Latina, un altro sfregio alla lapide per l'infoibata Norma Cossetto

La denuncia di Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia: "Un gesto infame. A Latina apriremo un museo dell'accoglienza dei profughi istriani e dalmati"

Non c'è pace per i martiri delle foibe: una lapide dedicata alle vittime della persecuzione etnica anti-italiana avvenuta nella seconda metà degli anni Quaranta in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia e installata a Latina è stata sfregiata da una vile mano anonima.

La stele, inaugurata appena un mese fa e dedicata alla profuga istriana Norma Cossetto,era già stata sfregiata pochi giorni fa ma nonostante la pronta ripulitura è già stata imbrattata una seconda volta. Come denuncia il sito locale Latina Oggi, i vandali hanno deturpato il monumento con il disegno di un pene, orrendo riferimento alle violenze sessuali subite, fra le altre, da Norma Cossetto.

Fra i primi a commentare l'accaduto la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, che in un post pubblicato ieri sul proprio profilo Facebook ha condannato "un gesto infame commesso dai soliti deficienti" e si è impegnata - come peraltro aveva già annunciato in campagna elettorale - perché a Latina venga istituito un Museo dell'accoglienza degli esuli istriani e dalmati intitolato proprio alla figura di Norma Cossetto.

Proprio la provincia pontina, infatti, fu fra le regioni d'Italia dove maggiormente si diressero gli esuli scacciati dalle terre invase dagli jugoslavi.

Commenti

mariod6

Mer, 21/03/2018 - 10:32

Adesso interverrà immediatamente il magistrato che ha rimesso in libertà il brigatista rosso per denunciare la Meloni per apologia del fascismo.