Investe l'auto dei carabinieri. Ma il giudice indaga il militare

Un turista svizzero guidava contromano a Genova e ha provocato l'incidente con i Carabinieri. Ma il pm ha dovuto iscrivere il militare nel registro degli indagati

La gazzella dei Carabinieri ha il lampeggiante acceso, la sirena suona all'impazzata: è un'emergenza. Il carabiniere alla guida accelera, deve arrivare in tempo in centro a Genova per un intervento immediato. Svolta a destra, svolta a sinistra. Poi all'improvviso sbuca quella Toyota nera che ha fatto inversione a U dove non avrebbe dovuto. Lo schianto. L'incidente finisce sul banco del pm Giovanni Arena che, "come atto d'ufficio", invece di indagare il turista svizzero colpevole dell'assurda manovra mette alla sbarra il militare.

Esatto. Avete capito bene: carabiniere indagato e solo una multa al pirata della strada. Nell'Italia delle leggi al contrario non sembra poi così tanto assurdo. O forse sì. Di certo c'è solo che alla fine nel registro degli indagati è finito il carabiniere che stava guidando (luci e sirene accese) per rispondere ad una emergenza anziché il turista che ha provocato l'incidente. L'accusa? Lesioni stradali per non aver usato la prudenza necessaria ad evitare eventuali ostacoli. Il motivo? Secondo la legge, poiché lo svizzero ha riportato ferite con una prognosi maggiore di 41 giorni, il carabiniere deve essere indagato. Sciocca lex, sed lex. Il principio legale non vale a parti inverse, visto che i tre militari sulla gazzella non hanno subito ferite così gravi. E così il turista se la caverà con una semplice multa per l'improvvida inversione.

Commenti

dot-benito

Mar, 29/08/2017 - 19:38

CHE MAGISTRATURA DI ME....

Ritratto di giordano

giordano

Mar, 29/08/2017 - 19:46

non saremo mai un paese normale

Lissa

Mar, 29/08/2017 - 19:53

Invito questo "giudice democratico" di venire in in Svizzera e fare la stessa inflazione che ha fatto il Svizzero in Italia. Questi sono giudici che come mestiere da svolgere e quello di soffiare il naso alle galline quando in inverno sono raffreddate.

Ritratto di Anna 17

Anonimo (non verificato)

VittorioMar

Mar, 29/08/2017 - 19:58

...CI SONO IMPIEGATI STATALI CHE "RUBANO LO STIPENDIO A FINE MESE E DANNEGGIANO ALTRI CHE FANNO IL LORO LAVORO VERO E DI IMPEGNO E COSCIENZA!!...ONORE SEMPRE ALL'ARMA !!!

bundos

Mar, 29/08/2017 - 20:06

che c'è di strano? con l'italia rivoltata come un calzino mi sembra tutto normale!asinum in scola magister

Yossi0

Mar, 29/08/2017 - 20:14

mi sembra giusto, e sta nella morale comune di questo paese; nella barbara svizzera chissà cosa sarebbe successo ad un automobilista italiano in palese infrazione se avess urtato un mezzo dell polizei... Evviva la magistratura, è infallibile, come il papa.

aldoroma

Mar, 29/08/2017 - 20:23

da manicomio.....siamo alla frutta

teo44

Mar, 29/08/2017 - 20:54

vai in svizzera a fare una cosa del genere poi vedi cosa succede.paese ormai allo sbando

@ollel63

Mar, 29/08/2017 - 20:58

L'incidente è avvenuto in via gramsci, ergo la sinistra ha sempre ragione, il giudice proveniente dalle scuole di formazione gramsciana, quali sono le facoltà di giurisprudenza di questa sinistrata Italia, fa il suo mestiere sinistro.

nunavut

Mar, 29/08/2017 - 21:04

in Svizzera quando ero giovane mi sono beccato una multa per aver guidato la bicicletta con le mani in tasca(cosa da non fare),ero appena arrivato in Svizzera,al mio paesello lo facevo regolarmente, il poliziotto mi fermò e mi chiese come mai non avevo le mani sul manubrio gli dissi:es ist kalt, mentre mi porgeva la contravvenzione mi disse Kaufe Handschuhe. A Roma devi vivere come i Romani.

mariod6

Mar, 29/08/2017 - 21:24

E il giudice in galera mai ????

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 29/08/2017 - 21:48

L'articolo sul Secolo XIX e più chiaro. Si tratta di un atto formale obbligatorio vista la,gravità delle lesioni dello svizzero. Per i carabinieri la,cosa non si applica perché le,lesioni sono meno gravi. Molto probabile un non luogo a procedere. Per cui perché ci si scalda? In ogni caso quando ero nei carabinieri ricordo che OGNI incidente stradale era fatto oggetto di un'inchiesta amministrativa a prescindente dal danno.

magnum357

Mar, 29/08/2017 - 22:00

Fosse stato un italiano lo avrebbero messo dentro per tentato omicidio stradale, ma che caxxxo di Stato è diventato l'Italia in mano ai giudici rossi !!!!

Ritratto di sailor61

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 29/08/2017 - 23:19

Film già visto. La colpa è sempre delle forze dell'ordine. Ma perchè si fanno i processi?

nunavut

Mer, 30/08/2017 - 01:15

@ Nahum eri carabiniere quando la gazzella ha i lampeggianti accesi e la sirena in funzione i vari conduttori in strada non si devono scostare e pure fermarsi per non intralciare la gazzella? Me lo hanno insegnato alla scuola guida in Svizzera e in altri 2 paesi in America del Nord e penso che sia la stessa cosa pure in Italia o sbaglio?.Poi che ci sia un'inchiesta interna,lo posso capire per poter in futuro controbattere le pretese delle assicurazioni(almeno spero che sia per questo) Lo Svizzero ha torto marcio secondo quanto ho letto.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 30/08/2017 - 09:01

Reminiscenze di scuola guida: ma quando si ascolta una sirena o anche quando c'è il lampeggiante acceso, non si dovrebbe accostare e far passare? E allora, o questo giudice non ha mai preso la patente o evidentemente è variato il codice della strada e io non ne so nulla.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 30/08/2017 - 09:15

Nunavut. Mi occupavo di questioni regolamentari e del personale, per questo conosco le regole dell'Arma. L'inchiesta interna è la regola quando si fanno incidenti in servizio anche senza feriti. La questione dell'iscrizione nel registro degli indagati e invece legata alla legge che impone questo atto qualora le ferite provocate prevedano una degenza superiore a 40 giorni. Si tratta come detto di un atto dovuto ma il giudice in questo caso è tenuto a verificare i fatti e ad accertare la colpa o il concorso di colpa. Niente di eccezionale e non è specifico ai mezzi militari.

rudyger

Mer, 30/08/2017 - 09:19

ma questo presidente della repubblica, capo supremo della suprema magistratura italiana queste cose le sa o non le sa ? ma non gli viene in mente una volta come Sisto V di andare in giro e rendersi conto come è ridotto questo paese in mano ai giudici comunisti nemici dello Stato?

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 30/08/2017 - 11:22

Sono tentato di non leggervi più per non sapere più di certe cose. Sono episodi che fanno ribollire il sangue, la magistratura sembra venga da un altro pianeta.

Lissa

Gio, 31/08/2017 - 20:34

Roberto_70, e vero la magistratura "democratica" viene da un altro pianeta, che si chiama pozzonero, e ci sguazzano ben volentieri.