L'amore tra Frida e Giggino

Ve l'ho promesso. Dopo la mia testa mozza vi mostro il ritratto del mio antagonista, Giggino Di Maio, esposto al Mudec di Milano. È bellino, ordinato, composto. In guardaroba ha un tubino blu, per assimilarsi a un pretino protestante. I capelli sono corti, lo sguardo mesto. Un solo inconveniente: porta male. Lo prefigurò una grande artista, forse la più grande tra le donne. Di certo la più celebre. Allora Giggino si chiamava Alejandro Arias. Frida Kahlo lo incontra nel 1922, quando sono entrambi studenti alla National Prep School di Città del Messico. I due si innamorano, e sono, fino al 1925, inseparabili. In quell'anno hanno uno spaventoso incidente su un autobus: Alejandro ne esce indenne; Frida è ferita in modo grave. Nel lungo periodo in ospedale, Frida invia drammatiche lettere ad Alejandro, interrogandosi sul proprio futuro, cercando di immaginare quale sarà la propria vita dopo l'incidente. Alejandro, come Giggino, ha una camicia bianca, su cui spicca una cravatta scura, e una giacca grigioverde. La somiglianza è sorprendente. Determinazione, buona volontà, aspetto vagamente iettatorio. Frida è come l'Italia. Nell'incidente con Giggino, lui uscirà indenne, mentre l'Italia uscirà malridotta, ferita in modo irreparabile. Teniamoli lontani, facciamo scendere Giggino dall'autobus prima che sia troppo tardi.

Commenti
Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Gio, 08/02/2018 - 15:49

Vittorio: Mi raccomando,non sperperare i 10 euro che hai guadagnato con questo articolo. Conservali per quando andrai in pensione. Che spero sia presto.

Cheyenne

Gio, 08/02/2018 - 16:18

liberiamoci anche dell'altro giggino quello di napoli ancora più devastante del primo.

Eusebio

Gio, 08/02/2018 - 16:43

nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si rigenera. La somiglianza è impressionante, anche il colore della pelle, tipica dei messicani. Forse non lo sapeva neanche lui di avere un sosia nei primi del novecento. A questo punto qualcuno si adopererà per cercare quello di Sgarbi? Per par condicio, non per altro.

Ritratto di bimbo

bimbo

Gio, 08/02/2018 - 17:34

Interessante il racconto, vero Giggino assomiglia molto a Di Maio un promoter delle telecomunicazioni..

Ritratto di adl

adl

Gio, 08/02/2018 - 17:40

Chiara la metafora, professore. Non me ne voglia io preferisco il modello manzoniano e ci vedo molto la similitudine con Azzeccagarbugli. Ma se non fosse soddisfacente per Giggino, lo si potrebbe chiamare anche "DI TUTTO UN PO'". Nè di destra nè di sinistra, nè cattolico nè anticattolico, nè islamico nè islamista, un pò abortista, pro gayista, pro utero locazionista, ANTIFASCISTA ma non di sinistra, più direi di una nuova sinistra anzi una SINISTRELLA, vabbè diciamo pure del Mov.5^Sinistrella.

neucrate

Gio, 08/02/2018 - 17:43

L'Italia magari la salva gente come lei, che per anni ha rubato lo stipendio fingendosi ammalato. Ma mi faccia il piacere

Nick2

Gio, 08/02/2018 - 21:10

Fino ad ora, la colpa della ferita irreparabile inferta negli ultimi 25 anni all’Italia può essere attribuita a tutti, tranne che a Giggino. A lasciarla ad un niente dal baratro, dal default che avrebbe fatto sparire in un giorno i risparmi di una vita degli italiani, che ci avrebbe lasciati senza welfare e senza sistema pensionistico è stato il governo di un pregiudicato, che ha risposto alla crisi globale facendo promulgare decine di leggi ad personam per salvarsi dalla galera. Pregiudicato coadiuvato da mafiosi, ladri, corruttori, corrotti, leccapiedi, nani e ballerine. E da uno squallido e tronfio buffone, usato come disturbatore e urlatore nei talk show…

mich123

Gio, 08/02/2018 - 21:15

A proposito di somiglianze. Liliana Segre e Mattarella sono due gocce d'acqua.

flashpaul

Gio, 08/02/2018 - 23:08

Una risposta da gran signore ad una provocazione volgare e truculenta.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 09/02/2018 - 13:07

Di Maio non vale più delle prime dieci righe di Sgarbi. Il grillame non ha nessuna giustificazione di essere quel che è. In ogni paese c'è il peggio, da noi sono loro.

Paparella48

Ven, 09/02/2018 - 13:26

Nick2 al mio paese si dice fatti un clistere di vaniglia.a scusa con per il cxxo ma per il cervello. Abbracci i tuoi compagni così i tuoi nipotini saranno sicuramente mxxatti.

Antonio43

Ven, 09/02/2018 - 15:55

Nick 2 forse ti potrebbe aiutare il maalox, provalo, ti sentirai meglio, vedrai.