Inps, quasi metà dei pensionati vive con meno di 1000 euro al mese

Il rapporto annuale dell'Istituto sottolinea la difficile situazione di molti pensionati italiani

7,2 milioni di pensionati, un numero che sfiora il 50% del totale, nel 2012 percepiva meno di mille euro ogni mese. Se si escludono dai calcoli i dipendenti pubblici, spiegano i dati rivelati oggi dall'Inps, il 47,2% del totale viveva con meno di 500.

Un'immagine drammatica, tratteggiata nel rapporto annuale dell'Istituto della previdenza, che fai conti non soltanto su chi non lavora più, ma anche sui lavoratori costretti ad uno stop forzato. Lo scorso anno si è assistito a un aumento del 12% delle ore di cassa integrazione autorizzate, che hanno superato così gli 1,1 miliardi. Interessati 1,6 milioni di lavoratori. Di 6,2 miliardi di euro la spesa totale, se si tiene conto anche della copertura per la contribuzione figurativa.

Nel 2012, l'Inps ha erogato 21,1 milioni di pensioni di natura previdenziale e assistenziale per 15,9 milioni di cittadini. La spesa complessiva ha raggiunto i 261,3 miliardi di euro, una cifra che corrisponde al 15,86% del Pil. Un aumento di 66,9 miliardi di euro, 63,3 dei quali legati all'incorporazione di Inpdap ed Enpals.

Commenti
Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Mar, 16/07/2013 - 11:45

Qualcosa che mi fa ridere e piangere. Ridere perché è una presa in giro per chi come me ha lavorato più di 45 anni, ora non riesce neanche a vivere con un meritato riposo. Altro, da piangere, vedendo che si parla e basta a chi vive con pensioni d'oro avendo "lavorato" anche pochi anni.

Paul Vara

Mar, 16/07/2013 - 12:03

Ingiusta vecchiaia: una certa gioventù guadagna 5000 euro per una cena (elegante, sia ben chiaro)...

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 16/07/2013 - 12:32

Leggendo l'articolo la mia riflessione e tristezza và a quei milioni di giovani di oggi che in vecchiaia non avranno nemmeno uno straccio di pensione. Gli è stata tolta la terra da sotto i piedi e gli è stata negata anche la possibilità di sperare. Forse abbiamo sbagliato qualcosa negli ultimi trent'anni.

beep

Mar, 16/07/2013 - 12:33

OK per i pensionati è un macello. Per uno che lavora a tempo pieno e percepisce solo € 940,00 al mese cos'è un fortunato. L'Italia ha perso il 50% del potere di acquisto in dieci anni . I costi però sono aumentati . Siamo vicini ad una rivoluzione . Uno che lavora non può essere uno che non vive del suo lavoro. E' anticostituzionale , sindacati venduti, e sinistra affaristica che ci dovevano tutelare. Quando il numero 1 di un partito di sinistra è De Benedetti abbiamo detto tutto.

Zizzigo

Mar, 16/07/2013 - 12:43

Sì, ma a noi pare interessi di più sapere se il ministro assomiglia o meno ad un orango! Di questo si discute, questo è un miserando manicomio!

giuliana

Mar, 16/07/2013 - 12:53

Un milione di lire erano una buona pensione. L'euro ci ha distrutto, ma questo è in linea con il programma europeo. Era tutto stabilito, loro sapevano benissimo che sarebbe finita così. Le nazioni devono finire, i popoli devono finire per far posto al meticciato di cui si comincia a parlare qua e là, tanto per farci abituare all'idea. MALEDETTA EUROPA E MALEDETTI COLORO CHE STANNO COSTRINGENDO I DISGRAZIATI POPOLI EUROPEI A QUESTO SPORCO E DELIRANTE GIOCO.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 16/07/2013 - 13:29

Ve ne accorgete solo adesso? Addirittura si sono inventati lo "scivolo" e l'aumento dell'età pensionabile senza che nessuno fiatasse, per potere disporre di soldi dei pensionati rubatigli sotto il naso! Però, adesso, vi siete accorti che c'è gente che sopravvive a mala pena.

charliehawk

Mar, 16/07/2013 - 14:00

Ma dal conto dei "poveri", sono stati tolti tutti gli artigiani e i commercianti che, fino a pochi anni fa, non pagavano praticamente alcun contributo previdenziale e che quindi non dovrebbero neanche percepire quella minima che invece prendono ? Tutti sappiamo che, questa gente, ha sì pensioni "basse", ma i soldini, durante la vita lavorativa li ha messi da parte, altrochè se li ha messi da parte...

franco@Trier -DE

Mar, 16/07/2013 - 14:01

Dite anche quanti sono quelli che prendono sui 500 euro al mese di pensione.

