La lezione di Trump ai nostri politici

La promessa dei dazi e la rabbia dell'Europa

Angela Merkel ed Emmanuel Macron da Davos, dove è in corso il vertice dei poteri forti, capeggiano la rivolta dell'Europa contro i dazi che Trump ha deciso di mettere su molte delle merci prodotte all'estero ed esportate in America. Una misura protezionistica che rende più competitive le aziende americane e mette in crisi le economie di numerosi Paesi asiatici ed europei.

La rivolta è fondata e legittima ma non capisco la sorpresa. «America first» («Prima l'America») è il motto con cui Trump si è presentato in campagna elettorale, cosa che gli ha permesso di vincere le elezioni. Trovo quindi normale che ora Trump mantenga le promesse fatte agli elettori, cosa già avvenuta anche sull'abbassamento delle tasse e sul giro di vite sull'immigrazione (rimasto al momento incompiuto solo per l'ostilità del Congresso e di una parte della magistratura). Anomalo, semmai, sarebbe l'inverso. Ma si sa, noi europei (in particolare noi italiani) siamo abituati a politici che non mantengono le promesse e ne discutiamo proprio in queste ore di campagna elettorale di fronte alla Babele di sacri e roboanti impegni che i vari leader di partito snocciolano quotidianamente.

Per quel poco che capisco di economia, i dazi sono uno strumento antistorico e pericoloso, per questo non li accolgo con un applauso. Ma ammiro un politico che mantiene le promesse fatte agli elettori, costi quel che costi. Cosa penseremmo di Silvio Berlusconi se, vinte le elezioni, non introducesse come promesso la flat tax, uno dei motivi per cui probabilmente saremo in tanti a votarlo? Se una volta al governo il Cavaliere dovesse spiegarci che l'Europa non vuole, che non ci sono i soldi o che gli economisti si rivolterebbero? Io non credo che la prenderemmo bene e lui certo non ci farebbe una bella figura, passerebbe per bugiardo e inaffidabile.

Con i dazi, Trump sì ci danneggia, ma dimostra che le promesse elettorali, anche le più ardite come può essere in Italia quella della flat tax, possono essere onorate perché chi vince ha il diritto-dovere di mettere in pratica il suo programma senza troppo badare alle critiche e ai dubbi di chi ha perso o che arrivano da oltre confine. L'unico paletto è il rispetto della Costituzione e delle leggi. Certo, per farlo ci vogliono esperienza, spalle larghe e una solida maggioranza parlamentare. Per questo la scelta dei candidati che riempie queste ore non è solo un gioco di poltrone. Con le mezze calzette e i traditori abbiamo già dato.

Commenti
Ritratto di bassfox

bassfox

Gio, 25/01/2018 - 16:13

sallusti, perchè non ricorda che la prima promessa di Trump era quella di uscire dalla Nato ed in generale di disimpegnarsi dagli scenari di guerra, mentre negli ultimi 12 mesi c'è stata una continua escalation su tutti i fronti caldi?

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 25/01/2018 - 16:13

IL CAVALIERE AL GOVERNO NON ANDRà MAI

Ritratto di manasse

manasse

Gio, 25/01/2018 - 16:49

brava riflessiva non ci andrà certo con il tuo voto ma per quanto tu sia importante il tuo voto vale per UNO

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 25/01/2018 - 16:50

Visto come svendiamo la nostra qualità o meglio come veniamo invasi da copie della nostra produzione migliore in ambito enogastronomico andrebbero messi dei bei dazi anche da noi, tanto per fermare il fiume di "falsi" che entra nel nostro paese. Di contro chi vuole la qualità italiana all'estero la paghi pure, non avrei timore della concorrenza ne di alcuna gabella.

PDA

Gio, 25/01/2018 - 18:43

Egregio Direttore, i dazi in questione sono probabilmente dei dazi anti dumping che vanno a aggiungersi ai normali dazi in vigore quando situazioni di mercato atipiche vengono constatate per determinati beni. In questo caso i pannelli solari importati dalla Cina vengono messi sul mercato USA a dei prezzi inferiori ai prezzi del mercato cinese, causando un pregiudizio evidente che il dazio anti dumping cerca di colmare.

faman

Gio, 25/01/2018 - 18:44

#Roberto_70 - 16,50 - i "falsi" non si combattono coi dazi, saremmo massacrati da contro-dazi che renderebbero quasi invendibili i nostri prodotti nonostante l'alta qualità.

ARGO92

Gio, 25/01/2018 - 18:55

RIFLESSIVA APARTE IL FATTO CHE NON CONTI UN CxxxO MA PERCHE NON TE NE VAI A COMMENTARE SU QUEI GIORNALI CHE SI USANO AL CESSO DOPO AVER CAGATO TIPO IL FATTO QUOTIDIANO LA REPUBBLICA LA STAMPA QUELLA E CASA DELLE MxxxE COME TE

ohibò44

Gio, 25/01/2018 - 19:45

“L'unico paletto è il rispetto della Costituzione” appunto caro Sallusti, la più bella Costituzione del mondo (sic) impedirà la flat tax basandosi sul principio delle tasse in funzione della capacità contributiva. Aspettare per credere. O forse lo sapete già tutti ?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 26/01/2018 - 12:20

Chi ha studiato scienze economiche in tempi non sospetti sa benissimo che Trump sta solo mettendo in pratica la teoria. Poi ci sono democratti o grillini che si inventano pretestuose teorie per farci su la cresta e fanno gli imbonitori di se stessi.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 26/01/2018 - 12:23

Cara riflessiva, Berlusconi non è destinato al Governo, bensì al Quirinale, in teoria per Palazzo Chigi, basta Salvini.