L'inferno del giovane uruguaiano: "Abusato da 3 preti, uno è ligure"

Si racconta a viso scoperto in un video realizzato dalle telecamere di XIXTV. Ecco l'incredibile storia di un ragazzo abusato fin da bambino da un sacerdote ancora in libertà

"Mi ha abusato in Uruguay, e anche qui in Italia". Una storia raccontata a fatica, dove il giovane, che oggi ha 29 anni, ripercorre la sua infanzia e la sua adolescenza segnate da momenti e persone che mai potrà dimenticare. Troppi sono gli abusi, gli inganni, i gesti, gli sguardi di quei preti pedofili che gli hanno rovinato l'esistenza.

Nato in Brasile, abbandonato dalla madre e dal padre, a soli sei mesi è stato affidato a un istituto cattolico in Uruguay fino all'età di otto anni. Era considerato orfano a tutti gli effetti: senza genitori, senza documenti, senza nessuno che potesse difenderlo. Così sono iniziate le lunghe notti in parrocchia, dove veniva invitato da quel prete missionario italiano a dormire. Eppure, anche se lui ancora non poteva capire, racconta di un prete che li toccava i genitali gemendo. Il racconto, sofferto e rabbioso, continua: "A 14 anni sono venuto in Italia per studiare e prendere il diploma da infermiere. Nuovamente vengo accolto dal quel prete italiano a Savona in una parrocchia dove mi garantisce i soldi per studiare, per i vestiti e tutto il resto. Ma in cambio vuole farsi massaggiare, diceva che ne aveva bisogno". Il prete che gli fa da tutor è don Francesco Zappella, attualmente parroco a Borghetto Santo Spirito e in passato missionario proprio in Uruguay, per cui la onlus Rete L’Abuso ha chiesto ufficialmente a monsignor Guglielmo Borghetti, vescovo coadiutore della Diocesi di Albenga, la rimozione e l’apertura di un processo canonico.

Inizia così una sorta di terrorismo psicologico: "Non voleva che avessi la ragazza, diceva di amarmi come un padre ama il proprio figlio, mi abbracciava, voleva fare sesso, mi toglieva i vestiti e mi toccava". Il sacerdote in questione, che giustificava i suoi gesti dicendo di amare come un padre, ogni volta riusciva a convincere il povero giovane, arrivando addirittura a minacciarlo di toglierli il denaro, se si fosse rifiutato di contraccambiare il suo amore. "Quando diceva di amarmi io ci credevo - racconta nel video- mi aiutava, mi difendeva, però poi voleva i miei baci. Compra la gente con i soldi per tenersela vicino e la ricatta. Chissà quanti ragazzi in questi anni hanno subito quello che ho subito io. Era l'inferno". A un certo punto del racconto, il giovane arriva addirittura a confessare che: "Quando mi sono reso conto di quello che il prete mi faceva ho pensato di suicidarmi. Non capivo, perché da una parte diceva di amarmi come un padre e dall'altra faceva certe cose".

Un prete considerato da tutti "lindo e buono", che dice messa, che aiuta, che e' amico, "ma una volta rientrato in parrocchia si trasforma, ride di fronte ai ragazzini e li vede come un premio e ne approfittava". La gente viene ingannata, nessuno sa, però chi lo ha conosciuto come me, non ha il coraggio di affrontarlo perché lui può tutto, può pagare l'avvocato e tutto il resto". Il giovane ha trovato il coraggio e ha deposto in Uruguay e ha avuto la possibilità di deporre anche in Italia a Savona. La versione del prete: "Solo calunnie, sono sereno". Interpellato dal Secolo XIX, don Zappella (accusato insieme con due sacerdoti che vivono in Uruguay, padre Gabriel Tojos e padre Sebastian Silvera) si è detto "sereno", perché "sono tutte calunnie" e anche perché "il vescovo ha rifiutato le mie “dimissioni”, resto a disposizione della giustizia".

Oggi, il giovane è diventato padre, e il dolore, le umiliazioni, le sofferenze, i brutti ricordi, lasciano spazio alla rabbia e a una paura:"che mio figlio o qualcuno vicino a me possa incrociarlo". Lui da sempre diceva agli atri preti missionari quanto gli veniva fatto ma "si coprivano tutti, era una mafia".

Commenti

Grix

Gio, 10/09/2015 - 13:07

Messaggio per la Onlus Rete L'Abuso: ma perche' un processo canonico e non uno penale? Chi se ne frega del "diritto canonico". Siamo in Italia ed esiste il Codice Penale. Se questo non viene applicato ma viene applicato solo quello "canonico", allora non lamentiamoci della sharia. I religiosi sono uguali ovunque.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 10/09/2015 - 13:36

Francè... pensa a risolvere questi problemi, che ai nostri ci pensiamo noi.

Diegob

Gio, 10/09/2015 - 13:37

alla giustizia ci penserà Dio, questi preti andrebbero mandati a fare volontariato in Siria....

Diegob

Gio, 10/09/2015 - 13:49

Se il papa dovesse risolvere questi problemi, la chiesa sarebbe finita...

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 10/09/2015 - 14:01

ed ecco perche' I preti fanno il diavolo a quattro per poter avere piu' clandestini in Italia

ortensia

Gio, 10/09/2015 - 14:33

O son busoni o son pedofili. Cosa insegnano nei seminari?

kallen1

Gio, 10/09/2015 - 15:29

Bertone, Bagnasco, Galantino dove siete? Muti e sotto traccia eh? Vedete di che cosa dovete occuparvi? E non intromettetevi nelle storie di casa nostra che ne avete già tante di Vostre. O siete come quello che vede la pagliuzza nell'occhio dell'altro e non la trave che ha nel proprio?

i-taglianibravagente

Gio, 10/09/2015 - 15:31

Processi penali possibilmente seri...altro che palle.

Ritratto di TAINA

TAINA

Gio, 10/09/2015 - 15:45

PORCI PORCI PORCI

i-taglianibravagente

Gio, 10/09/2015 - 16:01

ah certo.....se tanto mi da tanto e il sig. galantino segue una logica....stavolta gli sentiremo dire delle parolacce. Sia buono e almeno ci risparmi il silenzio COLPEVOLE che ahime' ...ci aspettiamo.