Investita per tre volte, minacciata e violentata: l'ex sotto accusa

Perseguitata per due anni una donna straniera residente a Pimonte (Napoli). Divieto di dimora in Campania per l'ex.

Tra luglio e dicembre del 2017 era stata investita tre volte. Poi minacce, violenze. È quanto ha dovuto subire una donna straniera residente a Pimonte (Napoli). Degli incidenti stradali e delle vessazioni di cui per anni è rimasta vittima, è ritenuto responsabile il suo ex, un uomo di 60 anni nei confronti del quale i carabinieri della locale stazione hanno eseguito un’ordinanza, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della procura oplontina, che applica la misura del divieto di dimora nella regione Campania. Il 60enne è accusato di lesioni personali aggravate, atti persecutori e violenza sessuale.

La donna ha sporto le denunce che hanno permesso agli investigatori dell’Arma di avviare le indagini. Un contributo fondamentale all’attività investigativa lo hanno fornito le immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza cittadini. L’indagato presumibilmente non aveva accettato la fine della relazione e aveva preso a perseguitare la donna. Aggressioni verbali, minacce, appostamenti, sopportate dalla vittima in due anni, dal 2015 fino alla fine del 2017. I carabinieri hanno potuto ricostruire diverse condotte vessatorie, finite nelle pagine dell’ordinanza eseguita a carico dell’ex. Hanno appurato anche una violenza sessuale: l’indagato in un’occasione, secondo quanto è stato accertato, aveva bloccato la vittima nell’abitacolo della macchina e l’aveva palpeggiata.