Lettera di Ratzinger su Bergoglio: ora spunta una parte "omessa"

Joseph Ratzinger ha scritto una lettera parlando di "continuità interiore" tra i due pontificati. Ecco la parte finale della missiva del teologo tedesco

Joseph Ratzinger ha scritto un messaggio sulla continuità con il pontificato di Jorge Mario Bergoglio.

Una lettera, quella del papa Emerito, attraverso cui sarebbero state smorzate le polemiche sollevate da chi, in questi cinque anni, ha contrapposto le due figure ecclesiastiche, i due magisteri, le due teologie e i due approcci dottrinali. Storia chiusa, quindi, con buona pace di chi avrebbe usato il papa dimissionario in funzione anti-Francesco.

"Papa Francesco - ha scritto Benedetto XVI nella missiva indirizzata a monsignor Dario Edoardo Viganò - è un uomo di profonda formazione filosofica e teologica e aiutano perciò a vedere la continuità interiore tra i due pontificati, pur con tutte le differenze di stile e di temperamento". Il teologo tedesco ha chiesto di mettere fine allo "stolto pregiudizio" secondo cui il pontefice argentino non avrebbe una grande caratura teologica e filosofica.

Ratzinger ha poi ringraziato per il dono inviatogli: undici libri che compongono la collana La teologia di Papa Francesco. Un'iniziativa editoriale che proverebbe l'infondatezza della tesi per cui Bergoglio sarebbe solo un "pragmatico".

Secondo quanto si apprende leggendo questo articolo di Sandro Magister sul suo blog dell'Espresso, però, la lettera non sarebbe stata diffusa integralmente dall'ufficio stampa della Santa Sede. Questa, infatti, sarebbe la parte finale della missiva del papa Emerito: "Tuttavia non mi sento di scrivere su di essi una breve e densa pagina teologica perché in tutta la mia vita è sempre stato chiaro che avrei scritto e mi sarei espresso soltanto su libri che avevo anche veramente letto". E ancora:"Purtroppo, anche solo per ragioni fisiche, non sono in grado di leggere gli undici volumetti nel prossimo futuro, tanto più che mi attendono altri impegni che ho già assunti". Ratzinger, quindi, non avrebbe espresso alcun parere sui libri riguardanti la teologia di Papa Francesco e non avrebbe avuto neppure modo di leggerli: un po' per le condizioni di salute e un po' per le altre letture che avrebbe avuto in programma.

Lo "stolto pregiudizio" a cui si è riferito il teologo di Tubinga, ancora, è duplice. Scrive infatti Benedetto XVI: "Plaudo a questa iniziativa che vuole opporsi e reagire allo stolto pregiudizio per cui Papa Francesco sarebbe solo un uomo pratico privo di particolare formazione teologica o filosofica, mentre io sarei stato unicamente un teorico della teologia che poco avrebbe capito della vita concreta di un cristiano oggi".

Il messaggio di Benedetto XVI, infine, sarebbe datato 7 febbraio. Più di un mese prima, dunque, della notizia data durante la giornata di ieri. Ha scritto il vaticanista citato riguardo al paragrafo che sarebbe stato omesso che: "...Ratzinger, con sincero candore, dà prova della sua finissima vena d'ironia. Lo si legga. E chi vuole intendere intenda".

La lettera sulla "continuità" tra i due pontificati, che in queste ore aveva suscitato domande e riflessioni da parte di quella che viene definita "frangia tradizionalista", continua a far parlare di sè.

Commenti
Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 13/03/2018 - 21:18

Avevo ragione a non crederci, dunque! Se prima che le "notizie oggettive", ascoltassimo quelle che ci invia il nostro cuore, credo che sbaglieremmo molto meno. La "ragione" "comprende", il nostro cuore SA.