Amon

Mar, 16/07/2013 - 14:08

tanto per voi la comlpa e' dei comunisti che vedete anche nel caffe', non riuscit nemmeno a capire che i reali colpevoli di queste cose sono in primis i partiti che promettono una cosa e ne fanno un'altra e in secundis siete voi che continuate a votare come se fosse una partita di calcio, in politica lasciate a casa il tifo e votate chi ha portato risultati e non solo ve li ha raccontati a gran voce con le fanfare pretendete di vederli e toccarli con mano i risultati.

Cinghiale

Mar, 16/07/2013 - 14:09

La riforma delle pensioni dei signori "onorevoli" a che punto è? Sono rimasto a quando in una settimana la piagnona Fornero ci ha sfondato il sedere, poi è saltata fuori la costituzione che impedisce la riforma delle pensioni degli "onorevoli" che la vorrebbero fare e pesante anche, ma la costituzione è la costituzione e lega le mani.

giova58

Mar, 16/07/2013 - 14:25

Se con la partita IVA lavori a provvigione ti trovi nei primi anni di lavoro, per essere congruo con gli studi di settore, a pagare più di quanto guadagni, anticipi da subito l'INPS ed inizi ad indebitarti.Quando riesci ad andare a regime, per così dire, oltre alle multe INPS, il sistema tributario italiano ti obbliga a pagare il 99% a maggio di anticipo sull'anno futuro per cui continui ad indebitarti e le tasse dal 50% del tuo reddito è come se aumentassero ad oltre il 60% per gli interessi di mora. Alla fine paghi per lavorare e non potrai mai andare in pensione. Se invece sei un dipendente, dopo anni di precariato, ci arrivi oltre i trentanni,poi vai in mobilità per un pò di anni, poi riesci a rientrare ma arrivi per la pensione o a 70anni o se meno con una pensione quasi di anzianità. Essendo il sistema contributivo , ti ritrovi ad aver versato non sufficientemente per avere almeno qualcosa che si avvicini all'ultimo stipendio, per cui da vecchio non arrivi nemmeno alla metà e l'INPS spera che muori prima. Ormai siamo all'indigenza generalizzata.

peter46

Mar, 16/07/2013 - 14:32

charliehawk...Io sono uno di quelli,vuoi cambiare la tua situazione con la mia?Trova,a tuo piacimento un curatore che controlli i tuoi e i miei'possedimenti'(compresi quelli che ho nei Caraibi)e facciamo il cambio.Di Via Montenapoleone o di Via Frattina,in Italia ce ne sono tante...ma non ci possono essere per tutti.Come infatti loro(Noi)prendiamo(prenderemo)per quanto abbiamo versato.E se non abbiamo versato ciò che lo Stato ci ha imposto,niente pensione di vecchiaia.Solo sociale...216 euro.Vuoi togliergli anche quelli?..sicuro che non sei uno di quelli con contributi 'figurativi'o pre-pensionato dopo 15 anni ecc?

killkoms

Mar, 16/07/2013 - 14:58

leopradi50,paghiamo le scelte dei folli anni della 1^repubblica,quando i diccì(e non solo) gestivano la cosa in maniera clientelare!"una pensione non si nega a nessuno",dicevano!per non parlare dello scandalo delle baby pension degli statali!donne pensionate a 35 anni,con una spettativa di vita fino ad 80!altro scandalo le pensioni dei politici,nazionali e locali!così hanno massacrato il futuro degli attuali giovani!

il gotico

Mar, 16/07/2013 - 15:04

se è per quello ci sono invalidi al 100% che non superano i 300 euro mensili.... volete la soluzione ? Dovete essere extracomunitari, rom, o bravi a fare la polvere sugli scaffali di montecitorio...e vedrete che la S,ra boldrini vi assumerà a più di 3.000 auro al mese, vi darà un appartamento gratis e tutto si sistema... basta essere amici della casta, convertitevi alla religione boldriniana.

doris39

Mar, 16/07/2013 - 15:50

charliehawk. L'informazione da lei data non è esatta. La disciplina dei contributi obbligatori dei lavoratori autonomi è stata riformata nel 2011. Prima di quella data gli artigiani finanziavano il loro fondo pensioni pagando il 20% del reddito dichiarato al fisco, mentre i commercianti pagavano una piccolissima quota in più, esattamente il 20,09%. Naturalmente se,scorrettamente,le succitate categorie denunciavano il " falso " non potevano pretendere di avere una buona pensione.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 16/07/2013 - 15:54

@ killkoms - Quelle scelte folli negli anni della 1^ Repubblica hanno giovato a ognuno di noi e i frutti di quelle elargizioni a pioggia hanno reso fertile il terreno di tanti, forse di tutti. Ma oggi quello che mi spaventa sono le prospettive delle nuove generazioni. Trovare una soluzione ai mali del passato è un dovere che abbiamo verso i nostri figli e nipoti.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mar, 16/07/2013 - 16:06

Si con mille euro si vivge da fame, quelli CON 516 EURO SONO ORMAI SPARITI TUTTI O QUASI.

