Accordo tra Stato e Regioni: "Serve legge sull'obbligo di vaccinare i bambini"

Raggiunto l'accordo tra Stato e Regioni: "Serve una legge in tempi brevi per avere una copertura omogenea in tutto il Paese"

Arriverà presto una legge per obbligare a vaccinare tutti i bambini che vengono iscritti alla scuola materna.

Lo stabilisce un accordo raggiunto tra il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e gli assessori delle Regioni e delle Province autonome che si sono incontrati per fare il punto sull’avvio del nuovo Piano nazionale della prevenzione vaccinale 2017-19. «

"Un fatto importante, discusso e condiviso nell’incontro è rappresentato dalla esigenza di arrivare in tempi relativamente brevi ad una legge nazionale sulla obbligatorietà delle vaccinazioni, anche per garantire un’offerta vaccinale uniforme in tutte le zone del Paese", spiegano dalla Conferenza delle Regioni. "Le nuove vaccinazioni contenute nel piano sono comprese nei nuovi livelli essenziali di assistenza (Lea) e conseguentemente, come è emerso nel colloquio con il ministro, si pone l’esigenza di una condivisione Stato-Regioni del percorso applicativo", aggiunge l'assessore del Piemonte, Antonio Saitta, "Occorre un calendario vaccinale che stabilisca le priorità e la tempistica delle somministrazioni, in modo progressivo e graduale. Un obiettivo che va raggiunto nello stesso momento in cui si ripartiranno le risorse stanziate a riguardo, 100 milioni di euro, dalla legge di bilancio. Sarà poi fondamentale attivare una campagna di comunicazione condivisa fra il ministero e le Regioni proprio per supportare l’offerta vaccinale".

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/01/2017 - 17:16

P A Z Z E S C O. Ennesima mossa della dittatura mondialista,... ormai sfrontata la distruzione del libero arbitrio e della libera scelta.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 26/01/2017 - 17:18

Sconcertante questa tirannia. La politica, ormai prostituta delle grandi lobby, non solo fa così un regalo immenso a Big Pharma. Sancisce anche la nostra condizione di SCHIAVI, SUDDITI. Neppure nell'URSS si scese così in basso.

Luigi Fassone

Gio, 26/01/2017 - 17:18

Finalmente ! Era l'ora ! Almeno su questo argomento l'Italia ricorda di essere ancora e sempre una NAZIONE ! E non un'accozzaglia di Regioni,con una norma di quella adiacente alla tua che stride con l'omologa norma che vige nella tua !...

perseveranza

Gio, 26/01/2017 - 17:45

Vista la fortissima presenza negli asili e nelle scuole di immigrati molti dei quali provenienti da Paesi con problemi sanitari evidenti, credo che l'obbligo di vaccino su tutto il territorio nazionale sia a questo punto una necessità improrogabile. Sono cambiati i tempi ed il contesto sociale, purtroppo, occorre adeguarsi cercando di fare prevenzione.

Happy1937

Gio, 26/01/2017 - 17:53

Sono assolutamente d'accordo. Per il bene comune tutti i bambini, a meno di comprovate controindicazioni specifiche, devono essere vaccinati.

Una-mattina-mi-...

Gio, 26/01/2017 - 18:06

UN DOMANI MAGARI FARANNO UNA LEGGE CHE OBBLIGHERA' AD AMMALARSI, PER NON FAR CHIUDERE LE INDUSTRIE FARMACEUTICHE

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Gio, 26/01/2017 - 18:24

@Ausonio - Gio, 26/01/2017 - 17:16 - ha scritto:"P A Z Z E S C O. Ennesima mossa della dittatura mondialista, ormai sfrontata la distruzione del libero arbitrio e della libera scelta." --- "Libero arbitrio" e "libera scelta" ai bambini? Idio-zia da complottista cronico che - ci scommetto - crede alle scie chimiche. Ho letto da qualche parte che presto le multinazionali (sempre loro, Ausonio, sempre loro!) metteranno in libera vendita e a basso costo anche un vaccino anti-complottite di tipo U (universale), adatto per tutte le età e per qualsiasi Q.I. (Quoziente d'Intelligenza).

Indipendente1

Ven, 27/01/2017 - 07:33

Per violentare la nostra libertà in una materia così delicata, dove è in gioco la salute e la libertà di autodeterminazione ed imporre un trattamento così invasivo non dobbiamo essere di certo noi a fornire la prova scientifica che questa miscela di ingredienti sconosciuta chiamata vaccino non causi gravi danni.Per imporlo invece devono essere loro a fornire la c.d. prova scientifica (che tra l'altro è sempre opinabile) congiuntamente per tutti questi assunti: a) ci dimostrino scientificamente che questa miscela porta un vantaggio personale; b) che non può in ogni caso comportare un effetto collaterale anche grave; c) soprattutto che forniscano la cd prova scientifica che se non somministrata, la persona non vaccinata possa causare danni gravi alla collettività. Solo se dimostrano congiuntamente questi tre fatti, sottoponendo i loro indizi alla prova di resistenza e falsificazione, allora ne possiamo riparlare.