Licenziamenti a L'Unità: protesta del Pd e del Cdr

Acque agitate a L'Unità. Il Pd protesta contro la scelta dell'amministratore delegato per l'invio di lettere di licenziamento collettive

Acque agitate a L'Unità. Il Pd protesta contro la scelta dell'amministratore delegato per l'invio di lettere di licenziamento collettive. "Esprimiamo il nostro sconcerto e la nostra indignazione nell’apprendere della decisione dell’Amministratore delegato dell’ Unità di procedere all’invio di lettere di licenziamento collettivo, non solo senza aver interpellato il Pd, socio di minoranza, ma, peggio, senza alcun preavviso nei confronti dei lavoratori cui va la nostra piena solidarietà".

È quanto sottolineano fonti del Partito Democratico. "Lo sconcerto - proseguono le stesse fonti - è anche amplificato dal fatto che ciò è avvenuto alla vigilia dell’Assemblea dei soci prevista per domani, 12 gennaio, nella quale il Pd dichiarerà la volontà di assicurare la continuità aziendale procedendo all’aumento di capitale pro quota. Confidiamo che analoga decisione sia assunta dal socio di maggioranza. Se qualcuno invece, con spregiudicatezza, pensa di compromettere il progetto editoriale, a tutto danno dei lavoratori e della storia dell’ Unità, sappia - si rileva ancora - che il Pd è fortemente determinato a scongiurare che questo avvenga". E fa sentire la sua voce anche il Cdr. "È inaccettabile la strada di una riduzione del personale all’ Unità senza percorrere la strada degli ammortizzatori sociali, in una parola licenziamenti. Non possiamo tollerare - dice la nota sindacale - la violenza e la totale mancanza di rispetto nei confronti della rappresentanza sindacale di una azienda che oggi, a ventiquattro ore da un’assemblea dei soci decisiva per il futuro de l’Unità, ha deciso di inviare ad un incontro fissato da tempo una rappresentante delegata, che nulla ha a che vedere con l’azienda di cui siamo dipendenti per comunicarci l’intenzione di procedere ’immediatamentè alla riduzione del personale all’ Unità senza percorrere la strada degli ammortizzatori sociali". Il Cdr aggiunge "non possiamo accettare la forma di quanto avvenuto, e di cui non era stato informato il Partito Democratico, socio di minoranza, e il presidente del consiglio di amministrazione Chicco Testa, e ovviamente non possiamo accettarne la sostanza. Respingiamo al mittente con la massima fermezza, soprattutto, il tentativo di addossare la colpa di un atto unilaterale alla rappresentanza sindacale, accusata dall’azienda di aver respinto un piano di contenimento dei costi che prevedeva la trasformazione su base volontaria di 12 contratti ex articolo 1 in altrettanti ex articolo 2".

Commenti

Libertà75

Mer, 11/01/2017 - 18:19

ma se il giornale di partito oramai è la repubblica, il cui padrone non manca di ricevere laute ricompense per le sue prestazioni

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 11/01/2017 - 18:21

Con la storia del pluralismo, è diventato un carrozzone da mantenere più volte. C'è un limite anche alla decenza. Se non ci stanno nelle spese, o si abbassino gli stipendi (che paga loro pantalone) oppure licenzino, come fanno tutte le altre attività, che oltre tutto sono produttive.

cecco61

Mer, 11/01/2017 - 18:24

Se non sta in piedi è giusto che si licenzi o che chiuda i battenti. Ancora una volta, purtroppo, ammortizzatori sociali pagati dai cittadini per un qualcosa destinato comunque al fallimento. Tra due anni la situazione sarà la stessa, tanto paga Pantalone.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 11/01/2017 - 18:25

Si mettano d'accordo con la Camusso e facciano uno sciopero o forse la Camusso non ci sente con questi Padroni?

aldoroma

Mer, 11/01/2017 - 18:32

a casa tutti

Anonimo (non verificato)

Mobius

Mer, 11/01/2017 - 18:35

Licenziamenti?? Compagni, come osate... Ma allora per tanti anni ci avete preso tutti per il c.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mer, 11/01/2017 - 18:35

Non possono usare i vaucher? Tanto anche la CGIL li usa alla luce del sole.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 11/01/2017 - 18:39

Poveri, pdioti, adesso fanno anche una "guera fratricida"..

