L'attrice di "Incantesimo" a processo per estorsione e lesioni

Vittima sarebbe stato Giampiero Castellacci di Villanova, già stretto collaboratore di Lande e condannato a 8 anni anche in appello per associazione per delinquere. Il processo è in corso

Alessandra Monti, attrice di fiction come "Incantesimo", è finita è finita nei guai per estorsione e lesioni personali aggravate. Il processo si sta svolgendo davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Roma.

Il caso si collega alla truffa da 300 milioni di euro a vip ed esponenti della Roma bene da parte di Gianfranco Lande, che però resta fuori da questa vicenda. È coinvolto invece, come parte lesa, il broker Giampiero Castellacci di Villanova, già stretto collaboratore di Lande e condannato a 8 anni anche in appello per associazione per delinquere.

L'attrice, secondo l'accusa, avrebbe cercato di ottenere la restituzione di 100mila euro, che aveva investito nella società Eim, gestita da Castellacci, attraverso minacce e aggressioni. I soldi erano stati depositati in una banca dei Parioli, e furono ritirati dalla Monti insieme con due persone minacciando Castellacci di Villanova. Quest'ultimo fu anche colpito alla testa con il calcio di una pistola.

La somma, suddivisa in dieci assegni, fu restituita.

I fatti risalgono al gennaio del 2011, quando il denaro fu recuperato. Prossima udienza il 13 maggio.