L'insulto razziale non è più reato. Arriva la prima assoluzione

Grazie alla depenalizzazione di alcuni reati dovuti al governo Renzi, un uomo dovrà solo pagare una multa dopo che era accusato di ingiuria aggravata dalla discriminazione razziale

La circolare numero 6 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 5 febbraio scorso, entrata in vigore il 6, approvata dal governo Renzi ha permesso la depenalizzazione di alcuni reati.

La decisione ha permesso così ad Angelo Savi, accusato di ingiuria aggravata dalla discriminazione razziale dopo che nel 2014 aveva apostrofato il vicino di casa dicendo "marocchino di m...", di passare da imputato di fronte al tribunale in composizione collegiale a una semplice multa. È stato assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge. Ora gli atti sono stati trasmessi al prefetto che quantificherà la pena pecuniara. Il procuratore Francesco Saverio Pavone, della pubblica accusa, ha commentato: "Con questo decreto c’è libertà di ingiurie".

Come riporta Il Gazzettino, l’assoluzione infatti è l’effetto delle disposizioni in materia di depenalizzazione a norma dell'articolo 2, comma 2, della legge 28 aprile 2014, numero 67. Una legge che ha cancellato 41 reati

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 11/02/2016 - 16:43

Temo che il povero Sig. Savi si vedrà appioppare una multa piuttosto salata:mentre in caso di reato e condanna difficilmente sarebbe finito in galera ma ci sarebbe stata la sospensione della pena,adesso con la depenalizzazione la multa SI PAGA:non dimentichiamoci che questa è opera del governo del buffone fiorentino che,alla faccia del calo delle tasse e dei famosi 80 euro con questi colpi di spugna ha trovato il modo di incrementare le entrate.Vedasi anche il famigerato canone rai in bolletta.Tutte spregevoli manovre della sinistra che quando si tratta di incassare,tassare e spendere (sprecare) alla grande non è seconda a nessuno.

Libertà75

Gio, 11/02/2016 - 16:59

secondo me non c'è libertà di ingiuria, ricevi comunque una multa per un illecito amministrativo e compensi comunque il danno in via monetaria alla controparte... Resto comunque basito che vi sia l'aggravante della discriminazione razziale, perché se tale cosa esistesse veramente allora bisognerebbe multare tutti i politici del PD che fanno sempre politiche contro gli italiani e contro i cristiani.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 11/02/2016 - 18:26

allora... cominciamo! i cre.tini di sinistra sono dei marocchini di mmmmmmmmm.erda!!! :-)

Una-mattina-mi-...

Gio, 11/02/2016 - 18:27

L'unico che ingiurierà illimitatamente sarà il nullatenente oppure sono previste forme alternative? Altrimenti non vedo come la legge possa essere uguale per tutti.

Pisslam

Gio, 11/02/2016 - 18:57

io gli avrei gridato: "sono nullatente, brutto negro di m3rda"

Linucs

Gio, 11/02/2016 - 19:52

Ahahahahah! La discriminazione razziale voluta dai soliti noti per imporre dubbio e terrore nei cittadini (europei e pallidi). Prima o poi arriverà il conto da pagare per questi signori?

Blasius

Gio, 11/02/2016 - 21:03

Oramai sono proprio gli immigrati a darci del Razzista di mxxxa forti di molti sxxxxxxxxxi compiacenti.

ziobeppe1951

Gio, 11/02/2016 - 23:25

Diamogli del 71 (nella smorfia è la mer.da)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 12/02/2016 - 00:46

La depenalizzazione del reato di ingiuria è l'ennesima sottomissione del governo all'oziosità della magistratura. LE TOGHE ROSSE sono così padrone del parlamento DA ARRIVARE A IMPORRE CIÒ CHE PIÙ AGGRADA AI LORO INTERESSI IN SPREGIO A QUELLI DEL PAESE SANCITI DALLA COSTITUZIONE.

nunavut

Ven, 12/02/2016 - 02:08

Se una persona di altra etnia mi dicesse Italiano di mxxxa posso denunciarlo e posso essere sicuro di ricevere l'indenizzo fissato dal giudice?? o quella persona se ne va tranquillamente nel resto dell'Europa e mi lascia con l'insulto e la beffa,visto che se sono Italiano e non voglio trasferirmi altrove (altro stato) sarò cmq. obbligato a pagare. Certo che un Pontalti mi direbbe che la condanna vale anche negli altri paesi dell'EU, ma chi se ne frega delle condanne italiane all'estero.

mariolino50

Ven, 12/02/2016 - 09:10

Le parolacce non hanno mai ammazzato nessuno, nemmeno la multa ci dovrebbe essere, in certe zone d'Italia siamo anche a rischio, visto la notevole maleducazione media. Se uno non ama negri, marocchini, finocchi e altro deve poterlo dire, l'amore non si impone a forza di legge, eneanche si compra, solo la violenza e le persecuzioni andrebbero punite.

Ritratto di .sandrinoI£Mazzulatore.

.sandrinoI£Mazz...

Ven, 12/02/2016 - 09:21

una sanzione per averlo apostrofato marocchino di m...arrakech? roba da matti

Cio

Ven, 12/02/2016 - 10:37

Tutti gli immigrati anche non di mmmmmm a casa di Renzi e company

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 12/02/2016 - 10:42

uno spara una parolaccia ed è multato, mentre i centri sociali possono sparare di tutto contro polizia ed ai leghisti e non pagono niente. Certo che è un mistero la giustizia italiana. La legge è uguale per tutti, una cippa, come direbbe Salvini.

carlo196

Ven, 12/02/2016 - 11:32

Come dice il procuratore "Con questo decreto c’è libertà di ingiurie" però si alleggeriscono i tribunali di inutili procedimenti che fanno solo perdere tempo causando prescrizioni a gogò anche per cause serie.