Intrappolati di notte nella stazione metro di Roma

Dopo l'ultima corsa tre giovani trovano i cancelli chiusi. Costretti a chiamare la polizia

Nuove polemiche per i servizi di trasporto pubblico di Roma. Quattro viaggiatori sono rimasti rinchiusi all'interno di una stazione della metro, nella notte fra sabato e domenica. La denuncia arriva da uno studente di 22 anni, Lorenzo. Dopo una serata con gli amici la corsa per prendere l'ultimo metrò. Ce la fa e in pochi minuti arriva a destinazione, alla stazione Flaminio. L'uscita però è chiusa. Insieme a Lorenzo altri tre compagni di sventura. All'1.55 il cancello non c'è un'anima viva a cui chiedere aiuto. "Ho avuto un attimo di panico - racconta al Corriere della sera lo studente -. Fortuna che non ero solo. Mi è montata una rabbia però: voglio dire ma com’è possibile che Atac non si coordini per la chiusura delle stazioni?".

Per liberarsi dalla "prigionia" i quattro non hanno alternative: si attaccano al telefonino e chiamano il 112 e poi il 113. Presa la linea uno degli operatori chiede loro: "Dov’è che siete?". E sembra incredulo quando gli rispondono che sono rimasti intrappolati nella stazione metro. Dopo l'allarme in breve tempo arrivano i vigilantes. Gli "sventurati" possono andare a riposare. Ma Lorenzo si domanda: "Come avrebbe fatto un turista? E una donna sola? Come hanno fatto a chiudere una stazione senza sapere che sarebbe passato un altro treno?".

Lo studente ha raccontato la storia al blog Linkursore.altervista.org: "Dopo essere uscito con i miei amici mi sono fatto accompagnare a Policlinico per prendere l’ultima corsa della metro B. Sono arrivato a Termini all’1.47 e sono corso alla banchina della metro A pensando di aver perso l’ultima corsa per Battistini, invece, con mia grande sorpresa e felicità, all’1.50 è passata la metro. Sono arrivato a Flaminio dopo 6 o 7 minuti e ho preso le scale per uscire insieme ad altri due ragazzi. Premetto che a Flaminio ci sono due entrate di cui una viene sempre chiusa prima mentre quella principale, che porta verso il treno per Roma nord, viene sempre chiusa dopo. Ad un certo punto i due ragazzi che erano usciti con me dalla metro, mi hanno avvisato del fatto che l’entrata principale era chiusa, a me sembrava molto strano, soprattutto perché l’altra uscita era segnalata come chiusa". La brutta avventura comincia subito dopo.

"Siamo dunque andati alla seconda uscita per controllare se ci fosse stato un errore ed invece era tutto vero! Siamo rimasti chiusi dentro la stazione metro ed abbiamo cominciato a cercare qualcuno che ci aprisse ma non c ‘era nessuno. Ci siamo appoggiati ai cancelli chiusi e abbiamo urlato sperando che un inserviente Ama o qualche passante ci aiutasse ma niente… a quel punto abbiamo provato l’estremo tentativo, ossia abbiamo chiamato l’Atac che, naturalmente essendo notte, non ci ha risposto e ci ha lasciato inutilmente in attesa. Abbiamo così deciso di chiamare polizia o carabinieri e, dopo un po’ di attesa, abbiamo finalmente avuto una loro risposta: ci hanno detto che sarebbe arrivato qualcuno ad aprirci. Alle 2.20 è arrivata una macchina della sicurezza per farci uscire".

Commenti
Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mar, 15/09/2015 - 10:18

Avrei telefonato a casa di Marino

elalca

Mar, 15/09/2015 - 10:37

la città più bella del mondo gestita, da sempre, da una banda di ladri e magliari

giovauriem

Mar, 15/09/2015 - 13:17

dopo pochi mesi di ammin(e)estrazione(hanno distribuito e mangiato molta minestra) di pd e marino , la capitale è diventata un sobborgo di calcutta , anche per che ,ormai non esistono più romani .

CIGNOBIANCO03

Mar, 15/09/2015 - 18:09

Egregio Grilli:stesso percorso che ho testato io, mentre giravo per Roma, fortunatamente non da sola.Tratta pericolosa e vergognosa per una città come la capitale....grazie al subnormale marino.

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 05/12/2015 - 21:42

ora vi lamentate cari cittadini ROMANI, ma non avete votao voi MARINO=PD=PCI e allora ??? prima di votare certi personaggi e relativo partito , pensateci e poi non lamentatevi