L'appello di Cecile Kyenge: razzismo e xenofobia stiano fuori dal campionato di calcio

Il ministro per l'Integrazione: "Tutti facciano squadra per debellare questo cancro"

L'appello del ministro Kyenge è forte e chiaro: il razzismo e la xenofobia devono restare fuori dal campionato di calcio. Il ministro per l'Integrazione si augura che "siano banditi gli atteggiamenti razzisti e xenofobi, e che tutti gli attori coinvolti, in campo e fuori facciano squadra per debellare questo cancro".

"Comincia oggi il campionato di calcio, un evento che sarà seguito da milioni e milioni di tifosi. Un viaggio che domenica dopo domenica farà trepidare i cuori di quanti con passione e amore seguono la propria squadra del cuore. Purtroppo però i nostri stadi - prosegue Cecile Kyenge -, sono stati spesso protagonisti di episodi incresciosi di razzismo, intolleranza, e gesti che poco hanno a che vedere con lo spirito che accompagna la grande maggioranza dei tifosi. Mi auguro - è l’auspicio del ministro - che a partire già da questa prima giornata si possa vedere sui campi solo il bel gioco, che è fatto sia dalla componente tecnica dei giocatori che lealmente si sfidano, sia dai comportamenti di tutti i protagonisti, in campo e fuori".

Commenti

Nadia Vouch

Sab, 24/08/2013 - 14:29

Astrattamente giusto. Ma, se non si risolve il disastro dell'invasione del territorio italiano cui stiamo assistendo, inutile fare appelli all'integrazione. Il clima tra cittadini e tra essi e altri popoli, diverrà sempre più acceso. Gli stadi, come altre occasioni pubbliche, sono i luoghi dove si manifesta il malcontento, spesso guidato ad arte da chi, da queste situazioni di crisi, vuole trarre vantaggi, facendo leva sull'emotività altrui.

LAMBRO

Sab, 24/08/2013 - 16:45

Aspettavamo lei per ricordarcelo!!! Dovrebbe anche ricordarsi di fare qualche cosa per FACILITARE la VERA INTEGRAZIONE con PARITA' di DIRITTI e di DOVERI ....PER CHI LO MERITA!! CHI LO MERITA E' IL BENVENUTO ; GLI ALTRI NO!!!

Nadia Vouch

Sab, 24/08/2013 - 18:12

Mi rivolgo se possibile, direttamente alla cara signora Kyenge, che stimo. Nel mio viaggiare, ho notato molte caserme dismesse in alcuni luoghi d'Italia. Peccato vederle degradarsi, anche perché si tratta spesso di edifici di un certo pregio architettonico. Potremmo risistemarli, dando lavoro a molte persone in campo edile. Poi, potrebbero, con massima dignità, servire per la prima accoglienza di una massa di persone che, non è solo ora, ma sarà per anni a venire. Ovviamente, in tutto questo, deve assolutamente intervenire l'Europa. Se la mia idea è bislacca, chiedo venia. Ma, se è fattibile, perché non provare? Mi si stringe il cuore per i fratelli in fuga (quelli onesti, va precisato), per i bimbi restati orfani e con una sofferenza indicibile. Ma, allo stesso tempo, il mio cuore è anche con tutti gli italiani onesti, che finora, tranne casi sporadici, hanno dimostrato di essere un popolo altamente civile. Grazie. Nadia Vouch.

angelomaria

Sab, 24/08/2013 - 18:14

lei stia fuori dalla polirica!!!

Ritratto di limick

limick

Sab, 24/08/2013 - 23:24

Mi sembra il Papa o Napolitano, ogni tanto dal loro immobilismo sparano la caxxata del giorno. Ma non fanno un tubo.

Emc77

Dom, 25/08/2013 - 07:29

ci serviva proprio un altro ministro per aumentare i diritti ed in numero degli immigrati...

Nadia Vouch

Dom, 25/08/2013 - 20:25

Mi riallaccio al mio commento precedente. Invece di chiudere i cie, come strombazzato dalla sinistra, lasciamo essi come strutture di carcerazione per gli immigrati violenti e delinquenti. Poiché l'immigrazione non è fenomeno una tantum, è fondamentale isolare nell'accoglienza le persone a posto da quelle che a posto non sono.

Raffaele Procopio

Lun, 26/08/2013 - 14:34

meno male k ci sei tu a ricordarcelo!!!! me non hai un cazzzo da fare? ho prendi poco di stipendio e allora ti limiti a dire cazzate? quello k tu dici sono anni k si ripete in parlamento e da personaggi con gli attribbuti( sia donne k uomini) perciò evita di ripetere vecchi ritornelli solo x far vedere k ci sei anche tu.

Abit

Sab, 15/09/2018 - 12:28

Se stesse un po più zitta ci guadagnerebbero tutti.