“Liberi di essere schiavi”, la provocazione del Fronte Skinheads per il 25 aprile

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads ha protestato contro "la retorica della Festa della Liberazione" con un messaggio provocatorio stampato su volantini affissi in diverse province del Nord Italia

La Festa della Liberazione per molti è sinonimo di falsità: una ricorrenza per ricordare, più che altro, di essere “Liberi di essere schiavi”.

L’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads, infatti, ha voluto far riflettere più province del Nord Italia su quello che ritiene essere il vero significato del 25 Aprile. Per farlo ha affisso numerosi volantini “tesi a rappresentare la prigionia e l’asservimento iniziati in Italia nel secondo dopoguerra. Quello che la retorica della liberazione non dice e non vuole ascoltare è che, ad oltre 70 anni dalla fine della guerra civile, la tanto paventata democrazia ci ha regalato una serie di libertà devastanti. La libertà di essere asserviti ai pruriti della finanza internazionale. La libertà di morire per interessi extranazionali. La libertà di lasciar morire un popolo strangolato da banche e debiti. La libertà di essere invasi per assecondare i diktat del libero mercato. In poche parole: la libertà di essere schiavi”.

Parole forti quelle comparse nel comunicato stampa dell’associazione. Un testo simile è stato stato stampato sui volantini affissi in più province del Nord Italia: Cuneo, Genova, Mantova, Trieste, Piacenza, Vicenza e molte altre ancora.

Una provocazione politica, come ha affermato Giordano Caracino, presidente dell’associazione culturale Veneto Fronte Skinheads. Caracino ha poi fatto un immancabile riferimento al problema dell'immigrazione, particolarmente sentito dagli skinheads: “Come possiamo parlare di liberazione in un paese che senza chiedere nulla a nessuno si è permesso di farci invadere da sedicenti profughi?”.

Commenti

killkoms

Mar, 25/04/2017 - 11:17

saranno estremisti ma hanno anche tanta ragione!

badboy93

Mar, 25/04/2017 - 17:14

@killkoms Gli estremisti hanno sempre ragione.