Inchiesta bus, imprenditore: "Tangente destinata a segreteria Alemanno"

Incà Levis al gip di Roma: "Ceraudo mi disse che i soldi erano destinati alla segreteria del sindaco". Il sindaco: "Lo escludo nella maniera più categorica"

Nuovi dettagli sull'inchiesta riguardante la fornitura di bus destinati al Corridoio Laurentina a Roma. I 600mila euro della maxi tangente pagata per una commessa di 45 mezzi "erano destinati alla segreteria di Alemanno". A dirlo al gip Stefano Aprile è stato l'imprenditore Edoardo D'Incà Levis, considerato il mediatore tra Breda Menarinibus e il Comune di Roma.

L'ad dell'azienda Roberto Ceraudo, arrestato martedì scorso, "fece riferimento alla segreteria di Alemanno come destinataria delle risorse finanziarie". Indagato nell'inchiesta anche l'ad di Eur Spa, Riccardo Mancini, che ieri ha dato le dimissioni. D’Incà Levis, ora tornato in libertà, afferma: "Ceraudo mi disse che la politica voleva ancora soldi; non precisò, nè io chiesi, se la segreteria di Alemanno fosse destinataria di tutto o di parte delle risorse".

Il sindaco Gianni Alemanno si difende: "Escludo nella maniera più categorica che membri della mia segreteria possano essere tra i destinatari di somme in denaro per questo o per qualsiasi altro affare", sostiene, "Non ho idea di chi sia il signor D’Inca Levis e nè il sottoscritto, nè la mia segreteria si sono mai occupati di interferire nelle assegnazioni di appalti di qualsiasi genere, compreso ovviamente quello riguardante l’inchiesta in questione".

Commenti

gibuizza

Ven, 25/01/2013 - 21:07

Basta con "Tizio mi ha detto che Caio gli ha detto che Sempronio ha visto che ...."! Sono stufo di illazioni, supposizioni, teoremi, ipotesi, ecc., ecc.. PROVE!!!!! Prima di parlare.

gebedias

Ven, 25/01/2013 - 21:16

Magari la maxi tangente era da 600 MILA €...

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Ven, 25/01/2013 - 21:31

Normale amministrazione. Aspettando Ingroia e mentre Grillo fa avanspettacolo contro i sindacati. Il problema resta, c'è troppa differenza di garantismo tra un disoccupato a cui è stato tolto il lavoro ed un politico. Quando politico andrà in galera senza processi e ci resta finchè al disocupato viene restituito il lavoro allora la situazione si equilibrerà.

Raoul Pontalti

Ven, 25/01/2013 - 22:50

CONCORDO TOTALMENTE CON GIBUIZZA! E mi risparmio quindi un commento mio che non avrebbe la la lapidaria efficacia di quello di gibuizza.

fabio cova

Ven, 25/01/2013 - 23:06

Questi comportamenti e questa gentaglia di politici sono le vere anomalie genetiche che affligono l'italia, rendendola sempre più una nazione sempre meno prestigiosa e credibile...politici di tale risma andrebbero estirpati come un cancro...altro che gay o non gay!! Forza 5 Stelle!!!!

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 25/01/2013 - 23:12

visto che l'etica non esiste piu', ci vogliono regole: 10 anni di galera ai politici che si intascano soldi illecitamente, siamo con le pezze al culo i pensionati vanno alla caritas a mangiare e fanno la spesa nei cassonetti della spazzatura, chi causa maggiore gettito fiscale con appropriazioni indebite deve pagare con il carcere, perchè fa dei danni enormi alla dignità dei cittadini piu' deboli.

odifrep

Ven, 25/01/2013 - 23:22

A Gennaio, dello scorso anno, Roma, è stata coperta di "neve", roba naturale. Quest'anno, ancora a Gennaio, sulla Capitale, è caduto il "fango", materiale artificiale.

