Quella lettera di Marco Prato: "Lasciate lo smalto sulle mani"

Marco Prato si è tolto la vita in carcere. Ma in passato aveva già provato, più volte, a falla finita

Marco Prato si è tolto la vita in carcere. Ma in passato aveva già provato, più volte, a falla finita. E così adesso energono alcuni retroscena su cosa accadde subito dopo l'omicidio di Luca Varani. In una lettera per gli amici e i familiari, al primo tentativo di suicidio aveva scritto: "Fate festa", "lasciatemi lo smalto rosso alle mani", "ricordate i miei sorrisi". Parole riportate da ilTempo che segnalano come Prato avesse deciso da tempo di seguire la strada del suicidio. "Perdonatemi, non riesco - ha scritto la notte tra i 5 e il 6 marzo 2016 - Sono stanco, una persona orribile. Ricordate solo il bello di me. Vi amo". Poi qualche indicazione per il funerale: "Fate festa per il mio funerale, anche se vorrei cerimonia laica, fiori, canzoni di Dalida, bei ricordi: una festa! Dovete divertirvi!". E ancora: "Chiama Private & Friends, il centro di capelli a piazza Mazzini per rigenerarmi la chioma prima di cremarmi. Mettetemi la cravatta rossa, donate i miei organi, lasciatemi lo smalto rosso alle mani. Mi sono sempre divertito di più ad essere una donna!". Poi un messaggio diretto agli amici: "Organizzate sempre, una volta alla settimana o al mese, una cena o un pranzo con tutti i miei cari amici e amiche che ho amato tanto", "mettete Ciao amore ciao quando avete finito la festa per me e ricordatevi tutti assieme i miei sorrisi più belli". Infine parla del suo lato socuro: "Buttate il mio telefono e distruggetelo insieme ai due computer, nascondendo i miei lati brutti", "tenete alto il mio nome e il ricordo, nonostante quel che si dica. Non indagate sui miei risvolti torbidi, non sono belli". "Sto male, o forse sono sempre stato così. Ho scoperto cose orribili dentro di me e nel mondo. Fa troppo male la vita e come io ho imparato mi è insopportabile. Non ne avete nessuna responsabilità", "non sentitevi mai in colpa per tutto questo".

Commenti

Accademico

Mer, 21/06/2017 - 10:33

Non riesco a provare alcun genere di sentimento nei confronti di chi dà libero sfogo alla propria Cattiveria. Che non c'entra niente con il fatto che il Cattivo in questione fosse o non fosse omosessuale. Condizione assolutamente accessoria, ininfluente a tutti gli effetti sulla ferocia posta in essere dall'Assassino, nel desiderare - con il supplizio - la fine con strazio dell'elemento umano deliberatamente voluto torturare. E, in tutto questo, devo sforzarmi di tenere a bada la mia Cattiveria a cui non devo consentire di farmi auspicare pari conclusione della vita vegetativa, ancora in essere, del socio in Cattiveria del Nostro. Che uno scherzo beffardo del destino ha voluto si chiamasse "foffo".

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Mer, 21/06/2017 - 11:45

Lo smalto, la cravatta rossa, ciao amore ciao, Dalida, la festa per il funerale...un miscuglio di cose senza senso che, anziché pietà, suscita sgomento e nausea, specie se si pensa all'efferatezza di ciò che questo giovanotto aveva compiuto. Io riesco a provare solo costernazione, disgusto e contentezza per il fatto che non c'è più.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 21/06/2017 - 12:37

@Trasibulo:...concordo!Un essere inghiottito dalla droga,dalla omosessualità,dalla noia,dalla perversione,vuoto,irrazionale,consapevole,"inebriato e partecipe" nelle sue "stravaganze".

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 21/06/2017 - 12:53

Era malato e si è ucciso perché il suo narcisismo era venuto meno. Basta parlarne!

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 21/06/2017 - 13:41

--------i narcisisti non si suicidano--i loro sono soltanto finti propositi per attirare l'attenzione---ecco perchè i magistrati devono indagare su questo omicidio o in subordine suicidio molto molto assistito---e le indagini vanno fatte con scrupolo e zelo proprio per dimostrare che la legge non si lascia condizionare dallo status di nessuno--per intanto la procura di velletri ha aperto un fascicolo- si procede per istigazione al suicidio--swag

Ritratto di makko55

makko55

Mer, 21/06/2017 - 15:10

Mi raccomando lasciategli lo smalto sulle unghie, mutandine di pizzo e calze a rete , è più che giusto rispettare i voleri di un povero tossicomane debosciato..........

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 21/06/2017 - 17:24

---makko55-- a lei interessano le mutande---chissà perchè---a me interesserebbe sapere semplicemente come è morto--