India, bambina violentata e uccisa su ordine della matrigna

Il cadavere della bambina, a cui sarebbero stati strappati gli occhi, è stato bruciato nell'acido e gettato nella foresta

Una bambina di nove anni violentata e uccisa in Kashmir, India. A compiere il terribile gesto è stato il fratellastro 14enne e alcuni suoi amici che sono stati arrestati dalla polizia. Secondo le prime indagini, i ragazzi avrebbero agito su istigazione della matrigna della bambina. La donna sembra vestire i panni di una perfetta nuova Medea che per punire Giasone uccise i propri figli. La matrigna, infatti, era gelosa del fatto che il marito trascorresse troppo tempo con la seconda moglie, la madre della bambina.

Nella terribile vicenda emergono poi altri dettagli raccapriccianti. Il cadavere della bambina, a cui sarebbero stati strappati gli occhi, è stato bruciato nell'acido e gettato nella foresta.

Questo non è un caso isolato. Nei mesi di aprile e giugno si erano verificati in India altri casi di abusi su minori e proprio nel mese di aprile il governo ha impresso una svolta sul problema. Dopo le manifestazioni di protesta da parte della popolazione, indignata per lo stupro di gruppo di una bambina di 8 anni, è stata introdotta la pena di morte per chi commette violenze sessuali su bambini e bambine di età inferiore ai 12 anni.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 05/09/2018 - 19:48

Noooooo, in india è impossibile..gente così educata e ligia ai doveri e leggi che stanno,per vostra fortuna,invad..arrivando anche in Italia...

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 05/09/2018 - 20:55

E tutte le radio italiane trasmettono tutti i giorni e più volte al giorno quell'idiota di Cremonini. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Martinico

Mer, 05/09/2018 - 21:27

tenebre al posto della luce.

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Gio, 06/09/2018 - 09:48

Il futuro che attende anche i nostri bambini? possibile vista la presenza sempre più numerose di queste popolazioni nel nostro Paese. A coloro che magnificano sempre e comunque l'India ricorderei proprio i numerosi casi di stupri collettivi effettuati spesso e volentieri non in aree remote del subcontinente ma anche nella loro capitale.

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Gio, 06/09/2018 - 10:12

Nessun posto del mondo è esente dal male. In India, però, alcune atrocità sembrano ricorrenti. E pensare che molti nostri pensatori hanno esaltato la "superiorità spirituale" di quel paese.