Tra Ingroia e Dell'Utri tutta la vita il secondo

I mali della giustizia

La Corte costituzionale nei giorni scorsi ha annullato gli effetti della condanna a dieci anni inflitta nel 2007 a Bruno Contrada, super poliziotto siciliano negli anni Ottanta e Novanta, per concorso esterno in associazione mafiosa. Contrada, come del resto Marcello Dell'Utri (che sta scontando in carcere una condanna a sette anni con la stessa accusa) fu condannato per un reato che non esisteva all'epoca dei fatti contestati. Tanto che il Tribunale europeo per i Diritti dell'uomo aveva già condannato l'Italia a risarcire a Contrada i danni materiali e morali. Eppure c'è ancora chi si accanisce contro questo leale servitore dello Stato, vecchio e malato, e contro Dell'Utri, con una ferocia ossessiva e vigliacca. Non bastano le condanne risultate poi infondate, gli anni passati ingiustamente in carcere (Dell'Utri è ancora dentro), le malattie e le umiliazioni. I due, Contrada e Dell'Utri, devono morire e forse neppure allora si placherà il vilipendio.

Fa effetto vedere in queste ore un uomo che è stato magistrato, l'ex pm Antonio Ingroia, e i suoi amici del Fatto Quotidiano che lo ospitano, vomitare bile contro questi due anziani e inermi signori su cui in carriera si accanì con i risultati che oggi sappiamo (non poteva farlo, lo dice la Cassazione). Fa paura pensare che la giustizia è stata - in alcuni casi lo è ancora - in mano a uomini capaci di tanta violenza verbale gratuita. Parlano, e scrivono, con la bava alla bocca, frustrati dai loro fallimenti.

E chi sarà mai questo Ingroia? Uno rimosso dalla procura di Palermo per incompatibilità, uno che per vendetta, e senza dimettersi, si è poi candidato alle elezioni, fondando addirittura un partito, contro le persone che aveva inutilmente indagato. Uno che sconfitto anche in quel campo ha elemosinato alla politica un posto pubblico lautamente retribuito ed è stato a sua volta indagato per peculato, cioè per aver taroccato le note spese.

Che lezioni può dare un tipo così? Di fronte a lui e ai suoi amici, Contrada e Dell'Utri sono dei giganti di cui tutti dovrebbero andare fieri. Hanno subìto una gigantesca ingiustizia, hanno combattuto con dignità, non si sono mai arresi, in campi diversi hanno fatto tanto per il loro Paese. E soprattutto, essendo uomini, non hanno mai infierito contro chi non può difendersi. Non c'è dubbio: tra Ingroia e Dell'Utri, tutta la vita il secondo.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 10/07/2017 - 15:46

Io nessuno dei due per tutta la vita, hahahhaha.

SAMING

Lun, 10/07/2017 - 15:52

Che lezioni possono darci Ingroia e Dawigo, magistrati. Quindi dotati, in questo maledetto paese, di un potere immenso incontrollato ed irresponsabile del male che possono fare ma che il più delle volte vogliono fare. Per loro stessa ammissione, loro sono dei colpevoli che l'hanno fatta franca. Usque tandem ?

oracolodidelfo

Lun, 10/07/2017 - 16:02

Ingroia? dategli una zappa ma spiegategli bene che si impugna dalla parte del manico!

Zizzigo

Lun, 10/07/2017 - 16:21

E chi è che ha 'armato' Ingroia?

apostata

Lun, 10/07/2017 - 16:22

Il confronto tra dell’utri e ingroia non si pone, non può essere proposto, è bizzarria. Il primo ha la finezza, la cultura, la sensibilità, la capacità di chi ha curato il proprio spirito. Il secondo, debole genotipicamente, è ancora ai primordi dell’evoluzione, ha le tare fenotipiche da eccesso di potere che accomunano molti magistrati. Meraviglia che l’ingroia abbia ancora credito per ottenere incarichi, interviste e non sia messo in condizione di non nuocere.

Giorgio Colomba

Lun, 10/07/2017 - 16:35

I metaboliti derivanti dal processo di trasformazione dell'Italia in una Repubblica delle Procure, iniziato nel '70 col congresso Anm di Trieste, persistono ancora nell'organismo del Paese.

Atlantico

Lun, 10/07/2017 - 16:43

Ci mancherebbe altro, ha ragione il direttore ! Tra un condannato ed un magistrato come si può scegliere il magistrato ?

