Ior, si dimettono il direttore generale Cipriani e il suo vice Tulli

Pochi giorni fa tre arresti nell'ambito di un'inchiesta sull'istituto vaticano. Oggi le dimissioni di Cipriani e Tulli

Paolo Cipriani, direttore generale dello Ior e il suo vice Massimo Tulli hanno rassegnato le dimissioni dall'istituto, che sono state accettate oggi dalla Commissione dei cardinali e dal Board di sovrintendenza.

Un mese fa era stato sospeso monsignor Nunzio Scarano, prelato contabile dell'Apsa, indagato per riciclaggio e arrestato per corruzione e truffa. Dalla sua elezione papa Francesco ha ripetuto più volte la necessità di fare chiarezza sull'Istituto per le opere di religione. In un'intervista al Giornale, Cipriani aveva sostenuto la necessità per il Vaticano di un istituto finanziario.

Nell'ambito di un filone d'inchiesta indipendente erano stati arrestati alcuni giorni fa monsignor Nunzio Scarano, alto prelato di Salerno, il funzionario dei servizi segreti Giovanni Maria Zito e il broker Giovanni Carenzio. Nei loro confronti un'indagine per truffa e corruzione aperta alla procura di Roma. L'inchiesta riguarderebbe il tentativo di fare rientrare dalla Svizzera 20 milioni che appartenevano ad amici del monsignore. Zito avrebbe ricevuto 400mila euro.

Commenti
Ritratto di maurocnd

maurocnd

Lun, 01/07/2013 - 21:12

Intrallazzi? Inciuci? Operazioni "poco trasparenti"? Ma no, cosa andate pensando! E' il Signore che gli ha consigliato un periodo di ritiro per rafforzare quella già granitica fede che li contraddistingue da secoli e quella insanabile voglia di aiuto all'umanità più debole. Ecco il perchè.

Ritratto di carlomauro

carlomauro

Lun, 01/07/2013 - 21:32

CHE SCHIFO.

peroperi

Lun, 01/07/2013 - 21:47

Chissà cosa ne pensa J.Cristo!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 02/07/2013 - 00:09

Eh sì. Pare proprio che in Vaticano sia arrivato il castigamatti. Ci voleva un Francesco 1° per scacciare i mercanti dal tempio. LA STORIA SI RIPETE.

Ritratto di thunder

thunder

Mar, 02/07/2013 - 08:27

E Gesu' disse siate umili... Ha.haa.haa.hahaha