Cinghiale

Mar, 16/07/2013 - 16:12

@leopardi50 Mar, 16/07/2013 - 15:54 @killkoms Mar, 16/07/2013 - 14:58 - Come possono gli ex-parlamentari ricevere un'indennità di 3.000 euro mensili a partire dai 60anni anche con una sola legislatura alle spalle? Basta contare questi e si forma un bel gruzzolo. Ecco il problema e sono tutti, dall'estrema dx all'estrema sx, non uno che rifiuti.

novi

Mar, 16/07/2013 - 16:15

le pensioni sono il calcolo dei contributi che le persone, durate la vita lavorativa hanno versato e quindi non sono un regalo, e la pensione non è altro che il conteggio del versato e allora di cosa si lamenta chi prende poco, ha versato poco?. Almeno che vogliamo riformare il sistema e diamo a spese dello stato una pensione uguale per tutti in base al costo della vita e chi ha versato di più della base pensione gli vengano restituiti con l'interessi i maggiori contributi. Così siamo tutti uguali in vecchiaia nel percepire la pensione.

doris39

Mar, 16/07/2013 - 16:20

Scelte folli ce ne sono a iosa compresa questaLa legge 388 del 2000 inserita nella Finanziaria 2001 del Governo Amato, ha riconosciuto l'assegno sociale anche ai cittadini stranieri, che con il requisito fondamentale di 65 anni di età, ricevono automaticamente ogni mese, senza intoppi, e soprattutto senza aver mai versato contributi, la pensione sociale di 550 euro, grazie alla legge sui ricongiungimenti familiari, che prevede per gli stranieri con carta di soggiorno in regola, residenti in Italia da 10 anni, il ricongiungimento familiare per far arrivare in Italia genitori o parenti anziani..

LAMBRO

Mar, 16/07/2013 - 16:26

Quando pensate di ridurre le pensioni d'oro elargite in doppio, triplo, quadruplo ecc... ai Super pensionati dello Stato e degli enti pubblici !!! E' uno scandalo che in tempo di crisi ci siano tanti re Mida in giro per l'Italia!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 16/07/2013 - 16:30

xfrancotier-In germania ci sono persone che ne prendono 300- di euro. Senza la harz4, e il sussidio comunale sarebbero molti i morti di fame anche li.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 16/07/2013 - 16:43

in nome dell'euro devono essere abolite le pensioni, gli anziani devono morire di fame sono un peso per la società del Nuovo Ordine Mondiale.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 16/07/2013 - 17:18

Di che si lamentano ? Queste pensioni sono pagate da chi è impiegato adesso che 1000 euro al mese non li vedrà nemmeno in cartolina.

acam

Mar, 16/07/2013 - 17:50

io ho lavorato 14 anni in un paese che mi da 850 euro al mese di pensione e 10 in un altro che me me ne da 225 e 6 in un altro che me ne da 1000 non ho ancora capito come in italia si fanno i conti delle pensioni

-cavecanem-

Mar, 16/07/2013 - 18:01

L'Italia e' tremendamente sbilanciata in alto, vuol dire che stipendi e pensioni di parlamentari per esempio sono sproporzionate se paragonate a quelle di un Italiano medio. Sproporzionate se paragonate a quelle del resto d'Europa. Lo stesso vale per il numero di scalda sedie che strozza il paese, e che vuol esser sostenuto a suon di tasse. Forse quando manchera' anche la pagnotta l'Italiano si ribellera'.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 16/07/2013 - 18:15

E la sig,ra Boldrini spende 4 milioni di euro per tirare a lucido la biblioteca di Montecitorio.

killkoms

Mar, 16/07/2013 - 18:38

@leopardi50,egoisticamente parlando potrei rispondere che io in pensione ho ancora tempo per andarci!e sono pure tra quelli che partiti col retributivo si sono ritrovati col contributivo,alla faccia dell'eguaglianza sociale!abbiamo avuto l'illusione di uno stato sociale similsvedese,ma ci siamo anche cullati nell'altra illusione che il bomm degli anni 60(crescevamo più della cina!) potesse essere eterno,ma i fatti ci smentirono!se si fosse corsi ai ripari negli anni 70/80,oggi non avremmo la prospettiva di andare in pensione a 67 anni con meno soldi!troppa gente è andata in pensione con zero contributi;ultimi i nonni degli immigrati!se pensiamo che in australia,se vi si immigra per lavoro,bisogna farlo entro i 40/45 anni,per costruirsi una pensione minima!ricordo di gente,specialmente artigiani e piccoli commercianti,ma amche contadini,che dichiarava guadagni irrisori per pagare meno tasse;salvo lamentarsi mora per una magra pensione!

