Libia, Silvio Berlusconi: "Rischio vittime con interventi frettolosi"

"L’accaduto sottolinea drammaticamente anche la complessità della situazione libica e l’elevato rischio di causare vittime innocenti se si dovessero intraprendere interventi frettolosi o superficiali"

"La notizia della morte dei nostri due connazionali in Libia mi ha colpito dolorosamente. Se sarà confermato che le due vittime sono state utilizzate come scudi umani dai combattenti jihadisti, questa sarà l’ennesima dimostrazione della loro efferata spietatezza. L’accaduto sottolinea drammaticamente anche la complessità della situazione libica e l’elevato rischio di causare vittime innocenti se si dovessero intraprendere interventi frettolosi o superficiali".

Così Silvio Berlusconi presidente di Fi in una nota. Intanto i corpi dei due italiani morti a Sabrata arriveranno presto in Italia: "Speriamo di riportare a breve i corpi di Piano e Failla in Italia, pensiamo di riuscire a farlo presto", ha affermato Giacomo Stucchi, al temine del Copasir, dopo l'audizione di Minniti. Stucchi ha sottolineato come i corpi dei due lavoratori italiani uccisi nella sparatoria in Libia "siano in mano ai miliziani locali". Pochi i dubbi sul riconoscimento dei cadaveri, fatto in base a ricognizioni fotografiche: "E' altamente probabile che siano i loro resti", ha concluso il presidente del Copasir.

Commenti

Vera_Destra

Gio, 03/03/2016 - 19:08

Ha perfettamente ragione Berlusconi, diciamo che la stessa massima andrebbe applicata sempre e non solo quando muoiono due nostri connazionali in Libia

milope.47

Gio, 03/03/2016 - 19:19

....Ma Silvio non ti preoccupare!. Vedrai che al primo raffreddore torniamo a casa. A meno che non intervengono gli amaraCANI.

WSINGSING

Gio, 03/03/2016 - 19:35

"elevato rischio di causare vittime innocenti se si dovessero intraprendere interventi frettolosi o superficiali". Quindi se si dovessero intraprendere operazioni mirate o "chirurgiche" come esposto da Berlusconi in occasione di una missione italiana in Iraq o in Afghanistan, non ci sarebbero vittime. Ma non credo sia così........

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Gio, 03/03/2016 - 20:06

Ma perche' date ancora spazio alle banalita' che dice questo povero anziano. Lasciatelo pascolare Dudu' in santa pace e non disturbatelo.

m.nanni

Gio, 03/03/2016 - 20:14

che occasione epocale da statista sciupata al vento, caro Silvio! Gheddafi andava difeso anche contro il bolscevismo becero italiano e Napolitano; tu ora ti prendi pure le colpe. ma quanto ci ha scosso la vicenda. tu, da premier dovevi spedire la portaerei Garibaldi sulle coste libiche per dire ai francesi di scagliarsi le bombe a Parigi, non a Tripoli. e Gheddafi lo dovevamo proteggere. guarda che casino creato da quelli che ora ci voglio trascinare a fare una guerra in Libia che non sentiamo proprio. forse il tuo elettorato non perdona quella resa a Napolitano, ai francesi e alla Clinton. Forza Trump. E fottitene delle cronache della Botteri!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Gio, 03/03/2016 - 21:04

Attenzione!!!!!! Ha parlato lo statiste de noartri .....

manente

Ven, 04/03/2016 - 00:33

Già una volta inglesi, francesi ed americani, si sono serviti di Napolitano per costringere il governo Berlusconi ad unirsi all'attacco alla Libia di Gheddafi, attacco che è stato assolutamente devastante per gli interessi dell'Italia, partner privilegiato della Libia. Le conseguenze le abbiamo viste con il danno economico per le nostre imprese e con la marea di migranti arrivati in Italia. Commettere la seconda volta lo stesso errore, soprattutto dopo i finti bombardamenti di Nato ed Usa contro l'Isis in Siria, sarebbe pura follia suicida che metterebbe a rischio anche i lavoratori e le imprese italiane presenti in Libia "nonostante" l'Isis.

edo1969

Ven, 04/03/2016 - 07:10

Berlusconi doveva avere il coraggio di dire un grosso NO a Napolitano quando spingeva per la Guerra in Libia nel 2011. A costo di dimettersi da PdC, cosa che comunque accadde pochi mesi dopo. Ora così spiace dirlo ma non ha più nessun titolo per parlare di "intraprendere interventi frettolosi e superficiali": è infatti esattamente ciò che fece il suo Governo.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 04/03/2016 - 07:42

La BOIATA fatta dagli USA, dai FRANCESI e dagli INGLESI, sulla LIBBIA,"""LA STIAMO PAGANDO, SOPRATUTTO NOI ITALIANI E I GRECI IN PRIMA LINEA""" Il resto dei paesi membri Europei,HÀ TANTE PAROLE DI BUONISMO, MA LA REALTÀ È UN`ALTRA,"""HANNO SOTTOVALUTATO IL PROBLEMA ED ORA LA CASTAGNA BOLLENTE LA PASSANO ALLA POPOLAZIONE""". Io proporrei che i parlamentari di tutti gli stati, che hanno sovvenzionato vendendo armi e che tutt`ora le vendono e quelli che hanno assecondato la caduta di Gaddafi con la rivoluzione araba di pagare le conseguenze ??? """COMPRESE LE BANCHE CHE CON LE LORO SPECULAZIONI, SONO LA CAUSA DI QUESTA CRISI CHE NON "VOGLIONO FAR FINIRE"!!!