VittorioMar

Lun, 10/07/2017 - 17:20

...SONO MAGISTRATI CHE HANNO E CONTINUANO A SBAGLIARE CONDIZIONATI DALLA IDEOLOGIA E NON DAI CODICI,E CITTADINI CONDANNATI PER RIVALSA POLITICA !!...RICORDATE LA "GIOIOSA" MACCHINA DA GUERRA DI OCCHETTIANA MEMORIA ??...UNO DEI FONDATORI DI F.I. ERA IL DELL'UTRI !!!...E QUANTI ANCORA SOTTOPOSTI ALLA "TORTURA GIUDIZIARIA " PER ANNI E ALLA GOGNA MEDIATICA DA GIORNALI E REDAZIONI DI PARTE ??.VI RICORDATE L'AVVISO DI NAPOLI ??....DELL'UTRI MAFIOSO ...DA RIDERE SE NON FOSSE TRAGICO ....!!!

accanove

Lun, 10/07/2017 - 18:16

fossi Dell'Utri mi offenderei per il paragone. Ingroia è un frustrato servitore dello stato che si è fatto corrompere dal senso di potere per finire miseramente come un un poveraccio. Dell'Utri è stato artefice e capo di una macchina da guerra chiamata Pubblitalia 80 che ha costituito una leggenda nel settore pubblicitario ed ha contribuito a creare il colosso Media Set

elpaso21

Lun, 10/07/2017 - 18:37

Ma quando Berlusconi non fece la Riforma della Giustizia, Dell'Utri dov'era??

elpaso21

Lun, 10/07/2017 - 18:38

Centro-destra ridicolo, vent'anni solo prendere batoste.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 10/07/2017 - 18:45

Nessuna meraviglia, per certa gente (vedi gzorzi ad esempio) le sentenze sono "giuste" solo quando condannano i nemici, colpevoli o innocenti non importa. Conta solo il risultato. D'altra parte ingroia, ex magistrato, non fa altro che appellarsi a quanto dichiara

VittorioMar

Lun, 10/07/2017 - 18:48

...E I PROCESSI :STATO-MAFIA QUANTO SONO DURATI E COME SONO FINITI E QUANTO CI SONO COSTATI ??..HA PAGATO QUALCUNO??..LA LISTA E' LUNGA....!!!

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 10/07/2017 - 18:51

Su 11 procedimenti 2 volte è stato assolto in cassazione (tentata estorsione e calunnia aggravata)-1 volta ha patteggiato (fatture false e frode fiscale)- ha poi subito una condanna definitiva a 7 anni di reclusione (concorso esterno in associazione mafiosa)- 1 altra condanna definitiva 8 mesi (abuso edilizio)- oltre a tre procedimenti in cui è rinviato a giudizio (Trattativa tra Stato e mafia- P3 e peculato)- una condanna in primo grado a 4 anni di reclusione (frode fiscale) e infine in altri 2 le indagini sono ancora in corso (estorsione- ricettazione)--dell'utri--se lo conosci lo eviti-

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 10/07/2017 - 18:59

il reato in questione esiste e vive insieme a noi--ed è una sorta di combinato disposto tra il 416 bis ed il 110----si può fare una analogia con quello che accade col reato di concorso morale in omicidio- non previsto nel codice ma usato per reati di tipo terroristico e talvolta anche per reati senza aggravante terroristica che prevedono un'associazione tra mandanti- ispiratori ed esecutori---detto in soldoni--se dell'utri non doveva andare in carcere --non ci doveva andare --per un ragionamento del tutto speculare neppure adriano sofri--che invece s'è fatto i suoi anni senza piagnucolare mostrando dignità che dell'utri si sogna--swag

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 10/07/2017 - 19:02

tanto, ma tanto onore a questi due! invece sputerei volentieri a un occhio ingroia, GZORZI, e altri cre.tini di sinistra sempre pronti a insultare o sallusti, o brunetta, o berlusconi, o salvini, o bertolaso, o meloni..... sempre degli inutili rompi... .... :)

sparviero51

Lun, 10/07/2017 - 19:02

QUESTO SQUALLIDO E SFIGATO INDIVIDUO ABORTITO DALLA NATURA HA DOVUTO ELEMOSINARE UN POSTO INVENTATO ALL'UOPO DA UN RICCHIONE PER POTER CONTINUARE A FARE LA BELLA VITA !!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 10/07/2017 - 19:12

comunismo = ignoranza = ingroia

carlottacharlie

Lun, 10/07/2017 - 19:41

Cosa potevamo aspettarci da certi giudici? Sono presi da grande invidia, cattiveria ed incapacita'.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 10/07/2017 - 21:36