fermamarina

Mar, 16/07/2013 - 19:02

ma questo non è notizia interessante, evidentemente, il governo che ha ben altro a cui pensare! Sì c'è da pensare agli oranghi, all'espulsione, alla biblioteca da spolverare.... stiamo scherzando?!

blackbird

Mar, 16/07/2013 - 19:03

Si fa presto a fare due conti. Prima del 2001 un "buon" stipendio si aggirava sui 2.000.000 al mese. Cioè 2.000.000:1.927,36=1.037,69 euro. Uno che è andato in pensione dopo qualche anno, con 45 anni di contributi si prende il massimo della pensione: 80% della media degli stipendi degli ultimi 10 anni di lavoro (se è un fortunato andato in pensione con il sistema retributivo), cioè 1.037,69x0,80=830,15 euro. Non servono studi statistici per fare questi calcoli. Se poi uno ha una "media" sul milione e mezzo, milione e otto lascio a voi la contabilità.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 16/07/2013 - 19:12

1000 euro? Che culo. Chi lavora oggi con la riforma della infame banchiera fornero la pensione non la avra' mai.

mezzalunapiena

Mar, 16/07/2013 - 19:32

per i dipendenti,non pubblici,con l'attuale sistema molti piangeranno.sicuramente non i politici e i segretari dei sindacati anche perchè prima hanno pensato a loro con pensioni d'oro ad esempio i 1463 deputati e gli 843 senatori non la pensione ma il vitalizio che se ricordo bene supera i €5.000.00 netti al mese:qualche nome,diliberto,scanio e folena.

Mario-64

Mar, 16/07/2013 - 21:31

Alcuni sono sicuramente pensionati baby, che i mille euro al mese li ricevono da trent'anni...

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 16/07/2013 - 22:59

@DORIS39 15.50 (CharlieHawk): Per esempio, a Prato sono in molti gli artigiani che si lamentano di pensioni da fame. Molti di essi hanno lavorato molto ma troppo "a nero", hanno versato in proporzione, cioè non molto anzi poco, quindi percepiscono di conseguenza. E' successo solo a Prato? Già che ci sono, ho capito bene quanto comunicato in materia dal Tg2 delle 20.30 e cioè che la pensione media dei dipendenti pubblici (celebrati ed indefessi lavoratori) è doppia di quella dei dipendenti privati (1735 euro contro mi pare 900)? Saluti

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 16/07/2013 - 23:06

@LEOPARDI 50 15.54: D'accordo per le buie prospettive dei giovani, ma non mi risulta che "tutti o quasi" si siano bagnati alla pioggia delle elargizioni folli degli ultimi cinquant'anni. I furbi ed i profittatori, certo, ma nel privato si è avuto al massimo dell'aria umida. Saluti

curatola

Mer, 17/07/2013 - 06:49

forti sanzioni e sputtanamento mediatico locale indurrebbero all'autodenunzia ma mi chiedo se l'inps sia popolata da incapaci o da conniventi.

curatola

Mer, 17/07/2013 - 06:54

tutte le pensioni dovrebbero garantire solo la sopravvivenza ma accompagnate da bonus per i fabbisogni essenziali dell'interessato,non dei suoi parenti.

killkoms

Mer, 17/07/2013 - 14:32

@wilfredoc47,quando andavo alle superiori,nei primi anni 80,mi pagavo quasi tutti i libri,solo perchè nella mia classe ero l'unico ad essere figlio di un dipendente pubblico,peraltro inquadrato al 2°(poi passò al 3°)livello retributivo,e con cmoglie e 3 figli a carico!gli altri?un fioraio che dichiarava 4 milioni di lire annui!un commerciante di generi alimentari che dichiarava 7 milioni di lire annui(e faccio presente che vivevo in un piccolo centro,e non c'era stato ancora il boom della grande distribuzione),ed infine un coltivatore diretto che dichiarava 2.400.000 lire annue!molti di questi signori oggi si lamentano,ma non ricordano la"loro"evasione contributiva!

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Mer, 17/07/2013 - 15:41

Nel frattempo che si aspetta che si defunga e si risparmiano anche quei pochi euro c'è il compagno dalema che da vero comunista sessantottino ogni giorno si fa portare a spasso da due auto e tre uomini di scorta che presidiano la sua passeggiatina col labrador che deve fare la cacca

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mer, 17/07/2013 - 20:06

no genovasempre quelle da 516 sono andati all'estero ma non sono spariti.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Gio, 18/07/2013 - 11:54

E DOVE? NEL BANGHLADESH?

angelomaria

Sab, 27/07/2013 - 13:46

e' perche laltra meta' sono falsi!!!