Istruzione, Italia maglia nera Ocse: ha solo il 4% di laureati

L'ultimo rapporto di Ocse sui sistemi scolastici dei 36 Paesi dell'organizzazione è impietoso per l'Italia, ultima per numero di laureati: 4% della popolazione e 27% dei giovani (contro il 44% degli altri Paesi). Donne meglio degli uomini

In Italia il numero dei laureati è inferiore a tutti i Paesi dell'Ocse (tranne il Messico). È l'impietosa fotografia scattata dall'ultimo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sui sistemi formativi di 36 Paesi nel mondo. Il livello d'istruzione degli Italiani è ancora molto basso. Soltanto il 4% della popolazione 25/64 anni ha la laurea, contro il 17% della media Ocse. La percentuale sale al 27% nella fascia 25/34 anni, che però stride rispetto al 44% della media degli altri Paesi. Percentuali che collocano l'Italia rispettivamente all'ultimo e al penultimo posto, dietro al Messico. Una magra consolazione.

L'Italia cresce, ma non abbastanza per reggere il confronto degli altri Paesi. È quanto si evince dalla lettura del rapporto "Education at a Glance 2018 - Uno sguardo sull'educazione", uno studio dell'Ocse sullo stato dell'educazione nei 36 Paesi che fanno parte della Convenzione Ocse. Negli ultimi 10 anni, il numero di laureati italiani nella fascia anagrafica 25/34 è cresciuto dal 19 al 27%. Un aumento importante che però non basta ad evitare al nostro Paese il penultimo posto davanti al Messico. Ancora peggio i dati relativi al grado d'istruzione del complesso della popolazione. Solo il 4% degli italiani tra i 25 e i 64 anni può vantare un titolo di studio superiore al diploma, percentuale che ci fa indossare la maglia nera a livello internazionale.

Colpa degli uomini. Perché tra i giovani una donna su tre è laureata (33%) contro il 20% dei maschietti. Per quanto riguarda il profilo degli studenti, invece, l'Italia è ai livelli degli altri Paesi Ocse: più donne rispetto agli uomini (con il 55% nel 2016 rispetto alla media Ocse del 54%) e un'età media di iscrizione di 20 anni, rispetto ai 22 degli altri Paesi. A preoccupare è il tasso di abbandono scolastico, che determina la forbice esistente con i Paesi concorrenti. Prendere la laurea è importante non soltanto per il livello culturale, ma anche per trovare lavoro. Il tasso di occupazione in Italia è inferiore a quello dell'area Ocse, ma il divario aumenta con i livelli d'istruzione fino a raggiungere nel 2017 gli 18 punti percentuali per chi si è appena laureato.

Ma c'è anche qualche dato in controtendenza. Innanzitutto, al contrario di quanto pensano in molti, con il 3% di bocciati alle medie e il 7% alle superiori l'Italia supera le rispettive medie internazionali, che sono rispettivamente del 2 e del 4%. Inoltre il sistema scolastico italiano è uno dei più equi del mondo. Infatti, quasi 3 ragazzi su 4 figli di genitori non laureati (il 71%) continuano a studiare dopo il diploma, contro una media Ocse del 47%. Infine, i numeri si fanno nuovamente negativi per quanto concerne la spesa pubblica per gli studenti. L'Italia spende nel sistema scolastico il 28% in meno della media Ocse. Brutte notizie per l'Università. Uno studente italiano spende in media 1.647 dollari a testa e soltanto uno su cinque riceve una borsa di studio. In Finlandia le tasse universitarie non esistono e il 55% degli studenti ricevono un sussidio. Un altro mondo.

Commenti

killkoms

Mar, 11/09/2018 - 21:16

potrebbe anche voler dire che in Italia c'è poco mercato per i laureati (e dipende in cosa ci si laurea)!

justic2015

Mar, 11/09/2018 - 21:29

Progressi da giganti solo i Messico dopo di noi e io pensavo tutto diverso.