Prego per Marcello, per l'uomo che primo ha crediuto in Berlusconi e che si è sempre battuto per la Giustizia; i Giudici disonesti pagheranno cara la loro arroganza. Forza Italia Shalòm

kinoman

Lun, 10/07/2017 - 22:05

In un paese "democratico" e "liberale" quando qualcuno dopo tre gradi di giudizio e' stato condannato in via definitiva per mafia non si commenta la sentenza, si accetta e "basta".

tRHC

Lun, 10/07/2017 - 22:18

Atlantico:tu fai molta piu' pena del tuo amico (magistrato)magistrato??? Azzzz a posto siamo!!!!

maria angela gobbi

Lun, 10/07/2017 - 22:50

concorso esterno in distruzione di Italia e Italiani...per questo delitto sarebbero da condannare molti..dal governo in giù

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 11/07/2017 - 00:43

gzorzi Lun, 10/07/2017 - 15:46...Infatti lei, dal basso del suo essere spregevole, non puó e non potrá mai capire...Sa una cosa, zecca rossa?? NON LE AUGURO di capitare nelle mani di uno come l'ex pm....davvero, pur disprezzandola profondamente, non glielo auguro....E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 11/07/2017 - 00:46

Atlantico Lun, 10/07/2017 - 16:43...Altro fenomeno rosso sangue!! La domanda che si dovrebbe porre (ammesso quindi che lei fosse cerebro dotato) è: tra un ex pm,corrotto e fallito, ed una persona perbene, chi si DEVE scegliere?? E.A.

Popi46

Mar, 11/07/2017 - 05:53

Questo è solo l'aperitivo.....Compagnucci cominciate ad assumere antiacidi, la sentenza sulla legge Severino si avvicina....

orailgo38383838

Mar, 11/07/2017 - 06:39

Ingroia conosce i segreti di qualcuno in alto...ecco perchè è ancora lì

orailgo38383838

Mar, 11/07/2017 - 06:41

atlantico: ...forse è il caldo??

stesicoro

Mar, 11/07/2017 - 08:28

Difficile dire qualcosa di più e meglio. Mi limito pertanto a soggiungere: Bravo Direttore!

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 11/07/2017 - 09:08

Ingroia ha solo seguito, con minor successo, l'esempio di violante

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 11/07/2017 - 11:53

Caro Direttore, il suo articolo io l'ho letto e non so se essere d'accordo o no. Quel che più mi preme è evidenziare questa atmosfera di incertezza, di mancanza di fiducia nella magistratura e nelle istituzioni, questa parvenza di democrazia che, a dispetto del dettato costituzionale, è diventata un'oligarchia delle varie lobby che hanno il potere in mano: magistratura, finanza, informazione. Tutte le più politicizzate possibile. Cammini per strada e non sai se chi ti incontra è o non è quel pluriomicida in vacanza premio...Sforzi inumani fatti dalle istituzioni pulite, carabinieri, polizia, vanificate da interpretazioni sempre più magnanime a favore dei meno meritevoli, a fronte di provvedimenti del tutto ingiustificati, al limite della persecuzione, nei confronti dei soliti noti, guarda caso, vicini alla parte politica avversa. Quindi, tra Ingroia e Dell'Utri, tutta la vita nel dubbio.

Ritratto di michageo

michageo

Mar, 11/07/2017 - 12:41

Chissà chi ha "coperto" Ingroia........per dipiù, in una regione di confini labili e sfuggenti come la Sicilia.....scava , scava forse ......

rrobytopyy

Mar, 11/07/2017 - 17:25

lo pubblicate ?? forse no. Se Dell' Utri fosse stato di sinistra il finale sarebbe stato: pur storcendo la bocca e arricciando il naso, non c'è dubbio: tra Ingroia e Dell'Utri, tutta la vita il primo.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 11/07/2017 - 17:32

elkid# Vedo che continua la sua vocazione masochista. Si sa che quel che fa un magistrato come Ingroia non ha alcun valore giuridico morale sociale e politico. Le sentenze altro non sono che atti politici. La prova? Cristo, Dreyfuss, Tortora, Sabani, Antonelli, Gramsci, gulag, lager. Milioni di persone condannate da magistrati che lei applaude in quanto magistrati. Mi creda peggio dei magistrati farabutti ci sono soltanto quelli come lei.

Anonimo (non verificato)