L'Aquarius deve entrare nelle acque italiane per essere sequestrata

La nave Aquarius ufficialmente non è stata ancora sequestrata. È a Marsiglia e deve entrare nelle acque italiane perché diventi esecutivo il provvedimento della procura

La nave Aquarius ufficialmente non è stata ancora sequestrata. La nave infatti è finita nel mirino della procura di Catania con l'accusa di aver smaltito in modo illecito rifiuti speciali sanitari pericolosi a rischio infettivo. L'ordinanza emessa dalla procura di Catania non è stata ancora ufficialmente notificata all'equipaggio della nave. Tecnicamente la nave si trova ormeggiata nel porto di Marsiglia. E per questo motivo, secondo quanto riportato da fonti della procura di Catania, il decreto di sequestro, convalidato anche al Gip del Tribunale etneo, non è ancora stato notificato. Di fatto per poter sequestrare la nave, l'imbarcazione dovarà solcare le acque italiane o dovrà attraccare in porto del nostro Paese.

Soltanto in quel momento potrà essere reso esecutivo il sequestro. Insomma per poter "bloccare" la Aquarius è necessario che l'imbarcazione entri nelle acque territoriali italiane. Bisogna capire adesso quando l'equipaggio della Aquarius deciderà di entrare nelle nostre acque con un provvedimento di sequestro già emesso dalla procura.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 20/11/2018 - 11:24

Che rimanga pure in un porto Francese,o che vada dove loro piace!....Se viene in Italia,"vuota" o "piena",...."ZAC"!

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 20/11/2018 - 11:44

L'Aquarius deve entrare nelle acque italiane per essere sequestrata...i acque internazionali,invece,basta il TODARO..UNO Via,Uno per Via!!