Incendi, alcool, rumori. Formentera odia gli italiani

Gli abitanti di Formentera non ci sopportano più. Qualche giorno fa la goccia che ha fatto traboccare il vaso: un italiano ha incendiato una riserva naturale

"Gli italiani? Maleducati". Gli abitanti di Formentera non ne possono più della massa italica che ogni anno affolla l'isola delle Baleari. L'ultimo episodio avvenuto un paio di giorni fa non aiuterà a migliorare la nostra reputazione. Un uomo di 43 anni, Roberto P., italianissimo, ha sparato un razzo dal suo yacht verso l'isolotto di Espalmador, uno degli angoli più suggestivi di Formentera, riserva naturale protetta. In un attimo l'isola è andata a fuoco e ci è voluto parecchio tempo per spegnere l'incendio. Roberto P. è stato arrestato e rilasciato su cauzione dopo un giorno e mezzo di detenzione.

"Solo un incidente", hanno spiegato i legali dell'uomo. "Era in corso un'esercitazione sulla sicurezza a bordo e il comandante dello yacht ha accidentalmente fatto partire uno dei razzi di segnalazione". L'incidente è avvenuto alle dieci di sera, al termine del secondo giorno di navigazione: due dettagli che portano gli inquirenti a non credere alla versione dell'italiano.

Da anni ormai l'isola spagnola si riempie ogni estate di soubrette, calciatori e anonimi ricchi italiani che affittano ville, barche e isolotti (alle baleari molti sono privati e vengono messi in locazione). La visibilità che le vacanze dei vip hanno dato a Formentera ha attratto tantissimi connazionali che proprio non riescono a farsi amare dagli abitanti dell'isola. "Girano ubriachi dalle nove di sera in poi con i motorini - ha raccontato un commerciante alla Stampa -, distruggono le dune con i loro aperitivi: so che non siete tutti così, ma in giro c'è irritazione".

La nostra è una vera è propria invasione: secondo i dati dell'ente turistico spagnolo siamo i primi nella classifica dei visitatori con il 46 percento. Staccatissimi i tedeschi, al secondo posto con il 12 percento. Seguono i britannici con il 4 percento e i francesi con il 2,5. Bruno Bortot aveva due locali a Formentera, ma ha dovuto chiuderli. Alla Stampa ha raccontato di pressioni continue, ma ammesso un errore fatto dagli italiani: "Consideriamo l'isola una colonia, la trattiamo come se fosse nostra".

Commenti

vianprimerano

Mer, 17/08/2016 - 14:13

Stessa cosa l'ho notata in tutte le nazioni della ex-Jugoslavia, in Corsica e in Sardegna: specialmente in quest'ultima regione dove trascorrevo solitamente le mie vacanze estive, devo dire che provavo vergogna nell'essere italiano guardando i miei connazionali: vedevo gente di tutte le regioni italiane, da Nord a Sud, come considerassero quest'isola una loro colonia della serie mordi, prenti tutto e fuggi. Pinete e calette immacolate che si riempivano di spazzatura, chiasso e maleducazione non appena arrivavano in massa i turisti italiani ad agosto, con quell'atteggiamento di padroni arroganti nei confronti della mite e riservata popolazione locale. In paesi come la Croazia o la Slovenia invece i turisti italiani considerati dei veri cafoni sono piu odiati dei tedeschi. E in Corsica son sempre gli italiani che si fanno riconoscere non certo per buoni meriti. Poi quando torni in Italia sembrano tutti nuovamente quasi normali.

Angelo664

Mer, 17/08/2016 - 14:39

La solita italianità in vacanza. Buzziconi in gita, né più ne meno come negli anni 60 in 600 ora ci vanno con il panfilo ma il livello culturale è sempre quelli .. medio basso.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 17/08/2016 - 15:10

non c'è albergo in meridione dove abbia potuto dormire come si deve. Bambini che gridavano di notte, ragazzi chiassosi sulle scale, donne che rientravano parlando e con i tacchi rumorosi, continuando a parlare forte in camera. A Riccione invece proprio vicino a viale Ceccarini, sembrava che ci fosse stato il coprifuoco, silenzio tombale.

venessia

Mer, 17/08/2016 - 16:02

quindi? ha ragione Oliviero Toscani

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 17/08/2016 - 16:36

----------------già sapere che c'è vieri a formentera con i suoi dannati tornei di footvolley----è un buon motivo per non andarci---hasta siempre

Ritratto di allecarlo

allecarlo

Mer, 17/08/2016 - 18:21

ok per gli italiani .......ma forse dimenticate cosa fanno gli altri in Italia.... gli ignoranti purtroppo non hanno nazionalità.