Incastrati dalle impronte digitali, denunciati due presunti ladri

Finiscono nei guai a Salerno un 56enne del posto e un minorenne di origini serbe. Sono accusati di essere i responsabili di due furti in appartamento

Incastrati dalle impronte digitali, i poliziotti denunciano due presunti ladri d’appartamento a Salerno. A finire nei guai sono stati un 56enne del posto e un minorenne di origini slave.

Durante gli accertamenti e i sopralluoghi a seguito di un furto in un’abitazione nella città campana avvenuto nel settembre dello scorso anno, gli agenti della Polizia di Stato sono riusciti a isolare alcuni frammenti di impronte che si sono rivelate molto utili all’identificazione dei presunti autori del colpo.

Come riporta La Città di Salerno, gli elementi isolati dagli investigatori corrispondevano a quelli immagazzinati nelle banche dati delle forze dell’ordine e riportavano a un minorenne di nazionalità serba, già noto agli inquirenti. Il giovane, 17 anni, è stato denunciato.

Stesso destino è toccato a un 56enne salernitano, ritenuto dagli inquirenti l’autore di un furto in un’abitazione del centro storico della città, avvenuto ad aprile. L’uomo, però, è stato incastrato (anche) dai frame dei filmati degli impianti di videosorveglianza. Per lui è scattata la denuncia per l’ipotesi di reato di furto aggravato.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mar, 19/06/2018 - 12:55

giustissimo, anche se le impronte digitali sono loro, rimangono presunti ladri...in italia si fa troppo uso di droghe pesanti...