Johnson costretto ad un atterraggio d'emergenza: problemi in volo

Il volo del nuovo ministro degli Esteri Johnson è stato costretto ad un atterraggio d'emergenza mentre era in rotta per Bruxelles

Attimi di paura per Boris Johnson, che ieri è stato costretto a un periglioso atterraggio d'emergenza nel corso di un volo aereo dall'Inghilterra a Bruxelles.

L'ex sindaco di Londra e nuovo ministro degli Esteri del Regno Unito nel nuovo governo guidato da Theresa May si stava recando nella capitale belga con un volo militare decollato dalla base Raf di Northolt, quando l'aereo che lo trasportava ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza allo scalo di Luton per un "problema tecnico".

Tutti e sedici i passeggeri a bordo del velivolo, riferisce la BBC, sono potuti scendere in totale sicurezza, ma la pista dell'aeroporto è rimasta bloccata per trenta minuti, provocando numerosi ritardi ai voli di linea.

Prima di riprendere il proprio viaggio, Johnson ha voluto ringraziare l'equipaggio del proprio aereo e dell'aeroporto di Luton per la professionalità con cui hanno gestito l'imprevisto.

Il nuovo responsabile del Foreign Office ha incontrato a Bruxelles l'Alto commissario per la politica estera della Ue Federica Mogherini, con cui ha affrontato diverse spinose questioni, a partire dall'uscita del Regno dall'Unione, decisa in un referendum lo scorso 23 giugno.

Commenti

cgf

Lun, 18/07/2016 - 13:57

andare per parlare con Federica Mogherini poteva risparmiarselo, era meglio restare a casa e parlare direttamente con Catherine Ashton la quale ancora oggi....