Londra, il testimone italiano: "Ho capelli e orecchie bruciati"

Alfonso era sulla metropolitana dove un ordigno è esploso. 29 le persone ferite

Si trovava a Londra, nella metropolitana in cui stamattina si è verificata un'esplosione e in cui un ordigno è poi stato rinvenuto dalle forze di sicurezza. Alfonson Cardarelli, 24enne studente italiano di Viterbo, racconta al sito del Fatto Quotidiano cos'è successo e cos'ha vissuto in quegli attimi.

"La bomba era proprio dietro di me", racconta Cardarelli, che aggiunge: "Ho visto le fiamme a destra e sinistra e sono uscito, subito". Il giovane italiano, a Londra per un corso di legal english, ha notato lo zaino in fiamme e se l'è tolto dalle spalle. "Mi sono bruciato i capelli, sulla nuca, e le orecchie", dice al quotidiano.

Ventinove le persone che sono rimaste ferite in quello che la polizia considera un episodio di terrorismo, messo a segno nella stazione della metropolitana di Parsons Green. "Un ordigno artigianale", secondo un esperto di esplosivi, che non farebbe pensare a un coinvolgimento di gruppi come lo Stato islamico.