Lecce, carabiniere "ruba" bici per arrestare uno spacciatore di droga

Preso un ragazzo africano senza fissa dimora. Aveva 200 dosi di marijuana

Come si dice, l'occasione fa l'uomo ladro. O meglio, a Lecce, fa il carabiniere... "ladro". No, non è la classica barzelletta sull'arma.


Questa mattina nel capoluogo salentino, in Puglia, in pieno centro storico tra le mura barocche un carabiniere ha preso in "prestito" la bicicletta di un passante per inseguire e arrestare uno spacciatore. Si tratta di un immigrato di 22 anni, senza fissa dimora.

Il ragazzo era stato già segnalato dalle telecamere di videosorveglianza per un'operazione antidroga dei carabinieri.

Alla vista del militare il ragazzo ha tentato di fuggire, ma è stato raggiunto grazie alla bicicletta "rubata."
Addosso aveva 200 dosi di marijuana, denaro (presumibilmente derivato dall'attività di spaccio) e documenti falsi.

Dopo il suo intervento. Il carabiniere di Lecce ha restituito la bicicletta al legittimo proprietario.

Diventare "ladri" di biciclette può risultare davvero singolare di questi tempi, ma per una giusta causa fa notizia.

Commenti

maricap

Ven, 30/09/2016 - 14:07

Azz... ma siete matti a pubblicare questa notizia? Per fortuna che i magistrati di Magistratura democratica ( Comunisti) non leggono Il Giornale, altrimenti un bell'avviso di Garanzia al carabiniere ladro, non glielo avrebbe tolto nessuno. "Sottrazione con violenza, di mezzo di locomozione, per inseguire una Risorsa che onestamente stava spacciando droga".