Laglio stoppa Hollywood: "No alle riprese del film, preferiamo i matrimoni al cinema"

La località del Lago di Como dice picche alla produzione americana per il nuovo film di Jennifer Aniston

Hollywood? No, grazie. Preferiamo i matrimoni. È andata più o meno così tra il comune di Laglio, sul Lago di Como, e gli emissari della produzione statunitense che puntava a trasformare la cittadina in un set per girare Murder Mystery il nuovo film di Jennifer Aniston e Adam Sandler.

In programma quest’estate, infatti, ci sono ben trenta cerimonie di nozze che non possono certo slittare. E allora il primo cittadino Roberto Pozzi ha detto no: il paese che già ospita George Clooney – diventato addirittura cittadino onorario – ha chiuso la porta in faccia alla commedia del grande schermo losangelino. Insomma, il giro d’affari dei matrimoni interessa di più – e frutta di più? – del business a 16:9.

Sul lago sono stanchi dei carrozzoni che arrecano non pochi disagi agli abitanti. Già, perché in vista del film (diretto da Kyle Newacheck e prodotto da Netflix) si sarebbe dovuto chiudere il porto, visto che la sceneggiatura del poliziesco prevede diverse scene con inseguimenti sul lungolago. "Ci sono anche problemi di sicurezza, la storia prevede un inseguimento in auto lungo stradine molto strette. Non ci sono i tempi tecnici per renderlo possibile senza rischi" spiega Pozzi.

Come scrive La Stampa, che riporta proprio la parole del sindaco, "le riprese sarebbero dovute iniziare il 3 agosto e continuare fino al 6, coinvolgendo tutto il paese, chiesa e municipio compresi. Ma si sono fatti vivi solo la settimana scorsa per chiederci in pratica di sequestrare Laglio per tre giorni. Non è fattibile, oggettivamente. Avremmo dovuto chiudere le strade, far spostare tutte le auto. In questa stagione ci sono i turisti". E poi, per l’appunto, ci sono le cerimonie da celebrare: "Una trentina, già in programma da tempo nei nostri resort, dove si possono celebrare unioni civili e per cui sono attesi centinaia di invitati che hanno organizzato da mesi di venire qui".

E così le riprese non saltano, ma si spostano di qualche chilometro: Brienno, Argegno e Moltrasio si sono dette più che disponibili a ospitare gli attori e la nutritissima troupe di circa 300 persone. Il via? Il 2 agosto. E allora, motore-ciak-azione! A Laglio, nel frattempo, risuoneranno le marce nunziali.

Commenti
Ritratto di ValerieScettica

ValerieScettica

Lun, 23/07/2018 - 22:30

Hanno fatto benissimo. Il denaro non compera tutto e tutti.