Dordolio

Mar, 13/03/2018 - 21:50

A proposito delle aperture ai gay di Bergoglio e di certi suoi "buonismi" scrissi qui tempo fa quanto segue: Dice San Paolo: "Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio” (1 Cor. 6,9-10); “…La legge non è fatta per il giusto, ma per i non giusti e riottosi, per gli empi e di peccatori, per gli scellerati e i profani, per i padricidi e matricidi e omicidi, per i fornicatori, per i sodomiti, per i ladri d'uomini, i bugiardi, gli spergiuri…”(1 Tm. 1,9). Ma forse Bergoglio San Paolo non l'ha mai letto. Anzi, neppure sa chi sia. Aggiungo oggi: un Papa che ignora

Dordolio

Mar, 13/03/2018 - 21:53

A proposito delle aperture ai gay di Bergoglio e di certi suoi "buonismi" scrissi qui tempo fa quanto segue: Dice San Paolo: "Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio” (1 Cor. 6,9-10); “…La legge non è fatta per il giusto, ma per i non giusti e riottosi, per gli empi e di peccatori, per gli scellerati e i profani, per i padricidi e matricidi e omicidi, per i fornicatori, per i sodomiti, per i ladri d'uomini, i bugiardi, gli spergiuri…”(1 Tm. 1,9). Ma forse Bergoglio San Paolo non l'ha mai letto. Anzi, neppure sa chi sia. Aggiungo oggi alla luce di quanto sopra che definire Bergoglio un preparato teologo è quantomeno ridicolo.

Una-mattina-mi-...

Mar, 13/03/2018 - 22:29

CHI VUOLE INTENDERE INTENDA, GLI ALTRI INVECE BERGOGLIZZINO

Tarantasio

Mar, 13/03/2018 - 23:21

leggere tra le righe + analisi semantica...

Ritratto di filospinato

filospinato

Mar, 13/03/2018 - 23:47

il bianco non è mai stato usato peggio di così

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 14/03/2018 - 08:32

Come detto ieri e lo ripeto oggi, questa lettera, mi meraviglia sia stata scritta da Ratzinger. Da franceschiello c'è da aspettarsi di tutto. Questo non è un papa, ma bensi un agitprop

linus

Mer, 14/03/2018 - 08:34

La questione è che nello scritto il Papa emerito ovviamente non dà un giudizio sull'operato dell'attuale pontefice ma parla appunto in merito alla sua levatura teologica che è certamente inferiore a quella di B.XVI che è il maggior teologo vivente.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 14/03/2018 - 08:52

Ancora con i Papi... Eccheppalle !!

INGVDI

Mer, 14/03/2018 - 09:48

Diciamocela tutta: papa Ratzinger non ha mai scritto quella lettera. L'ha confezionata la falsa Chiesa di Bergoglio.

Ritratto di llull

llull

Mer, 14/03/2018 - 09:51

Vorrei portare all'attenzione un particolare che nell'articolo non viene evidenziato con la dovuta attenzione: la lettera di Ratzinger è del 7 Febbraio ma il Vaticano l'ha diffusa un mese dopo in coincidenza con il 5° anniversario della nomina papale di Bergoglio. In questo modo viene suggerito subdolamente che la lettera sia in qualche modo un messaggio di auguri per la ricorrenza citata.

Zafyr87

Mer, 14/03/2018 - 09:58

C'è pure gente che sta commentando su quale dei due papi sia con la mente più ottusa e quale segue meglio lo stile di vita del medioevo? Da demolire in un solo istante con la citazione di un grande uomo sparito oggi S.H "C'è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull'autorità, e la scienza, che è basata su osservazione e ragionamento. E la scienza vincerà perché funziona".

ilpassatore

Mer, 14/03/2018 - 10:25

La religione cattolica e' ed e'sempre stata di natura totalitaria.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 14/03/2018 - 18:02

"C'è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull'autorità, e la scienza, che è basata su osservazione e ragionamento. E la scienza vincerà perché funziona". Purtroppo, oggi come oggi, non e` detto neppure questo. Si sono formate "lobbies scientifiche" che, piu` che il giusto senso della ricerca, difendono i loro interessi di casta. E quindi "addio alla scienza che di per se` funziona". Basti osservare, se qualcuno e` avanti con gli anni, quanti prodotti chimici, che da ragazzini utilizzavamo senza problemi, siano oggi utilizzati come pericolosissimi. A me sembra qualcosa di molto simile al "buco nell'ozono" o al "riscaldamento globale". Peccato che ultimamente faccia cosi` freddo...

pumpernickel

Gio, 15/03/2018 - 11:12

Impagabile Ratzinger, specie dove dice di non avere tempo (e probabilmente neanche voglia) di leggere gli undici libri che compongono la collana "La teologia di Papa Francesco" regalatigli da Bergoglio, per cui non può pronunciarsi. Non poteva essere più ironico...