Kate in topless, Marina Berlusconi: "Mondadori fa il suo lavoro"

Dura replica della presidente della Mondadori alle critiche di "Repubblica" per la pubblicazione delle foto di Kate: "Mio padre ha altro cui pensare che a un servizio fotografico"

Kate "pizzicata" in topless

"La Mondadori si è limitata a fare il suo mestiere e mio padre si occupa di politica, e ha altro cui pensare che a un servizio fotografico". In una lettera inviata a Repubblica Marina Berlusconi, presidente di Mondadori, replica duramente al commento pubblicato oggi sulle foto di Kate Middleton in topless. "Che cosa avrebbe dovuto fare mio padre? - aggiunge - Per rispetto della privacy della duchessa e badando solo ai propri interessi di politico, avrebbe dovuto calpestare l’autonomia editoriale della Mondadori".

La lettera, spiega lo staff di Marina Berlusconi, è stata indirizzata al direttore del quotidiano Ezio Mauro in riferimento al commento di Francesco Merlo, dal titolo Il topless principesco, ultima trincea di Silvio. "C’è da non credere ai propri occhi leggendo come Merlo provi disinvoltamente a invertire i ruoli di vent’anni di persecuzione giornalistica - scrive Marina Berlusconi - Che cosa avrebbe dovuto fare, secondo lui, mio padre? Per rispetto della privacy della duchessa e badando solo ai propri interessi di uomo politico, avrebbe dovuto calpestare l’autonomia editoriale della Mondadori, avrebbe dovuto costringerla a non pubblicare quello che la stragrande maggioranza di giornali di gossip, in ogni parte del globo, avrebbe fatto a gara per pubblicare (e in ogni caso ci avrebbe pensato Internet a diffondere in tutto il mondo quelle immagini)". "Ma Merlo non si rende conto che accusa mio padre di non aver fatto proprio quello che da vent’anni gli viene contestato di fare, lo accusa di non aver mescolato la politica con le imprese? - continua la primogenita dell’ex premier - Non si rende conto che il suo articolo è la migliore certificazione di quanto il conflitto di interessi sia un pretesto tirato in ballo ora in un senso ora nell’altro a seconda delle convenienze? Non teme di cadere nel ridicolo quando denuncia »la libertà di stampa con la privacy degli altri« dalle colonne di un giornale che ha fatto proprio di questi comportamenti uno dei suoi cavalli di battaglia?".

"La Mondadori, di cui sono presidente, è una casa editrice che impiega nel modo migliore quella libertà e autonomia che gli azionisti le hanno sempre doverosamente riconosciuto, e anche in questa occasione si è limitata a fare il suo mestiere - continua Marina Berlusconi - Non entro poi nel merito della questione delle foto della duchessa di Cambridge. Mi rimetto a quanto hanno già dichiarato vari esponenti della casa editrice, al di là del rispetto per i sentimenti di una giovane donna che sta scoprendo gli inevitabili risvolti della popolarità. Quello che mi interessa sottolineare è l’assurdo ribaltamento della realtà cui arriva l’articolo della Repubblica, un giornale che nel suo furore ideologico da vent’anni cerca di cancellare mio padre dalla scena politica usando prevalentemente due armi: spiare dal buco della serratura, facendo strame della pur minima parvenza di privacy, ed evocare il fantasma del conflitto di interessi".

Commenti

opzionemib0

Dom, 16/09/2012 - 20:19

se non vogliono farsi fotografare basta non mettersi in topless... elementare Watson. il resto sta a niente.

gibuizza

Dom, 16/09/2012 - 20:39

Ma come? Repubblica appoggia la censura? Certo! Ma solo quando conviene a lei. fede direbbe : "Che figura di mer.a"!

Ritratto di giovanni de luca

giovanni de luca

Dom, 16/09/2012 - 20:49

il vero scoop sarebbe quello delle tettine della Bindi!

vitripas

Lun, 17/09/2012 - 00:14

quelle della mia ragazza sono più belle peccato che non è una duchessa, quanto è stupido l'essere umano

Ritratto di il bona

il bona

Lun, 17/09/2012 - 00:21

Se l'autorevole "repubblichella 2000" dice ciò... Ovvero, quando il bue dal del cornuto all'asino!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 17/09/2012 - 00:49

Stiamo assistendo alla più vergognosa dimostrazione di malafede dei soliti trinariciuti. Si sono dimenticati in fretta delle loro dichiarazioni sul fotografo che aveva spiato Berlusconi in Sardegna. Allora era lecito fotografare personaggi politici nudi e ragazze sedutE in compagnia del cav. STI TRINARICIUTI SENZA VERGOGNA FANNO PROPRIO SCHIFO.

Ritratto di serpico1954

serpico1954

Lun, 17/09/2012 - 01:41

....e capirai che scoop!! ci si scandalizza per quelle misere tette della duchessa??? duchessa di che??? povera ragazza, in che mani è finita! Ma quando paparazzavano Silvio in Sardegna, in casa sua tutto nudo, nessuno gridava alla censura!!! ma questi giornalai non hanno nemmeno il pudore di stare zitti e non rompere le palle con queste minchiate! mi sa tanto che ancora non hanno capito che il popolo si è evoluto e a queste cazzate non le da più peso!! Di argomenti seri......non si vede traccia!!!

Ritratto di PAYBACK59

PAYBACK59

Lun, 17/09/2012 - 01:46

ECCO GIOVANNI STAVO PER METTERMI A DORMIRE E DOPO QUELLO CHE HAI SCRITTO AVRO' GL'INCUBI PER TUTTA LA NOTTE......CERTO CHE REPUBBLICHELLA 3000 E' RIDOTTA ALLA CANNA DEL GAS !!!!!

macemax

Lun, 17/09/2012 - 07:18

Qualcuno mi spiega perchè queste foto non dovrebbero essere pubblicate? Cosa hanno di diverso rispetto ad altre sempre rubate con il teleobiettivo? I giornali i inglesi non le pubblicano per per amor di patria, ma noi che non siamo inglesi.... e poi al contrario loro ci avrebbero rispettato? Penso proprio di no! Il giornale Repubblica? come il Manifesto, al servizio del padrone!

macemax

Lun, 17/09/2012 - 08:18

Voglio rispondere a chi afferma che le foto rubate a villa Certosa e queste della principessa è la stessa situazione , dico che sbaglia di grosso: le foto di villa Certosa sono veramente rubate, visto che sono state scattate mettendo gli obiettivi all'interno di una casa privata diverso invece è ciò che è successo ai principini che stavano comodamente seduti su un balcone di un albergo e quindi alla potenziale vista di tutti.

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 17/09/2012 - 13:35

E' vero @macemax, le foto di Villa Certosa erano stato riprese dall'interno della proprietà della villa, niente a che vedere con questo caso.