Kos, volo Ryanair cancellato. 170 bloccati

Un aereo diretto in Italia è rimasto bloccato a causa della nebbia, con a bordo 170 persone. La compagnia irlandese ha annunciato che rimborserà le spese alberghiere

Centosettanta viaggiatori bloccati da giovedì sera, a causa della cancellazione di un volo della RyanAir. Succede sull'isola di Kos, dove un aereo diretto a Bari, che doveva partire intorno alle 23, è stato cancellato per "motivi di visibilità", costringendo i passeggeri, tra cui c'è anche una neonata di soli tre mesi, ad un attesa sgradita.

Dopo un nuovo check-in, i passeggeri sono partiti alle dieci con un nuovo aereo, diretto in Italia. "Abbiamo fatto il check-in regolarmente e siamo stati in fila per tre ore e mezzo senza avere alcuni tipo di comunicazione del perché del ritardo - ha raccontato uno dei passeggeri -. Solo in serata abbiamo avuto un panino e una bottiglietta d'acqua".

Tra i passeggeri, tra cui anche il paroliere Mogol, sono state raccolte un centinaio di firme per chiedere un risarcimento danno alla compagnia area, che non avrebbe fornito assistenza né un servizio adeguato. La compagnia dal canto suo ha annunciato il rimborso per la spesa alberghiera dei suoi clienti, parlando di un ritardo dovuto alla nebbia, a causa della quale l'areo in arrivo era stato dirottato a Rodi.