Io, in fila al bancomat tra i greci stupiti e umiliati

Sono in Grecia a Corfù. Così, per caso, ho assistito alla diffusione di due sentimenti collettivi impressionanti: lo stupore e l'umiliazione

Grido all'impiegata che si vede all'interno: «Ehi, la macchina mi ha mangiato la carta e non mi ha dato un euro». «Anche la mia» dice la signora in fila accanto a me. I greci stanno in fila a occhi bassi, non urlano, ma cercano di evitare il contatto degli sguardi. I turisti strepitano in inglese, tedesco, russo. «Vedo che cosa posso fare» sussurra la ragazza della banca che esce sul marciapiede e armeggia con il Bancomat finché non costringe il mostro a sputare le carte rubate, ma senza concedere un solo euro.

«Eh sì, niente soldi», conferma l'impiegata rifugiandosi nell'ufficio. La fila vibra, sussurra, più smarrita che arrabbiata. Sono in Grecia a Corfù, che nell'Odissea si chiama isola dei Feaci, gente di gusto, mercanti d'arte. Il tassista mi sussurra: «La porto da Alexis che è amico del direttore della piccola banca del quartiere. Ci sono un po' di euro in cassaforte per gli amici. Inoltre Alexis fa una splendida Mussaka e si può pranzare da lui». Così, per caso, ho assistito alla diffusione di due sentimenti collettivi impressionanti: lo stupore e l'umiliazione. Qualcosa di enorme cominciava ad accadere e colpiva il popolo greco senza distinzione. Le persone davanti alle banche chiuse avevano l'anima rotta, qualcosa di spezzato dentro.
Sembravano ostaggi nelle mani di un potere lontano. E con quell'inutile rettangolo di plastica in mano trasmettevano lo sgomento del pudore violato.

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 04/07/2015 - 16:11

Ma tu Paolo sei in vacanza con disponibilità economiche , loro invece no. E' come parlare della fame nel mondo dopo aver mangiato come un porco.

no_balls

Sab, 04/07/2015 - 17:09

abbiamo scoperto che il frutto del lavoro viene consegnato ai banchieri.....e un giorno essi possono decidere di chiudere l'accesso ai tuoi soldi....e ti ritrovi in mano un pezzettino di plastica quadrato.... un po' come il gioco dell'aereoplano.... ad un certo punto il sistema si rompe e gli ultimi pagano tutto quello che chi gestiva il sistema si era fregato . Un po' quello che succedera' con le nostre pensioni fra 20anni.....

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 04/07/2015 - 17:29

Sapete come si fa a NON PAGARE SPESE BANCARIE, TASSE GOVERNATIVE, COMMISSIONI, INTERESSI E ALTRI VARI BALZELLI? SI VA A FARE ACQUISTI SOLO CON IL CONTANTE! Per gli acquisti in Internet va benissimo una carta prepagata PostePay, preferibilmente associata a PayPal. Un libretto di risparmio Poste Italiane completa il necessario. Così operando, si evita anche la possibile clonazione della carta allo sportello Bancomat (I TRUFFATORI DELL'EST EUROPA SONO SEMPRE PIÙ TECNOLOGICI ED INSIDIOSI!)

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Sab, 04/07/2015 - 17:49

È il nuovo governo che li ha cacciati in questa situazione perché pretende di non onorare i gli impegni. Prima delle elezioni avevano il Pil che saliva decisamente

PDA

Sab, 04/07/2015 - 17:58

Paolo, sono in vacanza a Cefalonia e quando vado al bancomat, inserisco la mia carta, digito l'importo e lui mi rende la carta e il montante richiesto. Forse é meglio che ti trasferisci qui, non siamo molto distanti. Distinti saluti

Ritratto di hermes29

hermes29

Dom, 05/07/2015 - 01:04

In Italia non potrà mai succedere, semplicemente perché gli € se li sono presi da un bel pezzo; come le pezze del c..o Troisi direbbe: "non ci resta che piangere" Siamo ancora in tempo, basta riformare le regole del capitalismo. diversamente.........

alox

Dom, 05/07/2015 - 02:41

D'accordo con H2SO4: questa e' la sorte dei paesi che votano il COMUNISMO: uccide lo spirito della gente, l'iniziativa e la voglia di fare. Vediamo se Tsipras si trasforma in un dittatore,logicamente accusa il mondo che e' sbagliato: pari pari come capito' a Cuba!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 05/07/2015 - 04:24

A forza di scossoni tellurici si è formato il mar Egeo. A distanza di ere geologiche chissà che oltre la Grecia anche l'Italia non faccia alla pari coME l'Egeo: SPROFONDA.

Ritratto di vecchiomontanaro

vecchiomontanaro

Dom, 05/07/2015 - 07:40

Ma non se li sono votati i vari Barufakis ( non so se si scrive così ) e Trapist? Vuol dire che gli và bene o domani vediamo se preferiscono il peggio. Ma dice il proverbio " Chi è causa del suo mal pianga sè stesso ". Stesso discorso in Italia.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 05/07/2015 - 08:25

La madre degli stupidi é sempre incinta, cosi' anche quella dei creduloni. I greci hanno votato un comunista al governo? Ben gli sta. Mi dispiace ma se la sono cercata e poi, gli aiuti ne hanno avuti tantissimi ma cosa hanno fatto? Gli champagnoni, ricchi premi e cotillons, pensionati a 50 anni niente riforme, niente catasto ,niente di niente. Dice un vecchio proverbio " Andare a prendere e niente mettere é cosa da smettere ". Il kompagnone comunista greco continua a parlare di orgoglio greco, si orgoglio mal riposto e l'europa sia pur mal fatta deve pagare ancora una volta per esigenze geopolitiche. La solita menata, i furbi ci guadagnano ed i fessi " NOI " ci rimettono.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 05/07/2015 - 08:41

Il dopoguerra non é mai finito. Il PCI era per definizione pi " il partito armato, e lo era veramente. Ricordo i tanti ritrovamenti di depositi di armi da guerra perfettamente conservate, ricordo a Bologna i discorsi a proposito di barricate ed il consiglio a non esserci.Oggi sono cambiati i mezzi, le armi del PCI sono ben più efficaci:infiltrazione a tutti i livelli, soprattutto la magistratura, la diffamazione, l'ingiuria, la lapidazione mediatica, la negazione del diritto alla difesa ,l'oppressione del potere nei confronti del cittadino. Quante se ne son viste i noi italiani dal cuore gentile continuiamo a dar loro la possibilità di ridurci alla povertà, alla fame. Viva il KOMUNISMO . Viva l'Italia che fu !

guerrinofe

Dom, 05/07/2015 - 11:26

UDITE UDITE quando si tocca la disponibilita degli averi personali LA DEMOCRAZIA E' FINITA¨¨ il rifiuto al voto sarebbe la giusta rivolta.