Un libro a settimana racconta il mondo "fuori dal coro"

Da domani con ilGiornale

Domani Il Giornale inaugura una nuova iniziativa editoriale. Ogni giovedì troverete in edicola, insieme al quotidiano, un libricino che andrà a comporre nel tempo la collana di attualità «Fuori dal coro», parola d'ordine dei fondatori e di tutti i giornalisti e collaboratori che in 42 anni hanno scritto su queste pagine. Parliamo di libri-pamphlet, genere letterario caduto un po' in disuso dopo essere stato lo strumento letterario più efficace per tenere sveglie, o risvegliare, le coscienze dei popoli. Dal Settecento in poi, quando nacquero in Francia, i pamphlet hanno lanciato, e ne sono stati la linfa vitale, le più grandi polemiche culturali e politiche che hanno attraversato e scosso l'Europa. Se oggi pochi se ne stampano non è certo colpa del mezzo - che mantiene intatto il suo fascino con quell'aspetto da libro e quella forma da lettera a un amico -, ma della scarsità di contenuti. Scarsità che è figlia della rinuncia della maggior parte della classe intellettuale e giornalistica del Paese a polemizzare con il potere costituito, a meno che - ovviamente - non si tratti di Silvio Berlusconi o di Matteo Salvini.Viviamo sotto una cappa di «pensiero unico politicamente corretto», al quale ti devi adeguare o «sei fuori». Ecco, questa collana sarà una guida a trovare un varco nella cappa, boccate di ossigeno per vivere liberi e scorretti: liberi di chiamare le cose con il loro nome, di scegliere cosa è giusto e cosa sbagliato, di rifiutare l'etica modernista che sta cercando di imporci cosa mangiare, come vivere il nostro privato e come spendere i nostri soldi per «non essere fuori».Il primo volume che trovate domani, scritto dal nostro brillante Luigi Mascheroni, fa un po' da prefazione a tutta la collana, ne indica spirito e nerbo. Il saggio si intitola: «Come sopravvivere al politicamente corretto», gustoso antipasto, indispensabile per affrontate attrezzati una lunga serie di scorrettezze d'autore. Vi anticipo la prossima: il memorabile discorso con cui il sindaco di Londra, il thathceriano Boris Johnson, ha annunciato - in dissenso con il suo capo e amico Cameron - il sostegno al referendum per fare uscire la Gran Bretagna dall'Europa. Da non perdere, vi assicuro che vale ben più del piccolo sovrapprezzo che in cambio vi chiediamo. Grazie e buona lettura.

Commenti

glasnost

Mer, 02/03/2016 - 09:27

Tommaso d'Aquino scriveva : "cave ab homine unius libri". Grazie Giornale di cercare di riaprire lo sviluppo culturale paralizzato dal conformismo buonista cui oggi tutti si devono adeguare. Tanto che, chi la pensa in modo diverso dal manovratore, non ha neanche il diritto di parlare. Tra il silenzio dei sedicenti intellettuali.

idleproc

Mer, 02/03/2016 - 10:48

Complimenti.

edo1969

Mer, 02/03/2016 - 12:21

ottima iniziativa! leggere un buon libro, specie "fuori dal coro", fa sempre bene a tutti quanti, comprerò senz'altro questi numeri del giovedi'

fisis

Mer, 02/03/2016 - 13:28

Bene, non vedo l'ora di leggerli. Per uscire da questa cappa asfissiante del politicamente corretto che, nell'epoca del renzismo, sta diventando veramente soffocante e nauseabonda.

Mizar00

Mer, 02/03/2016 - 17:02

Ottima iniziativa! Ne vogliamo di più!

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mer, 02/03/2016 - 17:35

Egregio direttore, ormai sono abituato a leggere su tablet ed ebook. Perchè non prevedete la possibilità di inviare questi libri-pamphlet anche in versione files? Sarebbe più comodo leggerli, archiviarli e conservarli. Grazie. Giorgio Pulici

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Mer, 02/03/2016 - 21:53

Eccellente idea.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Gio, 03/03/2016 - 07:00

Lodevole iniziativa, caro Direttore. Sono lieto di apprendere che la vostra iniziativa editoriale si concentrerà sui pamphlet fuori dal coro. Temo sia tardi in quanto la mente della moltitudine è ormai compromessa. Comunque, l'importante è dare un segnale forte e chiaro per le orecchie di coloro che, nonostante tutto, non si arrendono. Grazie.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 03/03/2016 - 12:18

(3)Mi auguro che tra questi libri "Fuori dal coro" ci sia anche "Cattiva maestra televisione" (Ed. Marsilio), un testo illuminante. L’edizione aggiornata del 2012 comprende una lunga prefazione di Giancarlo Bosetti (un po’ troppo sinistrorso a tratti), brevi scritti di John Condry, Jean Baudouin, Raimondo Cubeddu e perfino uno scritto di Karol Wojtyla. Ma la perla è “Una patente per fare TV”, del filosofo austriaco Karl R. Popper, che concentra in dieci paginette il succo del problema dell’uso spregiudicato e pericoloso del mezzo televisivo. Questo testo, al quale aggiungerei anche “La civiltà dello spettacolo” del Nobel per la letteratura Mario Vargas Llosa, dovrebbe essere la Bibbia di chi opera nel mondo della televisione e della stampa (ma anche per il pubblico). Diverse volte nei commenti l’ho citato, consigliandone la lettura: 120 paginette di saggezza applicata ai media.

Patriziaelfo

Sab, 13/08/2016 - 17:07

Buonasera, Dove posso trovare gli arretrati o come posso Acquistarli? Grazie.