Indossa il niqab per tradire la moglie ​La polizia lo scambia per terrorista

Volevo solo incontrare una donna conosciuta attraverso un sito di appuntamenti". Ma la polizia lo ha arrestato temendo l’azione di un attentatore suicida

Voleva "solo" tradire la moglie. E certamente non compiere un attentato terroristico. Eppure la scelta di indossare il niqab, il velo indossato dalle islamiche, gli è costata carissima. Come racconta l'Independent, l'uomo, un 33enne turco, è stato arrestato sabato dalla polizia nella provincia di Ordu.

Il potenziale fedifrago, sposato e padre di due figli, ha destato l'attenzione dei passanti che hanno chiamato le forze dell’ordine temendo l’azione di un attentatore suicida. Gli agenti sono intervenuti e sono scattate le manette. Inutili le spiegazioni fornite dal giovane turco. "Volevo solo incontrare una donna conosciuta attraverso un sito di appuntamenti - ha spiegato, invano, ai poliziotti - per evitare guai in casa avevo pensato di insossare il niqab". La "trovata" non gli ha evitato l’accusa per procurato allarme.

Mappa

Commenti

Raoul Pontalti

Lun, 09/11/2015 - 15:05

Ordu, bella città sul Mar Nero, circondata di ciliegi e noccioli, anche chi non l'ha visitata la ricorda per l'Anabasi di Senofonte (con il nome di Kotyora): nei suoi pressi i Diecimila urlarono il fatidico Thalassa! Thalassa! Nonostante un certo integralismo nell'ultimo trentennio stia avanzando dall'oriente della Turchia verso Istanbul soppiantando il laicismo kemalista, uno dei posti sbagliati in Anatolia per portare veli e niqab rimane la costa del del Mar Nero con le sue città turistiche: chi lo fa attira l'attenzione e se è un uomo ad indossare abbigliamento femminile hejab completo di niqab non sfugge nemmeno ad un cieco... Un pollo che ha aggravato la sua situazione dichiarando di essere un fedifrago: in terra islamica gli adulteri, anche se solo in potenza, non svengono certo premiati...

yulbrynner

Lun, 09/11/2015 - 18:06

ahi ahi ahi voleva fare il trombeur de femmes ma gli e' andata storta quando si tratta di questioni di sfiga.