uguale per tutti" Forse gli statuti dei giudici o dei PM non si conoscono tutti e magari non li conoscono nemmeno il ministro competente, i politici e i giornalisti.......

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 29/04/2019 - 11:22

I sinistrati parlano di mafia, ma qual'è la VERA mafia? Ricordiamoci il principio n. 3 della propaganda di Goebbels che per i sinistrati sembra essere la Bibbia: Principio della trasposizione

VittorioMar

Lun, 29/04/2019 - 11:43

...ma è vera questa storia ?..e cosa dice il CSM il suo Presidente ??...per questo Magistrato sono CERTEZZE??..mentre per SIRI solo IPOTESI !!!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 29/04/2019 - 11:47

CHI SI OPPONE ALLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA? FORSE SONO I SOLITI CHE DALLA NON RIFORMA TRAGGONO VANTAGGI? POVERA ITALIA MEGLIO LE REPUBBLICHE DELLE BANANE(con tanto di rispetto per queste ultime)

Ritratto di 98NARE

98NARE

Lun, 29/04/2019 - 11:52

mi sovviene una canzone del buon Vasco..... che in un certo punto del brano diceva.... " MI VIENE IL VOMITO "........

Alessandro.Pisan

Lun, 29/04/2019 - 11:52

Vatti a fidare dell'imparzialità dei giudici.

Manlio

Lun, 29/04/2019 - 12:04

premesso che si parla di un magistrato, tra migliaia di altri magistrati che dedicano la loro vita al Paese, quello che mi fa specie è l'atteggiamento di chi ha effettuato l'indagine. Mi sembra un deja vu, nella gestione che la Chiesa fa dei suoi pedofili. Colpevoli, ma ...diffamazione, ma in privato. Quando i vertici della Magistratura si renderanno conto che se non cambiano strada nei loro controlli e nel sanzionare realmente chi sbaglia, i cittadini continueranno a perdere fiducia, già poca, nella giustizia.

Ritratto di Toscodiforavia

Toscodiforavia

Lun, 29/04/2019 - 12:09

Come recita il proverbio "cane non mangia cane", absit inuiria verbo.

ale76

Lun, 29/04/2019 - 12:10

Che scoop! Gli ha addirittura detto «Non parlare al telefono»!?!??! Assurdo che un giudice possa dire certe cose... Menomale che ci siete voi a fare chiarezza...

SPADINO

Lun, 29/04/2019 - 12:50

in italia tutti sanno che quando per disgrazia si entra in un Tribunale sia che si pensi di avere torto o ragione, per te è finita.

agosvac

Lun, 29/04/2019 - 13:01

E' sempre la solita storia ormai consolidata: i "compagni" magistrati possono solo "sbagliare" ma i loro errori non costituiscono reato!!!

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 29/04/2019 - 13:04

^(*@*)^ Omertà omertà, in Italia c’ è molta omertà, l’italico è omertoso, bisogna denunciare, bisogna denunciare !!!!! Si ? E A CHI ??? quanti potranno essere in Italia i magistrati SPIFFERATORI come esso !!??

pasquinomaicontento

Lun, 29/04/2019 - 13:16

A schifezza da schifezza, a munnezza da munnezza, dice...ma ancora nun l'hanno mannato via,ma come se fà, se tutti, e dico tutti cianno quarche magagna d'annisconne...er più pulito c'ha la rogna...come minimo, c'è poi chi c'ha er colera e chi quarc'artra malatìa invalidante,è tutto un lebbrosario è un edera che indove s'attacca more...mejo ridecce che piagnecce è la regola che er Velletrano m'ha insegnato a seguì e che io seguo pedissequamente,alla lettera, paro paro, e me ce sò trovato sempre bene.

DRAGONI

Lun, 29/04/2019 - 13:28

TRATTASI DEL SOCCORSO ROSSO PREVENTIVO!!

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 29/04/2019 - 14:07

ale76 12:10 scrive : "Che scoop! Gli ha addirittura detto «Non parlare al telefono»!?!??! - - - Esimo [?], lei ha letto (e capito) tutto l'articolo che riporta le considerazioni dei vari magistrati o si è fermato al sottotitolo perché è già stato un estenuante sforzo per lei arrivare sin lì ?

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 29/04/2019 - 15:48

E lastoria di compagno giudice finisce così? Questo va cacciato. Riforma della giustizia subito, anzi prima.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 29/04/2019 - 16:12

Caro il mio Tontonno, se si deve dimettere Siri, allora si deve dimettere anche il magistrato, o 2 + 2 fa 4 solo quando sta bene a te?

Happy1937

Lun, 29/04/2019 - 16:19

Dunque il Sirianni è stato archiviato perché, pur avendo avuto un comportamento non consono a persona appartenente all'ordine giudiziario, consapevole di parlare e dare suggerimenti a persona indagata, non avrebbe commesso un reato. La scorrettezza di comportamento dovrebbe essere tuttavia sufficiente per l'irrogazione di severi provvedimenti da parte del CSM.

