Lecce, scontri con i tifosi del Pescara. Tre feriti prima della partita

Assaltati cinque pullman. Ad avere la peggio un supporter abruzzese finito in ospedale, ferito da una pietra. Gli incidenti alla periferia del capoluogo salentino

Botte da orbi sulla superstrada tra tifosi. E ad avere la peggio sono stati quelli del Pescara calcio che ieri si stavano recando a Lecce per il posticipo della 30esima giornata del campionato di Serie B. Un tifoso abruzzese ricoverato in ospedale in codice rosso dopo il ferimento alla testa usato dal lancio di una pietra, mentre altri due tifosi della formazione allenata da Pillon avrebbero riportato lievi ferite.
Ad aggredire i supporter abruzzesi sono stati tifosi del Lecce. Lo scontro è avvenuto intorno alle ore 19,30 di domenica scorsa, 31 marzo, alla periferia di Squinzano, una località a circa venti chilometri dal capoluogo salentino. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, un gruppo di ultras della squadra pugliese avrebbe aspettato cinque pullman di tifosi abruzzesi, venendo dapprima alle mani e poi distruggendo i vetri degli stessi pullman. L'intera dinamica dei fatti deve essere ancora completamente ricostruita dalle autorità inquirenti.
Scortati dalla Polizia, i circa centocinquanta tifosi provenienti da Pescara sono entrati al "Via del Mare" (lo stadio di Lecce, ndr) alla fine del primo tempo della partita.