Lega alunna in una casetta di legno: il prof la stupra a scuola

Le indagini dei carabinieri: appostamenti, sms erotici e tentativi di palpeggiare le allieve. Nuovo ordine di arresto per un insegnante nel reggiano accusato di aver stuprato una ragazza

L'avrebbe condotta con uno stratagemma in una casetta di legno. Poi l'avrebbe legata mani e piedi e stuprata, costringendola a un rapporto sessuale. La vittima non aveva neppure 14 anni.

Sono questi i particolari raccapriccianti di uno degli episodi che la procura di Reggio Emilia contesta ad un tecnino-insegnante di 65 anni che operava in un istituto reggiano. L'uomo è stato arrestato a marzo e ora la sua posizione sembra aggravarsi. Le indagini dei carabinieri, infatti, avrebbero permesso di appurare che le attenzioni sessuali verso le ragazzine della scuola e gli episodi contestati avvenivano anche in prossimità dell'edificio scolastico. Per questo la pm Stefania Pigozzi ha chiesto una nuova ordinanza restrittiva, concessa dal Gip del tribunale di Reggio Emilia ed eseguita ieri dall'Arma.

Erano stati proprio i carabinieri di Castelnovo Monti a condurre le indagini sull'insegnante 65enne (arrestato a marzo) che ora dovrà rispondere del reato di violenza sessuale continuata (gli episodi sarebbero durati due anni) ed aggravata. Si erano infatti diffuse alcune voci sulle attenzioni sessuali che l'uomo riservava alle allieve. Le ricerche dei militari hanno però portato a qualcosa di più di semplice "voci". Tra gli episodi contestati c'è proprio quello della presunta violenza sessuale su una bambina 14enne. Durante una lezione del corso extra scolastico che dirigeva, l'uomo avrebbe condotto la ragazza in una casetta di legno, l'avrebbe legata mani e piedi e infine costretta ad un rapporto sessuale. Non solo. Perché l'insegnante avrebbe anche inviato sms erotici alle alunne, si sarebbe appostato, anche all'interno della scuola, per seguire le ragazze e dare sfogo alle sue perversioni cercando di baciare e palpare le allive. Tanto da costringere una delle ragazze a vivere le cinque ore scolastiche come una sorta di incubo: anche per andare in bagno, si faceva accompagnare dalle compagne di classe. Non voleva incontrare più quell'insegnante.

Commenti

titina

Mer, 16/05/2018 - 13:24

Prima di metterlo in galera, tagliateglielo e fategli pagare i danni. basta con questi pervertiti. Ovvio il licenziamento.

venco

Mer, 16/05/2018 - 13:53

Si dica almeno il cognome.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 16/05/2018 - 13:57

ripeto: ZACCHETEEEE ed i problema non c'è più!!!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 16/05/2018 - 14:02

Occhio per occhio, dente per dente, fossi il padre quell'insegnante farebbe una bella gita in quella casetta con me.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 16/05/2018 - 15:25

galera immediata. Insulto alla deontologia professionale.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mer, 16/05/2018 - 17:17

Immaginate se il pensionamento è portato a 75 anni , come si vocifera . Yeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

Angelo664

Mer, 16/05/2018 - 17:25

Foto nome e cognome pubblicate ed appese nelle vie cittadine oltre che in comune ed in tutte le scuole d'Italia. Inserito nell'elenco pedofili ed allontanato immediatamente dall'insegnamento e dal contatto con alunne di qualsiasi tipo. Questo anche perche' dalla galera a cui lo condannerei a vita non potrebbe farlo.

killkoms

Mer, 16/05/2018 - 22:26

se le insidiava come ha fatto ad andare avanti per annua?

guernica

Gio, 17/05/2018 - 07:40

Ripristinare la ghigliottina, please...anche perché mantenere questi rifiuti umani in carcere costa!!