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 29/04/2019 - 17:14

Sarebbe ora che il cherubino, visto che ne è il presidente, si decidesse ad avviare una bella pulizia tra la magistratura corrotta ed incapace !!!

Ciccionervoso

Lun, 29/04/2019 - 17:32

Tutto il mondo è paese a Treviso ci sono dei Giudici che favoriscono le banche nei procedimenti contro di loro,invece di rispettare le leggi e costituzione Italiana si avvalgono delle direttive di banca d'Italia la quale appartiene alle banche,quindi hai già perso in partenza,fanno valere indicazioni secondarie al posto di leggi primarie ma nessuno ne parla,poi si chiedono il perchè uno si suicida.

aldoroma

Lun, 29/04/2019 - 17:38

AL GABBIO PURE LUI

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 29/04/2019 - 18:10

Purtroppo si continua ad ignorare che, in Italia, oltre al resto esiste anche un problema "Magistratura".

de barba rossano

Lun, 29/04/2019 - 18:12

Tutto archiviato? alla fine gli hanno fatto solo una ramanzina, una tiratina di orecchie. in un paese serio l' avrebbero buttato fuori dalla magistratura per molto meno. almeno mandarlo a fare fotocopie no? bloccargli la carriera? toccargli la tasca, forse lo capirebbe.

mariod6

Lun, 29/04/2019 - 18:16

Ovviamente il magistrato complice e connivente con il criminale sfruttatore dell'immigrazione clandestina e truffatore Lucano non ha nessuna responsabilità. Il CSM, Mattarella, la ANM, i presidenti delle varie corti e delle varie caste di intoccabili non fanno nemmeno un fiato. Guai a criticare un giudice che, per statuto, non sbaglia mai !!! Bravo anche il Ministro della Giustizia che lascia correre perché non si sa mai che vada a finire sotto processo anche lui, ed allora sarebbero cavoli amari se avesse mai attaccato un membro della casta degli intoccabili !!!!

Ritratto di pulicit

pulicit

Lun, 29/04/2019 - 18:37

Mattarella che sei il capo della magistratura,licenzialo è la sola cosa da fare.Regards

onurb

Lun, 29/04/2019 - 18:43

Se la Procura ha deciso di archiviare il tutto, evidentemente i magistrati che la compongono sono della stessa pasta di Sirianni. Qualunque altro cittadino comune, che fosse a conoscenza delle stesse cose di cui era a conoscenza il sullodato, riceverebbe un ben diverso trattamento dalla medesima Procura.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Lun, 29/04/2019 - 19:36

DELENDA CARTAGO, dicevano i Romani!!! SPAZZARE VIA QUESTA MAGISTRATURA, direi io...

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 29/04/2019 - 19:54

baronemanfredri... E chi gliela dovrebbe togliere la toga? I suoi amici e sodali del csm? E quando mai?

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 29/04/2019 - 19:56

Totonno58 Perché nessuno è colpevole se non dopo aver subito un regolare processo. Solo che a questo magistrato il processo non si farà mai!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 29/04/2019 - 19:58

@alfonso cucitro Forse quando avremo un governo che pensa a riformare la magistratura non solo con leggine ad personam, ma valide per tutti. E magari quando la riforma sarà affidata a qualcuno che non sia alfano!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 29/04/2019 - 20:01

zanzaratigre Lui? é lì, granitico, al suo posto di presidente del csm. Solo che dall'orecchio sinistro è un po' sordo, a quanto mi dicono.

tormalinaner

Lun, 29/04/2019 - 20:30

Se la stessa toga avesse fatto lo stesso favore a Salvini o Berlusconi sarebbe già in galera. La sinistra può fare quello che vuole.

perseveranza

Lun, 29/04/2019 - 20:59

Magistrati in larghissima parte tutti schierati a sinistra. Hanno devastato il sistema giudiziario italiano e distrutto la fiducia dei cittadini.

Totonno58

Lun, 29/04/2019 - 22:26

navajo...no no, va benissimo!!

timoty martin

Mar, 30/04/2019 - 06:37

Che dire, un magistrato a dir poco inaffidabile, indegno di rendere anche un giorno la pensione.

tosco1

Mar, 30/04/2019 - 08:41

Ovviamente i maggiori "complimenti" a Lucano, nella sua determinazione che sia giusto spendere i soldi pubblici a piacimento.Ancora "complimenti" allo stesso perche', evidentemente, non e' al corrente che i poteri di un Sindaco, sono piu' vicino allo zero che all'uno, e che non puo' legiferare. "Complimenti" al Magistrato consigliere, incommentabile , insieme,ovviamente alla Procura che ha archiviato con rara velocita'e,a mio parere, confuso ragionamento :mi pare che tutti siamo tenuti a denunciare i reati, quando ne siamo a conoscenza.Insomma,per farla breve, un"complimento" generalizzato a tutti gli attori di questa brutta vicenda .Un vero complimento ,invece,agli uomini della Finanza, che hanno fatto il loro dovere.

leopard73

Mar, 30/04/2019 - 08:42

Un grande aiuto di fiducia per la giustizia italiana!!!