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 11/01/2017 - 18:45

I pdioti faranno in modo da non licenziare nessuno; tanto se il giornale fallirà ci pensa pantalone, come ha già fatto in passato.

diesonne

Mer, 11/01/2017 - 18:50

diesonne i carrozzoni si rottamano

nikolname

Mer, 11/01/2017 - 18:52

Il problema non sono i licenziamenti, il problema che si tratta di un giornale di partito, fallito, che è stato resuscitato con i soldi degli italiani, questo è lo scandalo ... le veline rosse che se le paghi il PD altrimenti a casa come succede nei paesi civili ...

Anonimo (non verificato)

maurizio50

Mer, 11/01/2017 - 19:12

Il gioco delle tre carte: Il PD protesta, la direzione licenzia, il contribuente finirà col pagare gli stipendi ai licenziati. Signori questo è il socialismo all'Italiana!!!

Miraldo

Mer, 11/01/2017 - 19:15

Non sentiremo certo la mancanza se chiudono giornali comunisti come l'Unità e il Fatto Quotidiano................

mezzalunapiena

Mer, 11/01/2017 - 19:16

la democrazia di sinistra

VittorioMar

Mer, 11/01/2017 - 19:17

...hanno perso lo SPONSOR??

roliboni258

Mer, 11/01/2017 - 19:28

certo che questi sinistri falliscono da tutte le parti,banche giornali ecc ecc,e vogliono governare l'Italia,poveri noi

Anonimo (non verificato)

pastello

Mer, 11/01/2017 - 19:35

Forza 5 Stelle all'attacco, un'altra caterva di voti in arrivo.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

bruco52

Mer, 11/01/2017 - 19:46

Basta con questa agonia, quanti anni sono che cercano di far campare questo giornale, con i soldi dello stato e cioè dei contribuenti? la chiudano definitivamente e non se parli più....

guardiano

Mer, 11/01/2017 - 19:58

Ora capisco perche la compagnia dei DEM-enti rossi si ostinano a rompere i maroni su questo giornale con i loro ottusi post, non postavano sull'unita per paura di essere licenziati, hoooooooi.

callaghan

Mer, 11/01/2017 - 20:02

UN BEL CIAONE A TUTTI I GIORNALISTI SGUATTERI DELL ' UNITA' , E IN MODO PARTICOLARE UN BEL CIAONE A RONDOLINO. CIAOOOONNNEEEEEEE S....ZO

mariod6

Gio, 12/01/2017 - 00:06

Mi pareva che fosse già fallita una volta e poi ripescata dal PD e messa in mano ad una tale giornalista che pare non abbia avuto molto successo. Se non ha abbastanza copie vendute (non forzate a destra e a manca) chiuda bottega e diventi l'ennesima cooperativa editrice, come quelle del figlio di Poletti. Chiedano a lui come si fa a prendere i soldi dello Stato e della pubblicità sul giornalino del quartiere.

Libero1

Gio, 12/01/2017 - 02:57

Dov'e' la grande notizia se l''unita richiede.Ma chi volete che legga quanto scritto da quattro scarapocchini komunistti.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 12/01/2017 - 08:33

tutti a casa comunisti ahahahahah

portuense

Gio, 12/01/2017 - 08:45

è un pozzo senza fondo, è fallita 2/3 volte, un giornale che ormai non legge piu' nessuno e va avanti con i soldi pubblici. BASTA. chiuderla definitivamente e cosi anche l'alitalia, BASTA