Lecce, donna multata di 166 euro per aver aiutato un gattino randagio

Una signora del capoluogo salentino è stata multata per aver portato dal veterinario un micio randagio: avrebbe dovuto chiamare prima gli uffici comunali

Multata di 166,66 euro per avere salvato dalla strada un gattino randagio: è stata questa la sanzione comminata a una signora di Lecce, in Puglia, punita per aver seguito l'istinto del proprio buon cuore.

La donna, di cui non sono note le generalità, ha visto un micio abbandonato in difficoltà e, intenerita, lo ha portato dal veterinario. Un comportamento che a molti, di primo impatto, potrebbe sembrare buono e giusto ma che a quanto pare vìola i regolamenti comunali del capoluogo salentino.

Le norme vigenti, infatti, prescrivono che chi trova in strada animali coinvolti in incidenti stradali (era questo infatti, probabilmente, il caso del gatto in questione) si rivolga ai servizi comunali di pronto intervento. Così il Nucleo ambientale comunale ha deciso di elevare una multa alla signora che aveva salvato il micio.

Il caso ha scatenato le proteste del consigliere comunale Gaetano Messutti, che parla di "realtà che supera la fantasia": "Con un accordo Stato - Regione si impone che gli animali rilevati sul territorio debbano essere microcippati, normativa giusta e legittima - commenta Messuti - in tutela degli animali, ma a Lecce si è voluto andare oltre, emanando un'ordinanza con la quale si impone il divieto di prendere gli animali, anche in forte stato di necessità".

Per un motivo analogo a ottobre una signora era stata multata a Lainate, in provincia di Milano, per avere aiutato un cane trovato in strada.

Commenti

tonipier

Mer, 28/11/2018 - 11:25

" SOLO SU CERTI CASI.... SI DIVENTA ' MITICOLOSI"

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 28/11/2018 - 12:16

multa ineccepibile, l'animale in questione avrebbe potuto essere portatore di malattie infettive. L'articolo inoltre non sembra completo.

giosafat

Mer, 28/11/2018 - 12:35

Ma lasciate stare sti poveri animali, non impicciatevi, fate finta di niente, non dite niente, non avete sentito niente, chiudete gli occhi e lasciate che se li cerchino gli addetti dei servizi comunali, non andate in cerca di rogne. Fare come le tre scimmiette è l'unica difesa che ci è rimasta..

jaguar

Mer, 28/11/2018 - 12:59

L'idiozia di tante leggi italiane non ha eguali.

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 28/11/2018 - 13:09

questi animali che non sanno nemmeno amministrare il proprio paese, si avventano come belve su una persona che aiuta un povero micio, indegni, ignoranti ed inutili !

adal46

Mer, 28/11/2018 - 13:12

Quando l'idiozia monta in scranno.... ecco i risultati! Logica vorrebbe che la signora, avvertita dal veterinario sull'errore, fosse stata ringraziata oltreche informata in modo da non ripetere l'eventuale errore... quale errore? Sicuri che l'errore non sia piuttosto in testa ai sagaci legislatori locali?

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mer, 28/11/2018 - 13:30

Se negli anni "60 c'è stato il boom economico è stato anche perché follie di questo tipo non esistevano, e i politici pensavano, invece che a partorire queste, all'interesse della Nazione. Fra poco sarà vie3tato pure respirare.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 28/11/2018 - 13:39

a queste regole emanate sicuramente dai compagni per fare cassa, dimostrano la loro assurdità e mancanza di buon senso, ma dai comunisti che aspettasi ??

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 28/11/2018 - 13:55

Se gli uffici comunali fossero efficienti non ci sarebbe randagismo.

Renee59

Mer, 28/11/2018 - 14:15

sarà quella la norma, ma perchè multare?? Per fare cassa come sempre ai danni dei cittadini che mantengono lo stesso comune??

Renee59

Mer, 28/11/2018 - 14:16

SI INVENTANO DI TUTTO PUR DI METTERE LE MANI NELLE TASCHE DEI CITTADINI. VERGOGNA!!

paco51

Mer, 28/11/2018 - 16:30

lecce? ma è italia? non saprei! naum: le malattie infettive le portano più probabilmente alcuni soggetti diversamente individuabili; ps : per il micio rischio il contagio; per altri soggetti: no!

caren

Mer, 28/11/2018 - 16:39

Nahum, tu saresti un ottimo soldato, perché non discuti mai gli ordini, anche se sono contro il buon senso e l'umanità. Bastava fare un semplice rimprovero alla Sig.ra e la questione finiva lì. Invece no, giù multe, dovunque e comunque.

bremen600

Mer, 28/11/2018 - 17:03

schifo allo stato puro.

leopard73

Mer, 28/11/2018 - 17:06

PURA Imbecillità POLITICA E BORACRATE SOLO UNO SCHIFO TUTTO ITALIANO.

ulio1974

Mer, 28/11/2018 - 17:12

@franco_G.Mer, 28/11/2018 - 13:30: il boom, neglia anni '60, c'è stato al nord. al sud c'era un altro tipo di boom.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/11/2018 - 18:47

Non sanno più come depredarci.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 28/11/2018 - 18:54

Onefirsttwo(detto AK47) dice : Osservate i 10 Comandamenti !!!! STOP Per il resto fate come vi comanda il cuore e ...mandate tutti a fà n c ulu !!!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 28/11/2018 - 19:22

Per caso c'è anche un'ammenda per chi non assiste animali feriti per strada?

Clamer

Mer, 28/11/2018 - 19:38

Chi è stato il furbo che è andato a dirlo alle guardie comunali?

da.ri.os.

Mer, 28/11/2018 - 19:44

@ Nahum - Mer, 28/11/2018 - 12:16 Leggendo te e il regolamento municipale di Lecce, mio malgrado deo vo dare ragione a leonardo bonucci

Divoll

Mer, 28/11/2018 - 21:51

Una legge stupida e dannosa, da abolire al piu' presto. Chi soccorre gli animali non solo non va multato, ma va lodato e aiutato, magari anche economicamente, nel caso decidesse di adottare la bestiola.

Divoll

Mer, 28/11/2018 - 21:52

@ Nahum - sicuramente sei piu' infettivo tu. E dannoso pure.

pardinant

Mer, 28/11/2018 - 21:57

Cose strane avvengono nello Strano Paese, si multa una persona per aver portato a sue spese un gatto dal veterinario, si lasciano riempire i boschi di animali pericolosi per l'uomo o altre specie che sono costrette a loro dispetto ad avvicinarsi agli insediamenti umani per sopravvivere. Poi si permette ai moderni topi, ovvero ai piccioni, ben protetti dalle Leggi a differenza dei vecchi topi, forse meno pericolosi ma cacciati spietatamente, di smerdare monumenti, palazzi, terrazzi, tetti, finestre e persino di frequentare assiduamente i mulini per la produzione della farina di grano, che sicuramente non risparmieranno dal cospargere abbondantemente con i loro escrementi spesso biancastri, e in quei luoghi finire con il grano e quindi direttamente nella farina , per la delizia del nostro palato. Ma questo nessuno lo vede.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 28/11/2018 - 22:44

Ci RI RIPROVOOOO CHISSA SE PASSA ORA!!! Cosa diceva Einstein a proposito della IMBECILLITA umana!!! Ho detto TUTTO!!! Buenas noches.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 28/11/2018 - 23:15

Se quel gatto fosse stato preso a calci da uno di colore le guardie non avrebbero detto niente.