PieroLupo

Sab, 26/01/2013 - 01:17

Che faccia da sguattero mafioso. Non penso che sia la prima tangente che sto sindaco di merda ha giá intascato. Poi fa il finto tonto e da le colpe agli altri. L'Italia é propio alla frutta, con tutti questi politici ladroni, dal parlamento alle regioni e ai comuni. Poveri italiani defraudati continuamente dai politici e dalla classe privilegiata. A ragione Grillo, parole sagge: "Buttiamoli tutti fuori i ladroni politici"! VERGOGNA!

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 26/01/2013 - 01:35

luigipiso- A Roma veltroni e rutelli hanno fatto sfracelli.Si sono mangiati anche gli alberi con terre compresa.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Sab, 26/01/2013 - 03:08

Guarda guarda, un "faccendiere" italiano residente a Praga, dopo essere stato arrestato viene rilasciato e per miracolo si mette a "cantare" come un uccellino contro la giunta di Alemanno. Un altro Ciancimino jr. che "dice" al gip che i 600mila euro della maxi tangente pagata per una commessa di 45 mezzi "erano destinati alla segreteria di Alemanno", ma che però anche dice che "Ceraudo mi DISSE che la politica voleva ancora soldi; NON PRECISO', NÈ IO CHIESI, se la segreteria di Alemanno fosse destinataria di tutto o di parte delle risorse". Questo signore, tramite l’ Itcgroup e il Consorzio Pegasus oltre a quella di Roma ha fornito diverse amministrazioni locali in Italia (Milano, Torino, Modena, Cagliari…); in particolare in Sardegna ha “fatto il botto” sia con varie grosse commesse (in particolare, per esempio, quelle per la metropolitana leggera di Cagliari che nel 2008 per la prima tratta fu finanziata con 32,5milioni dal Ministero dei Trasporti e con 12,5 dalla regione), una regione amministrata in quei periodi da Renato Soru che è sempre stato “rosso” e dal 2007 è uno dei membri del comitato nazionale per il PD (e guarda caso il sindaco Floris – Pdl non partecipò neanche all’inaugurazione)… ma naturalmente lì non ci sarà scappata nessuna tangente perché come insegnano i vari Penati e kompagni, i sinistri sono onesti per “volontà divina”. Oltretutto, sempre in Sardegna, il buon Levis è in mezzo all’acquisizione di Keller da parte di Skoda (Gruppo Volkswagen… tedesco) per acquisire il mercato degli elettrotreni regionali che vale molte centinaia di milioni. Mi dispiace ma agli scandali del centrodestra, che vengono fuori da “si dice” di personaggi a dir poco “fumosi”, non credo… soprattutto quando detti personaggi vengono “presi in cura” dai nostri integerrimi magistrati “super partes” e, subito rilasciati, si mettono a infangare solo con parole uno dei “nemici” delle sinistre guarda caso subito dopo la bomba atomica indigesta per i rossi del Mps (dove invece a parlare ci sono documenti contabili, movimenti bancari, ecc….). L’ho già detto, aspettiamocene uno al giorno da qui alle elezioni di “scandali” fondati sul niente come questi diretti contro il centrodestra… eh si, il panico fa fare gesti inconsulti anche ai maestri del dissanguamento silenzioso, mistificato e reiterato.

cgf

Dom, 27/01/2013 - 22:32

Il Bando è stato pubblicato il 28 gennaio 2008. Il termine per le offerte era le ore 12 del 28 aprile 2008, giorno in cui il sindaco Alemanno è stato eletto. Alemanno è stato proclamato sindaco il 30 aprile e la Giunta si è insediata il 17 maggio. COME POTEVA ALEMANNO INFLUENZARE LA GARA? il risultato delle elezioni era tutt'altro che scontato, fino al 13 febbraio era stato sindaco Veltroni, per il periodo intermedio un commissario straordinario. Quando sarebbe stata pagata la mazzetta?