Lubitz usò dei lassativi per allontanare il pilota dalla cabina dell'Airbus?

Secondo la stampa tedesca il copilota dell'A320 avrebbe cercato informazioni su Internet sugli effetti dei lassativi: un modo per allontanare il collega dalla cabina?

Si aggiunge un nuovo elemento al giallo sulla sorte dell'Airbus A320 della Germanwings schiantatosi sulle Alpi francesi: dall'elenco delle ricerche internet effettuate da Andreas Lubitz nei giorni precedenti al disastro è emerso che il copilota avrebbe cercato informazioni sui lassativi.

Una chiave di ricerca che potrebbe far sorridere, se non celasse un inquietante interrogativo: Lubitz studiò il proprio piano con tale cura da preparare anche un micidiale cocktail lassativo per il primo pilota e costringerlo così ad andare in bagno? Nelle scorse settimane era emerso che Lubitz si era affidato alla rete per reperire informazioni sulla porta della cabina e sul suicidio.

Questa mattina il quotidiano tedesco Kolner Express, ripreso poi tra gli altri dal francese Paris Match, riporta la notizia dell'interesse di Lubitz per gli effetti dei lassativi. Lassativi che avrebbe poi potuto propinare al collega Patrick Sondheimer, primo pilota del volo della Germanwings forse poi colpito da un caffè "corretto" che sarebbe stato fatale a 150 persone.

Il procuratore di Dusseldorf, Christoph Kumpa, non ha voluto per il momento rilasciare dichiarazioni in merito all'ipotesi del lassativo. Certo è che gli elementi che fanno pensare a una totale premeditazione del gesto si susseguono con sempre maggiore frequenza.

Commenti
Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Mer, 08/04/2015 - 14:55

Oh, ma che "abbondanza" di indizi. Neanche a farlo apposta tutto collima. Un tassello al giorno. Mi vien davvero da pensare che chi mal pensa bene pensa...

edo1969

Mer, 08/04/2015 - 16:49

mr.cavalcavia che vorresti dire? abbi il coraggio di esplictare o fai come i soliti complottisti fumosi che vedono cose "dietro" che noi non vediamo?

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Gio, 09/04/2015 - 04:00

@edo1969: non si tratta di essere complottisti, ma bensì di avere un giudizio critico sulle notizie che ci vengono trasmesse. Se per lei la vicenda è chiara, buon per lei. La invito a riflettere su certe notizie che non quadrano. Dicono che il pilota ultimamente facesse determinate ricerche su internet, tra le quali la porta dell'aereo. E’ normale che un pilota di linea si debba informare via internet su parti strutturali dell'aereo quando potrebbe aver accesso a tutti i manuali dell'aereo? Le sembra normale che un pilota non sia a conoscenza del funzionamento della porta della cabina? Attenzione che, non voglio dire che sono stati gli UFO o raggi laser a far cadere l'aereo, ma questo attacco mediatico contro una persona che ormai non può difendersi sembra la copertura per certe mancanze. Immagini lei se LH dovesse tenere la flotta a terra perché in realtà il problema è tecnico! Meglio dare la colpa a qualcuno perché pazzo, e nel frattempo sistemare i problemi tecnici.

edo1969

Gio, 09/04/2015 - 10:53

gabriele74-cina ma di quale problema tecnico dovrebbe trattarsi scusi? perché parlate per sottintesi? Sì per me la vicenda è sempre più chiara: LH è non 1 ma 1000 volte colpevole, anzi questa "abbondanza d'indizi" lo evidenzia. Gli psichiatri che non avvertirono mai LH: dovrebbero essere per procedura obbligati a farlo. I controlli sullo stato mentale dei piloti dovrebbero essere severissimi, furono invece ridicoli. La possibilità di bloccare la porta senza che almeno il pilota potesse riaprirla con un codice segreto. Ecc ecc. Spero che LH pagherà ma non mi faccio illusioni. Ma le cose sono sotto gli occhi di tutti, basta con le ridicole caccie agli UFO per ogni fatto di cronaca: quindi per lei si sono inventati che andava su internet a fare tali ricerche?

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Gio, 09/04/2015 - 15:53

edo1969: vede, certe compagnie aeree per risparmiare minimizzano i controlli al minino richiesto e spesso usano pezzi di ricambio provenienti da aerei dismessi. L'ipotesi del problema tecnico comunque esiste, visto che sembra che le maschere d'ossigeno fossero rilasciate. La discesa dell'aereo anche se consistente non avrebbe causato problemi di de-pressurizzazione, cosa a cui le mascherine servono. Ne io e ne lei possiamo controllare il PC del copilota e quindi possiamo solo attenerci a ciò che dicono. Io ho dei dubbi, fortunato lei che non se li pone. In passato per casi analoghi di piloti suicidi, l'inchiesta è andata avanti per settimane prima di scoprire la realtà dei fatti. Dopo due giorni, si sapeva già tutto. Mi creda, non è normale, come non è normale che dopo l'incidente i piloti della compagnia di rifiutavano di volare. Perché? Lutto? non credo.