La lite sui beni dell'Avvocato Agnelli: quasi metà erano offshore

Il signore indiscusso del capitalismo italiano del '900 ha lasciato secondo le carte ufficiali un'eredità di circa 1,6 miliardi.

Il signore indiscusso del capitalismo italiano del '900, Gianni Agnelli, ha lasciato secondo le carte ufficiali un'eredità di circa 1,6 miliardi.

L'entità della somma, valutata al momento della morte dell'Avvocato, nel gennaio del 2003, risentiva della non brillantissima situazione del gruppo Fiat di quegli anni. A complicare le cose un procedimento giudiziario avviato da una dei due eredi, la figlia Margherita (l'altra è la vedova Marella), nel quale i magistrati dichiararono "verosimile" l'esistenza di un'ulteriore quota di patrimonio, pari a circa 1 miliardo, non dichiarata alle autorità.

Commenti
Ritratto di semperfideis

semperfideis

Lun, 16/01/2017 - 18:16

In quegli anni abbiamo assistito al più grande bluff di tutta la storia....Se la Fiat andava male i pensavano i vari governi a dare i soldi ..La Fiat faceva sfracelli nelle vendite i soldi andavano tutti a casa Agnelli e a qualche politico...e De bendetti ha seguito le orme....addamoriammazzato

Anonimo (non verificato)